Come aiutare il mio bambino a concentrarsi

La concentrazione è una capacità che richiede formazione attraverso la creazione di un contesto favorevole all'esercizio. La concentrazione è una capacità molto importante nel campo educativo e pedagogico. Padri e madri possono aiutare i loro figli in questo compito.

Come aiutare il mio bambino a concentrarsi? Se ti poni questa domanda, in questo articolo ti guidiamo per raggiungere questo scopo con la continua collaborazione del centro accademico in cui tuo figlio frequenta le lezioni.

5 consigli per aiutare il tuo bambino a concentrarsi

Successivamente, ti diamo idee pratiche per raggiungere questo scopo.

1. Tutoraggio con il tuo tutor scolastico

Attraverso incontri regolari con il tutor di tuo figlio puoi ottenere informazioni di interesse sulla sua routine accademica. Ad esempio, l'insegnante può spiegare qual è il tempo medio raccomandato che lo studente di questa età dovrebbe investire nel completamento dei compiti. A sua volta, l'insegnante stesso può darti alcune indicazioni pratiche per creare uno spazio favorevole alla concentrazione a casa.

2. Tutor

Un insegnante privato non deve essere permanente ma puntuale. Cioè, lo studente può ricevere un numero stabilito di sessioni su tecniche di studio pratiche come sottolineatura, schema o sintesi. A sua volta, il tutor può anche insegnarti le abitudini di gestione del tempo.

Ci sono accademie che offrono servizi di tutoraggio a casa privata con personale specializzato nelle materie che insegnano.

3. Area di studio

È importante creare un luogo comodo e pratico che sia abilitato alla revisione e al completamento delle attività. Una grande scrivania, con un'area di scaffali e cassetti per riporre materiale scolastico e alcuni strumenti di supporto, ad esempio il dizionario e l'enciclopedia. È conveniente che questa scrivania si trovi vicino a una finestra poiché anche la luce naturale migliora la concentrazione.

Insegna a tuo figlio che quando si siede per studiare dovrebbe avere sul tavolo solo il materiale necessario per fare i compiti. Si consiglia di eliminare qualsiasi tipo di distrazione tecnologica, ad esempio il telefono cellulare, il videogioco o il laptop.

4. Uso di un'agenda

Lo studente può incoraggiare l'abitudine di scrivere tutte quelle attività e le date degli esami in un ordine del giorno. Scrivendo queste informazioni per iscritto è possibile monitorare meglio i propri compiti. Nel strutturare il tempo di studio in un calendario, si raccomanda allo studente di specificare il tempo reale che pensa che ci vorrà per fare i diversi esercizi, oltre ogni ideale. Per calcolare questa volta puoi usare la tua esperienza.

5. Creare uno spazio di silenzio a casa

In quei momenti in cui tuo figlio fa i compiti a casa, puoi anche creare un clima di maggior silenzio. Infatti, se ricevi spesso visite da familiari e amici a casa, durante il periodo degli esami finali o in momenti specifici di forte domanda accademica, puoi informare il tuo ambiente più vicino del momento migliore per visitare.

Esercizi per insegnare a tuo figlio a concentrarsi

  1. Le nuove tecnologie sono un mezzo, ma non sono un fine in sé. È possibile impostare regole specifiche relative all'uso di dispositivi elettronici . Soprattutto se tuo figlio è minorenne. In tal caso, specifica a che ora puoi utilizzare il cellulare (se ne hai uno). Per evitare una possibile dipendenza dai social network.
  2. Promozione della lettura . Puoi promuovere l'abitudine di regalare libri a tuo figlio in date designate, dando a questo dono un valore in premio che è goduto. Promuove il tempo libero culturale nei piani familiari condivisi.
  3. Riposo. Ad esempio, lo spuntino è molto importante. Per questo motivo, è conveniente incoraggiare l'abitudine di godersi quel momento con tranquillità prima di iniziare i compiti della giornata. Se tuo figlio frequenta corsi extracurricolari, trova un equilibrio tra l'incentivo di questi progetti e il tempo libero. Non è una buona idea incoraggiare l'occupazione costante perché può essere una fonte di stress.
  4. Contatto con la natura. Il contatto con gli spazi naturali fornisce stimoli terapeutici per la mente. Ad esempio, contemplazione e osservazione della bellezza esteriore.
  5. Osserva quei momenti in cui tuo figlio è più concentrato. Quando a tuo figlio piacciono le attività pedagogiche che ama, allora anche la sua concentrazione è maggiore.

Cosa fare quando il bambino non si concentra

Il potere della routine è alimentato dalla forza dell'abitudine che deriva dall'abitudine. La concentrazione stessa richiede questa base di routine che tuo figlio interiorizza come riferimento alla sua mappa del mondo.

Ad esempio, se il bambino viene facilmente decentrato, è consigliabile stabilire lo stesso programma per fare i compiti. Allo stesso modo, è anche importante che tuo figlio abbia la propria area a casa per gestire questi compiti.

Oltre a ricordare a tuo figlio qual è il suo obiettivo della giornata, puoi anche ricordargli che quando avrà finito di fare i compiti avrà più tempo libero per giocare.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Come aiutare mio figlio a concentrarsi, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Istruzione e tecniche di studio.

Raccomandato

Il modello di leadership partecipativa: Vroom e Yetton
2019
Come adattarsi ai cambiamenti
2019
Espressione delle emozioni - Storia e caratteristiche
2019