Come superare una crisi matrimoniale

Durante i momenti prima e dopo una crisi matrimoniale, sorgono molteplici sentimenti ed emozioni che, a causa della loro intensità, sono difficili da gestire: tristezza, dolore, rabbia, frustrazione, insicurezza, disagio, confusione, ecc. In questi momenti, è molto frequente che per le persone coinvolte la realtà abbia un valore dicotomico: tutto o niente, sempre o mai, male o bene, ecc. Tutto ciò rende difficile valutare l'accaduto, la comunicazione con l'altra persona, la posizione di entrambi e il percorso da percorrere. Tuttavia, una crisi non deve inequivocabilmente portare a una rottura e può essere riformulata come un'opportunità per crescere personalmente e progredire in coppia. Ti diciamo di più su come superare una crisi matrimoniale .

Cause della crisi matrimoniale

Per trovare una soluzione a qualsiasi conflitto, è importante conoscere le cause del problema. Ciò si verifica anche nelle crisi delle coppie, in cui è essenziale avere una chiara conoscenza di ciò che è accaduto. Per fare ciò, di seguito elenchiamo le principali cause delle crisi coniugali:

  • Problemi di comunicazione
  • Uso di sostanze da parte di uno o entrambi i partner: alcool, tabacco, droghe.
  • Infedeltà.
  • Diverse aspettative riguardo alla coppia e al rapporto.
  • Combattimenti arrabbiati e mal gestiti.
  • Non sostenere o non sentire il sostegno della coppia su questioni importanti.
  • Non mostrare affetto o attenzione.
  • Mancanza di fiducia e bugie.
  • Questioni finanziarie
  • Tratti narcisistici e presenza di abusi emotivi.
  • Problemi di gelosia
  • Distanza, stagnazione, noia.
  • Crisi del matrimonio da parte della famiglia politica.

Crisi di coppia: fasi

Le fasi che attraversano una coppia in crisi sono molto simili a quelle del dolore, cioè il processo di adattamento emotivo che si verifica dopo una perdita significativa. Di conseguenza, la persona che la sperimenta può provare sentimenti di intensa tristezza e abbattimento, disperazione, perdita di appetito, ecc. Questo perché una crisi, per una qualsiasi delle ragioni di cui sopra o per altre ragioni non menzionate, è una svolta in cui le regole, implicite o esplicite, finora mantenute non funzionano più ed è necessario un cambiamento sostanziale. Se questo processo non viene eseguito correttamente, può portare alla rottura della relazione, il che indica la sua importanza. Le fasi che stanno attraversando una coppia in crisi sono le seguenti:

  1. Shock emotivo In questo primo stadio la persona non crede solo a ciò che sta accadendo. È caratterizzato dall'impatto e dalla confusione subito dopo la crisi, che produce un blocco nella persona, essendo disorientato e incredulo.
  2. Negazione. In questa fase, la persona non è in grado di assimilare e accettare l'esistenza del problema. Pensieri predominanti come "questo non può essere vero", "ci deve essere qualche errore", ecc. Per evitare il dolore emotivo.
  3. Negoziazione. Questa fase è strettamente legata alla precedente, poiché la persona non accetta ancora l'esistenza di una crisi nella loro relazione, quindi sono disposti a fare qualsiasi cosa per evitarlo. Questo momento è caratterizzato da una spiccata emotività, in cui la persona tende a non comportarsi in modo logico e può persino perdere il controllo.
  4. Ira. Sebbene la rabbia, la rabbia, la frustrazione e la rabbia siano spesso etichettate come emozioni negative, è importante tenere presente che hanno la loro funzione; e questa fase è importante perché è consapevole del problema, in modo che la persona inizi a notare azioni riprovevoli da parte della coppia, cosa è successo e la sensazione soggettiva di perdita.
  5. Tristezza. È un'esperienza dolorosa ma necessaria evolversi nel processo di recupero, sia personale che coniugale.
  6. Accettazione. A questo punto le persone iniziano ad assimilare ciò che è accaduto, in modo che sia possibile cambiare il focus, che si trovava nelle dolorose situazioni del passato e iniziare a reindirizzarlo al futuro.
  7. Readaptation alla nuova realtà. Se c'è un riaggiustamento della coppia, o se la crisi ha portato alla rottura della relazione, in questa fase c'è una trasformazione nella vita delle persone, dove viene prestata maggiore attenzione ai bisogni, c'è un maggiore senso di controllo sulle situazioni e più attivamente coinvolto nel processo decisionale.

Come superare una crisi matrimoniale

Una volta chiarita la causa del problema e le fasi che attraversa, il passo successivo sarebbe come salvare una coppia sposata in crisi. Ecco 10 consigli per le coppie in crisi matrimoniale :

  1. Non fingere di tornare al passato o agire come se nulla fosse successo. Molte persone che vengono in terapia esprimono il desiderio che le cose fossero le stesse di prima; Tuttavia, questo non è possibile, la vita è evoluzione e il tempo va solo avanti, non indietro. Questo non è necessariamente negativo. L'ambiente sta cambiando e, con esso, noi. E questi riaggiustamenti ci aiutano a evolvere e progredire. Gli ostacoli possono essere riformulati come trigger o motori per produrre cambiamenti positivi che possono rafforzare la coppia
  2. Accetta che il cambiamento richiede tempo. Molto spesso, specialmente nel caso degli uomini, quando ricevono determinate indicazioni di espressione emotiva, possono provare anche con forza. Tuttavia, una settimana dopo tornano in terapia con una sensazione di fallimento, con frasi come " Ho provato a dire al mio partner che ero triste e mi ha detto di non piangere così ". In questo momento, è importante essere chiari sulla necessità di creare un ambiente di sicurezza, in cui sia possibile mostrare vulnerabilità senza timore di essere respinti; E questo richiede tempo. Se vogliamo che un cambiamento venga mantenuto a lungo termine, ci vorrà del tempo e dovremo essere pazienti.
  3. Concentrati sul presente e guarda al futuro. Cerca di lasciarti alle spalle il passato. Richiama costantemente i vecchi litigi o elimina gli "stracci sporchi" del passato, non solo è inutile, ma suscita cattivi sentimenti. Focalizzare l'attenzione sul futuro rende l'obiettivo costruttivo.
  4. Guarda l'altro lato della medaglia. Se il tuo partner non comunica con te, puoi biasimarlo per l'indifferenza nei tuoi confronti e nella relazione. Tuttavia, chiediti se esiste un'altra spiegazione alternativa. È possibile che il tuo silenzio sia il modo di rappresentare dolore e delusione? Il tuo partner è una persona insensibile o è il modo per evitare conflitti?
  5. Radicare le interazioni negative: critiche, lamentele, colpa, accuse, commenti sarcastici, ecc. A nessuno piace sentirsi dire che stanno facendo cose sbagliate o, peggio ancora, che sono persone cattive. Con questo tipo di commento, farai in modo che il tuo partner diventi difensivo e cerchi argomenti per confutare il tuo, che perpetuerà questa dinamica e contaminerà le parti positive della tua relazione.
  6. Impara a esprimere preoccupazioni in modo costruttivo. Il punto precedente non significa, in ogni caso, che devi essere d'accordo con tutto ciò che il tuo partner fa e dice, o che hai paura di esprimere i tuoi desideri. Si consiglia di non finire. Piuttosto, si tratta di riformulare una critica sotto forma di una richiesta. Quindi, invece di dire al tuo partner "Sono stanco di urlare contro di me", sarebbe più appropriato esprimere quanto segue: "Mi piace quando mi dici cose senza alzare la voce e possiamo discutere con calma". Ulteriori informazioni al riguardo sono disponibili nel seguente articolo: Tecniche per sviluppare l'assertività.
  7. I problemi, uno per uno. Molte persone cadono nell'errore di cercare di coprire tutto in una volta, o di trarre vantaggio da un argomento per farne emergere un altro che non era stato affrontato al momento. Non mescolare situazioni o conflitti, dedicarti a uno alla volta o nessuno sarà risolto.
  8. Cerca di essere il più specifico possibile. Cioè, evitare di articolare le frasi in modo vago e generale, come ad esempio: " Potresti fare più cose a casa ". È più appropriato formulare frasi specifiche e specifiche, come ad esempio: " Vorrei che ti occupassi del tavolo il sabato, in modo da poter portare fuori il cane ".
  9. Impara a prendere decisioni in modo cooperativo, niente con cui cercare di cavartela. Pertanto, l'approccio che adottiamo è quello di "win-win", in cui viene sviluppato un piano d'azione soddisfacente per entrambe le parti. Dopo un conflitto non ci sono vincitori o vinti, poiché il risultato piace a entrambi.
  10. Aumenta esponenzialmente l'energia positiva nella coppia. Attraverso le sue ricerche, Gottman ha scoperto che i matrimoni in genere sopravvivono se la percentuale di interazioni positive è da 5 a 1. Vuoi che il tuo matrimonio sopravviva semplicemente? O preferisci salvare il matrimonio in modo da renderlo prospero? Sorridi di più. Tocca di più Abbraccia di più. Più multiproprietà e progetti condivisi. Più apprezzamento e affetto. Più lode e gratitudine.

Come superare una crisi matrimoniale infedeltà

L'infedeltà è uno dei motivi più citati per cui i matrimoni finiscono. Tuttavia, non deve significare la fine di una relazione in modo inequivocabile e puoi lavorare per salvare il matrimonio in 3 fasi. Successivamente, spieghiamo come superare una crisi matrimoniale infedeltà:

  1. Crisi. La scoperta di un'infedeltà da parte della coppia produce un dolore devastante, quindi è importante prestare attenzione a ciò che richiede un'attenzione più urgente. In questo momento critico, è necessario promuovere un ambiente sicuro e senza pregiudizi per l'intensità delle emozioni. Sono necessari pace, chiarezza e struttura, nonché speranza.
  2. Significato costruzione In questa fase, si tratta di approfondire il motivo per cui l'avventura è avvenuta, quali fattori della relazione hanno contribuito al suo accadere, quale ruolo hanno avuto entrambe le parti nella storia e i fattori esterni che hanno influenzato.
  3. Visione e costruzione del futuro. La coppia deve chiedersi cosa li aspetta insieme, se dopo il processo precedente hanno deciso di voler ricostruire la loro relazione. È in questo momento in cui è essenziale che la coppia riveda ciò che significa per loro perdonare e andare avanti, i potenziali benefici e costi del perdono, valutare la possibile resistenza ed esplorare la direzione che la loro relazione prenderà.

Come migliorare il mio matrimonio

Le coppie che hanno problemi o che sentono che il loro matrimonio non può essere riparato può migliorarlo. Mentre questo può sembrare impossibile per alcuni, le relazioni possono cambiare . Il modo in cui ci comportiamo, il modo in cui pensiamo al nostro partner o il modo in cui pensiamo che dovrebbe essere un matrimonio sono variabili che influenzano la soddisfazione coniugale. Tutte sono variabili sulle quali possiamo esercitare il controllo.

Quindi, quando ti senti sopraffatto, fai uno sforzo deliberato per calmarti. Questa strategia ti aiuta a smettere di essere sulla difensiva, il che impedisce lotte improduttive che minano la relazione. Far sapere al coniuge che lo capisci è anche uno degli strumenti più potenti per favorire sentimenti positivi nella tua relazione. È un antidoto contro la critica, il disprezzo e l'atteggiamento difensivo. Invece di attaccare o ignorare il punto di vista del tuo partner, prova a vedere il problema dal loro punto di vista, che potrebbe avere la stessa validità del tuo. È anche importante affrontare e adattare le aspettative che nutriamo nei confronti del nostro partner e delle relazioni in generale.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come superare una crisi coniugale, ti consigliamo di accedere alla nostra categoria di Terapia per coppie.

Raccomandato

A cosa serve l'idrossido di magnesio?
2019
Spondilolistesi: sintomi, cause e trattamento
2019
Mi sento molto stanco della vista: cause e trattamenti
2019