Alessitimia: che cos'è, sintomi, cause e trattamento

Ci sono persone che non sono in grado di sapere cos'è la gioia, la tristezza e non conoscono l'amore. Sembrano freddi e distanti, il mondo passa davanti ai loro occhi e non sembrano battere le palpebre per lo stupore. All'interno, sensazioni sconosciute e indecifrabili svolazzano senza poter essere espresse. Non senti davvero niente? L'incapacità di sentire l'amore è reale? Questa è la domanda che molte persone si pongono osservando tali persone. Le persone che soffrono di alessitimia. In questo articolo: Alessitimia: che cosa sono, i sintomi, le cause e il trattamento spiegheranno cosa succede nelle persone che hanno questa affettazione.

Cos'è l'alessitimia?

Alexithymia colpisce circa il 10% della popolazione secondo la Società Spagnola di Neurologia (SEN), interessando più uomini che donne. Pertanto, ha un peso importante nella società. Ma cos'è esattamente l'alessitimia?

Alessitimia: etimologia

Il termine alessitimia deriva dal prefisso greco "a -" (peccato) e dalle parole "lexis" (parola) e "thimos" (emozione, passione).

Che cosa è alexitimia

Per gli psicologi, l'alessitimia è un disturbo neurologico che rende impossibile rilevare e riconoscere le proprie emozioni e, quindi, rende incapace l'espressione emotiva della persona colpita, facendo sembrare che siano persone senza emozioni.

Qual è l'alessitimia in psicologia

  • Problemi interpersonali. Una persona con alessitimia ha difficoltà con le sue relazioni interpersonali, dal momento che non può dare un feedback emotivo alle persone nel loro circolo sociale. Ad esempio, una persona con alessitimia non potrebbe mostrare condoglianze o tristezza per la perdita di una persona cara da un amico o un familiare o non sarebbe in grado di mostrare gioia per la promozione di un collega al lavoro. In vista degli altri, un alessitimico sembra una persona con una mancanza di sentimenti, emotivamente insensibile, fredda, calcolatrice e pragmatica.
  • Disagio emotivo Sono davvero persone senza emozioni? L'alessitimia non implica un'assenza di emozioni, poiché un alessitimico le conserva ancora. Incapaci di riconoscere o definire il trambusto delle emozioni che provano, non sono in grado di regolare i propri sentimenti. Questo li porta a essere facilmente sopraffatti da sentimenti che non capiscono e che non possono controllare, generando un alto livello di sofferenza emotiva. Come previsto, implica una significativa usura della qualità della vita di una persona con alessitimia.

Chi soffre di alessitimia?

Il disturbo è di solito più presente nelle persone che hanno sofferto di una malattia neurologica o soffrono di disturbi psicologici, come depressione, ciclotimia, schizofrenia, disturbo schizoaffettivo o in pazienti con malattia di Parkinson.

Vi è un'alta incidenza di casi di alexithyma nelle persone con disturbi dello spettro autistico, presenti circa l'85% delle volte. Ci sono altri casi di alessitimia che non sono inclusi nella spiegazione precedente. Approfondirà l'argomento in seguito.

Alessitimia: sintomi

Le persone con alessitimia non sono in grado di riconoscere le proprie emozioni ed esprimerle. Pertanto, gli alessitimici mostreranno alcune caratteristiche di queste carenze nel loro modo di agire e comunicare. Quali sono i sintomi di alessitimia? Successivamente vedremo come sono le persone con alexithymia :

  • Mancanza di empatia per non essere in grado di riconoscere le emozioni degli altri.
  • Scarsa capacità di immaginare e fantasticare.
  • Indecisione: la mancanza di istrospezione verso le proprie emozioni rende difficile per loro conoscere le proprie motivazioni.
  • Pensiero e comunicazione semplici e concreti: non usano riferimenti astratti e non sono in grado di apprezzare l'arte o il simbolismo.
  • Aspetto distante e freddo.
  • Poca comunicazione verbale: parlano poco.
  • Poca comunicazione non verbale. Sembrano molto rigidi.
  • È difficile mantenere relazioni interpersonali.
  • Assenza di desiderio sessuale.
  • Confondono le emozioni con sensazioni corporee che non riescono a individuare.

Alessitimia: cause

Perché si verifica l'alessitimia? Qual è la causa dell'alessitimia? Non tutti coloro che soffrono di alessitimia hanno lo stesso profilo. A seconda della causa che ha causato l'insorgenza dell'alessitimia, i suoi sintomi e gravità possono variare. Si possono distinguere due tipi di alessitimia a seconda della loro origine:

1. Alexithymia primaria

La loro causa è biologica e sono i più gravi. In questi casi, esiste un deficit neurologico che può influenzare il cervello in due modi possibili:

  • Il deficit interferisce con la comunicazione del sistema limbico, che è coinvolto nella gestione delle emozioni, e la neocorteccia, coinvolta nel ragionamento.
  • È anche possibile che ci sia un deficit di comunicazione tra i due emisferi del cervello; comunicare l'emisfero sinistro, che è coinvolto nella produzione del linguaggio, con l'emisfero destro, che regola e cataloga le emozioni.

Questo tipo di alessitimia può avere un'origine ereditaria ed è mostrato nella prima infanzia, o appare dopo una malattia neurologica, come il Parkinson e la sclerosi multipla. Ci sono anche casi di alessitimia dovuti a ictus, tumori cerebrali o traumi.

2. Alessitimia secondaria

La causa è psicologica e la sua gravità è variabile.

  • Questo tipo di alexithyma può essere dovuto all'esperienza di esperienze traumatiche da parte della persona, sia nell'infanzia che nell'età adulta. Molte di queste persone tendono anche a soffrire di disturbo post traumatico da stress (PET).
  • Può apparire in vari disturbi psicopatologici come depressione, dipendenze o disturbi alimentari.
  • Può verificarsi in caso di disturbi dell'apprendimento emotivo a causa della scarsa educazione emotiva .

Alessitimia: trattamento

L'alessitimia ha una cura? Nella maggior parte dei casi, non sono i pazienti con alessitimia a fare il primo passo per iniziare il trattamento. La loro mancanza di comprensione di ciò che accade loro li induce a non associare i loro problemi a un problema psicologico. Pertanto, gran parte dei casi di alessitimia che vengono alla consultazione è dovuta all'insistenza da parte di terzi. Poiché non è volontario, il più delle volte, il trattamento dell'alessitimia è difficile se non vi è motivazione da parte del paziente e il supporto sociale sarà vitale per il successo della terapia.

Qual è il trattamento per l'alessitimia? Il trattamento per l'alessitimia si riduce lavorando sullo sviluppo di abilità e capacità di intelligenza emotiva. L'obiettivo sarà aiutare il paziente a riconoscere le emozioni, nominarle e quindi lavorare sull'autoregolazione emotiva .

L'origine dell'alessitimia dovrà essere presa in considerazione, poiché nel trattamento dell'alessitimia primaria ci sarà sia un trattamento farmacologico. Mentre il trattamento psicoterapico sarà più affettivo con le persone che hanno un'alessitimia secondaria.

Alessitimia: esempi

Per facilitare la comprensione di cosa sia l'alessitimia, lasciamo alcuni esempi per visualizzare meglio come sarebbe incontrare qualcuno che ha l'affetto:

  • Una persona che vede piangere un amico e si comporta come se nulla fosse successo, parlando di qualcosa.
  • Incontra una persona che non va al cinema o legge libri perché non li capisce.
  • Una coppia che è stata insieme per 6 anni e una di loro non ha mai detto "Ti amo" all'altra persona.

Alessitimia e sessualità

Come accennato in precedenza, le persone con alessitimia mancano di desiderio sessuale . Ciò non significa che non provino impulsi sessuali, ma che non possano identificarlo come tale e, quindi, non possano collegarli alla sessualità.

L'incapacità di riconoscere gli impulsi al momento causa, nel caso in cui tu abbia una relazione con qualcuno e quella persona voglia stabilire una relazione sessuale in un determinato momento, puoi scoprire che la persona affetta da alessitimia non è eccitata o sembra impotente .

Queste situazioni possono portare a frustrazione e problemi al partner. In questi casi, è importante che la coppia riconosca ed sia comprensibile con il coinvolgimento dell'alessitico, incoraggiando e promuovendo la partecipazione a un trattamento o cercando alternative in modo che i due possano godere della relazione.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Alexithymia: che cos'è, sintomi, cause e trattamento, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di psicologia clinica.

Raccomandato

Quando parlare con uno psicologo?
2019
Sgabello nero: cause
2019
Definizione di ansia - Origine, classificazione e concetti di base
2019