Che cos'è l'anoressia nervosa - Psicologia clinica

L'anoressia nervosa, spesso definita semplicemente anoressia, è un disturbo alimentare caratterizzato da basso peso, paura di ingrassare e forte desiderio di dimagrire, con conseguente limitazione del cibo. Molte persone con anoressia si considerano in sovrappeso anche se in realtà sono sottopeso. L'anoressia nervosa è caratterizzata dalla limitazione dell'apporto energetico persistente, dalla paura intensa di ingrassare e dall'alterazione del peso o dalla forma percepita da sé. Per alcune persone, limitare il cibo e il peso può essere un modo per controllare le aree della vita che si sentono fuori dal loro controllo e la loro immagine corporea può definire il loro senso di autostima .

Criteri per la diagnosi di anoressia nervosa

Rifiuto di mantenere il peso corporeo uguale o superiore al valore minimo normale considerando l'età e l'altezza (ad es. Perdita di peso che si traduce in un peso inferiore all'85% del previsto o mancato raggiungimento di un aumento di peso normale durante il periodo di crescita, con un peso corporeo inferiore all'85% del peso previsto).

Intensa paura di ingrassare o diventare obesi, pur essendo al di sotto del peso normale.

Alterazione della percezione del peso corporeo o della sagoma, esagerazione della sua importanza nell'autovalutazione o negazione del pericolo di basso peso corporeo.

Nelle donne postpubertali, presenza di amenorrea; ad esempio, l'assenza di almeno tre cicli mestruali consecutivi. (Si ritiene che una donna abbia amenorrea quando le sue mestruazioni compaiono solo con trattamenti ormonali, ad es. Con somministrazione di estrogeni).

Specificare il tipo:

  • Tipo restrittivo : durante l'episodio di anoressia nervosa, l'individuo non ricorre regolarmente a bingeing o purging (ad es. Vomito o uso eccessivo di lassativi, diuretici
  • Tipo restrittivo : durante l'episodio di anoressia nervosa, l'individuo non ricorre regolarmente a bingeing o purging (ad es. Vomito o uso eccessivo di lassativi, diuretici

Epidemiologia dell'anoressia

La prevalenza di anoressia nervosa è stata stimata tra lo 0, 5 e il 3% del gruppo di adolescenti e giovani donne. Queste cifre sono raddoppiate quando sono inclusi adolescenti "sani" con comportamenti alimentari anormali o con una preoccupazione anormale per il peso corporeo. Ballerini, atleti e ginnasti sono anche un gruppo ad alto rischio per sviluppare la malattia. Negli ultimi decenni c'è stato un aumento significativo dell'incidenza dell'anoressia nervosa nella popolazione adolescente. I disturbi dell'appetito sono più diffusi nelle società industrializzate occidentali e a livelli socioeconomici medi e alti, sebbene possano verificarsi in tutte le classi sociali. L'età media di presentazione è di 13, 75 anni, con una fascia d'età compresa tra 10 e 25 anni. Per quanto riguarda il sesso interessato, il maggior numero di casi si verifica nelle donne, con una distribuzione in base al sesso di circa 9-10 / 1.

Eziopatogenesi dell'anoressia

Le cause dell'anoressia nervosa sono ancora controverse. Dal punto di vista biosicosociale è possibile considerare i diversi fattori individuali (biologici e psicologici), familiari e sociali che convergono in modo tale che in una fase vulnerabile dello sviluppo appaia la malattia. È descritto come tratti premorbosi della personalità dell'anoressica, del perfezionismo, delle alte aspettative personali, della tendenza a soddisfare i bisogni degli altri e della scarsa autostima. Nell'adolescenza, queste caratteristiche si oppongono a compiti evolutivi centrali, come il consolidamento dell'identità e il funzionamento autonomo. Dal punto di vista dei fattori biologici gli studi sono inconcludenti, ma ci sarebbe un rischio genetico e una predisposizione fisiologica allo sviluppo della malattia. Le famiglie di pazienti anoressici sono state descritte con una tendenza all'agglutinazione, alla rigidità e alla prevenzione dei conflitti. Sono famiglie nelle quali esiste un'alta valutazione dell'abnegazione e in cui si cerca la predominanza del benessere e della stabilità della famiglia sui bisogni individuali. I fattori sociali coinvolti nello sviluppo della malattia sono la sopravvalutazione della magrezza nelle donne, insieme a forti incentivi a consumare un alto contenuto calorico, come un potente elemento culturale che favorisce che in individui e famiglie vulnerabili, i conflitti si trovano in Peso e immagine corporea. Infine, depressione, diete restrittive, nuove esperienze (pubertà, cambiamenti scolastici, ecc.) Ed eventi avversi della vita potrebbero scatenare la malattia nelle donne predisposte ad essa.

Tipi di anoressia nervosa

Anoressia di tipo restrittivo, Questo sottotipo descrive quadri clinici in cui la perdita di peso si ottiene con la dieta, il digiuno o l'esecuzione di un intenso esercizio fisico. Durante gli episodi di anoressia nervosa, questi individui non ricorrono al binge eating o allo spurgo.

Anoressia compulsiva di tipo purgativo . Questo sottotipo viene utilizzato quando l'individuo ricorre regolarmente a abbuffate o purghe (o entrambi). La maggior parte delle persone che subiscono episodi di abbuffata ricorrono anche allo spurgo, causando vomito o usando diuretici, lassativi o clisteri in modo eccessivo.

Ci sono alcuni casi inclusi che non si abbuffano, ma di solito ricorrono allo spurgo, anche dopo aver mangiato piccole quantità di cibo. Sembra che la maggior parte delle persone appartenenti a questo sottotipo ricorra a comportamenti di questa classe almeno settimanalmente, ma non ci sono abbastanza informazioni per determinare una frequenza minima.

Questi soggetti hanno maggiori probabilità di avere problemi di controllo degli impulsi, abusare di alcol o altre droghe, mostrare più labilità emotiva ed essere sessualmente attivi. Il decorso e l'esito del disturbo sono molto variabili.

Alcune persone si riprendono completamente dopo un singolo episodio, altre hanno un modello fluttuante di aumento di peso seguito da recidive e altri subiscono un deterioramento cronico nel corso degli anni. È più probabile che presentino altri problemi di controllo degli impulsi e rubino (León e Phelan, 1984).

Entrambi i tipi di anoressica mostrano preoccupazioni ossessive e provano molto stress. I risultati del test MMPI indicano che gli anoressici sono inclini alla depressione (León et al., 1985) e la depressione probabilmente continuerà dopo un trattamento efficace per il loro problema di peso (Toner et al., 1986). Uno studio ha confrontato l'esito a lungo termine per gruppi restrittivi e purgativi / compulsivi e ha scoperto che è quasi lo stesso quando si considerano i sintomi anoressici o il funzionamento sociale (Toner et al., 1986). Entrambi i gruppi hanno maggiori probabilità che un gruppo di controllo abbia sofferto di un disturbo affettivo o di ansia in qualche momento della loro vita. La differenza era che il gruppo purgativo / compulsivo aveva più probabilità di avere un disturbo da abuso di sostanze rispetto al gruppo restrittivo.

Di 105 pazienti, il 53% aveva perso peso a digiuno costante; il resto aveva fatto ricorso a episodi di assunzione vorace seguiti da spurgo o vomito. Sebbene entrambi i gruppi siano alla ricerca di snellezza, sono state riscontrate alcune differenze. Gli anoressici restrittivi erano più introversi e negavano di avere fame e angoscia. Quelli del tipo purgativo erano più estroversi, riferivano più ansia, depressione e senso di colpa, ammettevano di avere un appetito intenso e tendevano a essere maggiorenni (Sue, 1992).

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cos'è l'anoressia nervosa - Psicologia clinica, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di Psicologia clinica e della salute.

Raccomandato

Mia madre mi fa sentire in colpa: cosa devo fare?
2019
Puoi bere acqua prima di un esame del sangue?
2019
Posso prendere Cialis se sono iperteso?
2019