Cos'è l'ortoressia: cause, sintomi, conseguenze e trattamento

Attualmente vi è una crescente consapevolezza e informazioni sulle linee guida per lo sviluppo di una vita sana, e ciò si riflette anche nel cibo e nella sua varietà di prodotti. Tuttavia, ci sono persone che sviluppano eccessive preoccupazioni e controllo sulla loro routine alimentare, diventando una patologia. Se vuoi saperne di più su questo nuovo disturbo identificato, leggi questo articolo su: Cos'è l'ortoressia: cause, sintomi, conseguenze e trattamento .

Cos'è l'ortoressia?

La parola ortoressia è un neologismo che deriva dal greco orthos o corretto e orexis, appetito . Questo termine è stato coniato nel 1997 dal medico americano Steven Bratman.

Definizione di ortoressia

La definizione di ortoressia implica un atteggiamento patologico nei confronti del cibo, motivo per cui è concettualizzato come un'ossessione per un pasto sano, un modello alimentare che soddisfa una serie di requisiti rigorosi e restrittivi. È importante notare che la fissazione che la persona sviluppa con il cibo che considera sano non implica che sia veramente sano, di qualità e benefico. Questo perché i criteri stabiliti dalla persona con ortoressia nervosa si basano sul proprio sistema di credenze e su varie fonti che non sono necessariamente scientificamente provate.

Questa patologia, nonostante non sia inclusa in alcun manuale di disturbi mentali (come il DSM 5), è inclusa nei disturbi alimentari, poiché il cibo è un elemento centrale in questa malattia. Allo stesso modo, è correlato al disturbo ossessivo compulsivo dovuto allo sviluppo di rituali rigidi e non flessibili nel cibo. Tuttavia, differisce da altri disturbi alimentari come l'anoressia e la bulimia in quanto in quest'ultimo vi è preoccupazione per la quantità di cibo, mentre nell'ortoressia per la qualità e, d'altra parte, non vi è alcuna distorsione dell'immagine corporea .

Cause dell'ortoressia

Per quanto riguarda l' eziologia dell'ortoressia nervosa, la sua origine ha diverse cause o fattori che potrebbero predisporla:

  • Sebbene possa interessare qualsiasi persona, essere una donna e un giovane sono fattori di rischio per questa malattia, oltre ad avere un livello di acquisto medio alto, che consente l'accesso a un certo tipo di cibo.
  • Gli atleti costituiscono anche un settore della popolazione vulnerabile a questo disturbo, in quanto sviluppano un'alta consapevolezza della nutrizione e dei suoi effetti sul proprio fisico e sulle prestazioni.
  • Vi è un aumento della pertinenza della nutrizione in Occidente, quindi vi è un'ampia diffusione di informazioni al riguardo nei social network e nei media. Ciò contribuisce alla preoccupazione per il cibo nella popolazione. In effetti, l' ortoressia e l'efficacia sono considerate nuovi disturbi dell'ossessione per una vita sana.
  • Esiste una grande quantità di informazioni dietetiche e nutrizionali che non provengono da studi scientifici o prove empiriche, favorendo la diffusione di pratiche che non sono benefiche per l'organismo. Allo stesso modo, ci sono molteplici interessi economici da parte dell'industria alimentare, quindi promulga alcuni criteri nella dieta che rispondono a questi e non alla vera salute delle persone.
  • Il culto dell'immagine e della magrezza nella società odierna come sinonimi di successo promuovono la pressione estetica basata sugli standard di bellezza. Queste imposizioni sociali possono portare allo sviluppo di diete rigide e rigide basate su criteri apparentemente sani come strumento per raggiungere un determinato fisico associato socialmente alla salute.
  • Alcuni tratti della personalità come la rigidità e la mancanza di flessibilità mentale, il perfezionismo o l'eccessivo autocontrollo sono fattori predisponenti dell'ortoressia, nonché disturbo ossessivo della personalità compulsiva.
  • La presenza di un disturbo ossessivo compulsivo è in alcuni casi correlata all'origine e allo sviluppo di comportamenti ortodossi.
  • A volte, le persone che hanno sofferto di anoressia nel loro processo di recupero adottano una serie di schemi alimentari e rituali che provocano l'ortoressia.

Sintomi dell'ortoressia

A causa della recente comparsa dell'ortoressia come patologia, attualmente non esistono criteri diagnostici ufficiali e condivisi da esperti. Nonostante il dibattito su questo disturbo, ci sono due strumenti psicometrici che sarebbero usati per esplorare i pensieri, gli atteggiamenti e i comportamenti dell'ortoressia; Autotest ORTO-15 e Orthorexia. Allo stesso modo, sono stati identificati una serie di sintomi caratteristici dell'ortoressia nervosa :

  • Grave limitazione e restrizione di un gran numero di alimenti che la persona non considera sani.
  • Dedica di più di tre ore al giorno alla pianificazione della dieta e del cibo dello stesso giorno.
  • Pensieri ricorrenti sull'acquisto, preparazione e consumo di alimenti nella dieta.
  • Assenza di godimento o gratificazione attraverso il cibo, la fonte di soddisfazione è il rispetto dei rigidi criteri stabiliti.
  • Affetto nella qualità della vita e abbandono di altre aree vitali della persona a causa di un'eccessiva dedizione al cibo.
  • Sviluppo di rituali comportamentali ossessivi nella preparazione del cibo, ad esempio sotto forma di taglio o peeling, e nell'uso di alcuni strumenti culinari, ad esempio evitando quelli metallici.
  • Sensazione di colpa se la persona salta uno qualsiasi dei parametri inflessibili. Queste emozioni possono portare all'autocastigine, che a volte consiste nel digiuno.
  • Percezione del controllo sulle circostanze e sugli aspetti della tua vita mangiando nel modo in cui pensi sia giusto.
  • Isolamento sociale perché si evitano quegli eventi in cui c'è cibo o bevanda, poiché non si fidano della preparazione del cibo da parte di persone diverse da se stesse.
  • Identità e soddisfazione personale basate sul rispetto delle norme alimentari e sanitarie.
  • Evitamento e rifiuto fobico di quegli alimenti che non sono considerati idonei.

Ortoressia: conseguenze

L'ortoressia nervosa può portare a una serie di problemi o effetti:

  • Conseguenze fisiche: anemia, eccesso e deficit di vitamine a seconda della dieta adottata, ipotensione, osteoporosi, problemi alla tiroide, problemi cardiovascolari, perdita di peso, indebolimento del sistema immunitario, infertilità, deficit nutrizionali o malnutrizione, ecc.
  • Conseguenze psicologiche: sviluppo di bassa autostima e concetto di sé, ansia, stress, depressione, disturbi ossessivi, irritabilità, difficoltà di concentrazione e attenzione, anedonia o incapacità di provare piacere o godimento ...
  • Conseguenze sociali: isolamento sociale, perdita di amicizie e legami significativi da dedicare la maggior parte del tempo al cibo, abbandono delle responsabilità sociali, familiari, personali e persino lavorative e può comportare una perdita di occupazione.

Ortoressia: trattamento

Gli obiettivi del trattamento dell'ortoressia sono il ripristino dei livelli nutrizionali della persona, l'istituzione e l'interiorizzazione di schemi e schemi alimentari veramente sani e l'approccio alle complicanze associate all'ortoressia. L'intervento con una persona con ortoressia nervosa richiede un lavoro interdisciplinare tra i professionisti in psicologia, nutrizione e psichiatria, se necessario:

  • Intervento psicologico: include la psicoeducazione o la spiegazione del disturbo, dei suoi sintomi e conseguenze, anche un'esplorazione e un approccio di possibili disturbi associati come depressione o ansia, ristrutturazione cognitiva con l'obiettivo di aumentare la flessibilità del pensiero e del lavoro di autostima e abilità sociali della persona per evitare l'isolamento sociale. Nel caso in cui l'ortoressia sia il risultato di un disturbo ossessivo compulsivo, si consiglia di applicare il trattamento per quest'ultima patologia.
  • Intervento nutrizionale: in primo luogo, gli integratori alimentari vengono utilizzati per migliorare lo stato nutrizionale e vengono affrontate le possibili complicanze mediche. Successivamente, vengono svolte l'educazione e la reintroduzione delle abitudini alimentari, così come alla persona viene insegnato a sviluppare un rapporto sano ed equilibrato con il cibo.
  • Intervento psichiatrico: non è sempre necessario, ma in quei casi più complicati può essere consigliabile l'uso di farmaci. Normalmente vengono utilizzati SSRI e antidepressivi triciclici, nonché antipsicotici atipici.

È importante ricordare che la prevenzione dell'ortoressia è importante attraverso un'educazione nutrizionale basata sulla scienza e l'educazione emotiva, il concetto di auto-concetto e l'accettazione di sé.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Cos'è l'ortoressia: cause, sintomi, conseguenze e trattamento, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di psicologia clinica.

Raccomandato

Come aiutare una persona che è sola
2019
Perché ho sempre sonno?
2019
Proprietà della fabbrica
2019