Baciare la malattia nei bambini: contagio e sintomi

La mononucleosi, nota anche come malattia del bacio, è un'infezione virale altamente contagiosa che colpisce più spesso gli adolescenti di età compresa tra 15 e 17 anni. Tuttavia, il suo contagio può verificarsi in qualsiasi tipo di persona e in qualsiasi momento della vita. Questa malattia è associata alla presenza nell'organismo del virus Epstein-Barr, un virus che appartiene alla famiglia dell'herpesvirus.

La mononucleosi nei bambini deve essere rilevata in tempo per evitare gravi complicazioni come l'anemia o la rottura della milza. Come sapere se un bambino ha la mononucleosi? Come viene trasmessa questa malattia? Queste sono alcune delle domande a cui rispondiamo in questo articolo di ONsalus sul baciare la malattia nei bambini: contagio e sintomi.

Cos'è la malattia del bacio?

La malattia del bacio è nota in medicina con il nome di mononucleosi ed è la malattia causata dal contagio con il virus Epstein-Barr. Per capire come questa patologia viene compilata nel corpo, è importante spiegare che i globuli bianchi sono i globuli che sono responsabili della lotta contro qualsiasi infezione, malattia o microrganismo che può influire sulla salute, per questo motivo sono noti come le difese dell'organismo .

Esistono diversi tipi di globuli bianchi e ognuno svolge una diversa funzione vitale. Ad esempio, i neutrofili, che aumentano in quantità quando c'è un'infezione nel corpo e attaccano batteri, linfociti, che sono quelli che aumentano quando il corpo è stato infettato da un virus, gli eosinofili, che sono associati alla presenza di allergie e parassiti e monociti, che sono quelli colpiti dall'infezione da mononucleosi.

Le cellule mononucleate o i monociti aumentano nel sangue quando il corpo è stato infettato da uno dei seguenti tre virus: citomegalovirus, toxoplasma ed Epstein-Barr, la persona responsabile del baciare la malattia. Per diagnosticare la mononucleosi nei bambini e negli adulti, sarà necessario eseguire un esame del sangue per conoscere la conta dei monociti, un rilevamento di anticorpi per sapere quale sia il microrganismo che colpisce il corpo e un test delle transaminasi per determinare se c'è un aumento che Può indicare un'infiammazione al fegato. Dato il risultato alterato di questi test, la conferma di Epstein-Barr nel corpo e i sintomi che il bambino presenta, la diagnosi di baciare la malattia è imminente.

Come si diffonde la malattia del bacio?

La mononucleosi è molto facile da diffondere ed è conosciuta come malattia del bacio perché viene trasmessa attraverso la saliva, quindi anche le gocce che emanano dalla bocca o dal naso attraverso starnuti e tosse Sono considerati una via di contagio. I vivai e le scuole sono i luoghi in cui il contagio si verifica più frequentemente. Nel caso di adolescenti che si ammalano di mononucleosi, la malattia viene generalmente trasmessa durante i primi baci.

Tuttavia, ci sono persone che sono state infettate dal virus Epstein-Barr e non hanno mai sofferto di mononuclesosi. Queste persone sono conosciute come "portatori sani" e sebbene non abbiano mai avuto sintomi di malattia, possono trasmettere il virus e diffonderlo ad altre persone. In effetti, si ritiene che il 95% della popolazione sia mai stata in contatto con il virus della malattia del bacio.

Le possibilità di infezione sono maggiori quando la persona con mononucleosi presenta i sintomi della malattia e anche fino a pochi mesi dopo la guarigione. Tuttavia, il periodo in cui una persona è contagiosa può variare in ciascun individuo. In considerazione del fatto che il virus Epstein-Barr può essere mantenuto in vita ore dopo essere stato fuori dal corpo, è importante evitare di condividere utensili o prodotti per uso personale come uno spazzolino da denti per evitare di baciare le malattie.

Sintomi della mononucleosi nei bambini

Il baciare la malattia nei bambini di solito inizia con malessere, affaticamento, mal di testa e disagio alla gola. Man mano che la malattia progredisce, il dolore alla faringe inizia a peggiorare e le tonsille si gonfiano e sono coperte da un film bianco giallastro. Si sospetta spesso che sia la malattia del bacio quando i nodi del collo si infiammano e quando vengono toccati avvertono dolore. Può anche apparire un'eruzione cutanea simile a un'eruzione cutanea.

In bambini o neonati molto piccoli, la malattia di solito si sviluppa come qualsiasi altra malattia virale, con fastidio per il corpo e molto muco. Tuttavia, nei bambini più grandi i sintomi della malattia del bacio sono:

  • Febbre che potrei raggiungere 39 ° C.
  • Decadimento o debolezza che possono durare per più di un mese a scomparire.
  • Infiammazione del fegato che viene controllata quando i livelli di transaminasi nel sangue sono elevati.
  • Infiammazione della milza.
  • Sonnolenza.
  • Mancanza di appetito
  • Mal di gola
  • Macchie rosse sulla pelle.
  • Linfonodi ingrossati nel collo e nell'ascella.
  • Se i nodi sono gonfi, può verificarsi gonfiore delle palpebre.

Altri sintomi meno comuni:

  • Dolore al petto
  • Hives.
  • Ingiallimento della pelle e degli occhi a causa di danni al fegato.
  • Sanguinamento dal naso
  • Aumento della frequenza cardiaca
  • Problemi respiratori
  • Sensibilità alla luce.

Trattamento della malattia del bacio nei bambini

Il riposo è essenziale affinché un bambino si riprenda completamente dalla mononucleosi e il trattamento è principalmente finalizzato a calmare i sintomi della malattia. Quando la malattia è molto grave, può essere indicato il consumo di farmaci steroidi. I medicinali antivirali di solito non offrono miglioramenti o benefici.

La mononucleosi non è una malattia che risponde al trattamento antibiotico. Pertanto, l'ideale sarebbe consumare antipiretici per controllare la temperatura corporea e antidolorifici da banco per migliorare il disagio generale. Trascorse 24 ore senza che il bambino abbia la febbre, inizieranno a superare la malattia.

Suggerimenti per curare la malattia del bacio

  • Bevi molti liquidi
  • Gargarismi con acqua calda salata per ridurre l'infiammazione e l'irritazione della gola.
  • Evitare qualsiasi sport o sforzo fisico se la milza è infiammata.
  • Mantieni il riposo fino al completo recupero.
  • Evita di mangiare con le posate di altre persone o di bere in bicchieri sajenos per evitare che le persone vicine vengano infettate.
  • Indossa una maschera.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili alla malattia del bacio nei bambini: contagio e sintomi, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria del sistema immunitario.

Raccomandato

Bassa sideremia: sintomi
2019
Coach and Play
2019
Storia e correnti del femminismo
2019