Clorexidina: di cosa si tratta, funzioni ed effetti collaterali

Nelle tue visite periodiche dal dentista, a seconda delle tue condizioni di salute orale, può raccomandare l'uso di collutori o prodotti dentali che contengono clorexidina e sarà anche molto specifico per quanto riguarda il tempo in cui dovresti usarlo o come dovrebbe essere somministrato. Questo prodotto è una delle migliori opzioni che il dentista ha per aiutarti a risolvere problemi specifici, ma nonostante le sue virtù ha anche alcuni effetti collaterali che limitano la sua implementazione a casi specifici. In questo articolo di ONsalus spiegheremo tutto ciò che devi sapere sulla clorexidina: che cos'è, funzioni ed effetti collaterali, in modo da non utilizzarlo in modo inappropriato quando il dentista lo consiglia per risolvere qualsiasi problema di salute orale.

Che cos'è la clorexidina?

La clorexidina è una sostanza antisettica ampiamente utilizzata nel campo dell'odontoiatria poiché previene la crescita di batteri e funghi . Si differenzia da un disinfettante perché mentre questi agiscono sui tessuti inerti, la clorexidina agisce sui tessuti viventi.

La clorexidina è contenuta in molti prodotti orali come dentifrici, gel, spray e soprattutto nei collutori e la sua presentazione è di diverse concentrazioni, essendo lo 0, 12% il più usato nell'area.

È un prodotto spesso indicato dal dentista per le sue estese funzioni ed effetti a livello orale, oltre ad essere un eccellente adiuvante per il trattamento di malattie come la gengivite o la parodontite.

Funzioni di clorexidina

La clorexidina, come abbiamo detto prima, è una sostanza antisettica che blocca la crescita di batteri e funghi, motivo per cui è in grado di prevenire l'insorgenza di malattie nella bocca che dipendono dalla presenza di questi microrganismi. Oltre a ciò, la clorexidina ha un effetto importante in termini di riduzione della placca batterica, quindi il dentista può indicarlo per il trattamento della gengivite o della parodontite, che sono malattie orali che dipendono dalla presenza di placca.

Viene anche usato per prevenire la diffusione di infezioni quando si eseguono interventi chirurgici come estrazioni dentali, posizionamento di impianti dentali o interventi chirurgici parodontali per eliminare il calcolo dentale, oltre ad aiutare a guarire le lesioni presenti nella bocca.

È anche usato in quelle persone che soffrono di afte o afte, perché aiuta a guarirle. Il modo migliore per usarlo in questo caso è come un collutorio dopo la spazzolatura.

Nel caso di qualsiasi altra ferita o disagio in un'altra parte della mucosa orale, ad esempio nella lingua, è consigliabile utilizzarlo nella sua presentazione spray poiché la sua azione è più localizzata e ne migliora l'effetto.

Come dovrebbe essere usato?

Si raccomanda di utilizzare la clorexidina per almeno 30 minuti dopo lo spazzolino poiché il dentifricio ha un composto chiamato lauril solfato di sodio e test che sono stati condotti al riguardo hanno dimostrato che entrambe le sostanze non sono compatibili. Preferibilmente sarà usato in una concentrazione dello 0, 12% per almeno 30 secondi solo per 14 giorni nella maggior parte dei casi, poiché il suo effetto ha sostanzialità, cioè la sua azione rimane per 12 ore in bocca.

Può anche essere usato per lavare le dentiere, tuttavia bisogna tenere conto del fatto che se c'è un'infiammazione nei tessuti potrebbe essere dovuta a una protesi mal adattata.

Effetti collaterali di clorexidina

La clorexidina ha più successo che fallimento, tuttavia, come tutto quando il suo uso è prolungato, può generare effetti collaterali, che possono essere lievi ma significativi nella persona:

  • Principalmente sono la presenza di macchie scure nello smalto, simili a quelle che appaiono per il consumo di caffè o sigaretta, oltre a poter tingere la lingua. Queste macchie di smalto possono essere eliminate sospendendo l'uso dell'antisettico, oltre a un trattamento di pulizia dentale da parte del dentista, che è importante poiché l'estetica ne risente.
  • In alcuni casi è stato dimostrato che i pazienti segnalano di presentare disturbi del gusto, sebbene questa sensazione diminuisca nel tempo e quando l'uso del prodotto è sospeso.
  • Molto raro, alcune persone indicano una reazione allergica al prodotto.
  • Studi recenti indicano che la clorexidina aumenta ulteriormente il calcolo dentale, motivo per cui il suo uso è raccomandato dopo la tartrectomia (rimozione del calcolo) e lo esegue circa ogni 6 mesi.

Alcune precauzioni aggiuntive relative al suo utilizzo sono le seguenti:

  • Il prodotto non deve essere ingerito, ma applicato localmente
  • Non sciacquare la bocca immediatamente dopo l'uso, poiché avrà un sapore più amaro.
  • Se segni o sintomi appaiono diversi da quelli previsti e persistono, il loro uso deve essere sospeso.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili alla clorexidina: di cosa si tratta, funzioni ed effetti collaterali, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di farmaci e test medici.

Raccomandato

Urografia escretoria: che cos'è e come prepararsi
2019
Litotripsia: cos'è, recupero ed effetti collaterali
2019
Ana Sánchez Psicologa
2019