Episodio maniacale

Un episodio maniacale è definito da un periodo specifico durante il quale l' umore è anormale e persistentemente elevato, espansivo o irritabile. Per la sua diagnosi, questo umore deve durare almeno una settimana e deve essere accompagnato da altri sintomi come autostima molto esagerata, linguaggio verborico, scarso bisogno di dormire, attività ad alto rischio, mancanza di autocritica, tra gli altri . Tutto ciò può portare a un significativo deterioramento delle prestazioni sociali o lavorative della persona interessata e può essere necessario il loro ricovero in ospedale per prevenire danni a se stessi o agli altri nel loro ambiente.

In questo articolo, spieghiamo tutto ciò che devi sapere sull'episodio maniacale, la sua definizione, i sintomi e i criteri per la diagnosi.

Criteri per la diagnosi dell'episodio maniacale

Criterio A

Questo periodo di umore anomalo dovrebbe durare almeno 1 settimana (o meno se è necessario il ricovero). I disturbi dell'umore devono essere accompagnati da almeno altri tre sintomi in un elenco che include aumento dell'autostima o grandiosità, diminuzione della necessità di dormire, linguaggio verborico, fuga dei cervelli, distrazione, aumento delle attività intenzionali o agitazione psicomotoria e coinvolgimento eccessivo in attività piacevoli con un alto potenziale per produrre gravi conseguenze.

Criterio B

Se l'umore è irritabile (anziché elevato o espansivo), devono esserci almeno quattro dei suddetti sintomi.

È caratteristico che c'è un'esagerazione dell'autostima, che va dalla fiducia in se stessi priva di autocritica a un'evidente grandiosità che può raggiungere proporzioni deliranti (Criterio B1) . I soggetti possono fornire consigli su argomenti di cui non hanno una conoscenza specifica (ad esempio, come rivolgersi alle Nazioni Unite). Pur non avendo alcun talento o esperienza speciale, l'argomento può iniziare a scrivere un romanzo o comporre una sinfonia o cercare pubblicità per un'invenzione senza alcuna utilità pratica. Le idee deliranti di grandezza sono frequenti (ad esempio, avere una relazione speciale con Dio o con qualche figura nel mondo politico, religioso o dello spettacolo).

Quasi invariabilmente, c'è una diminuzione della necessità di dormire (Criterio B2) . Il soggetto di solito si sveglia diverse ore prima del solito, sentendosi pieno di energia. Quando il disturbo del sonno è grave, il soggetto può impiegare giorni senza dormire senza sentirsi stanco.

Il linguaggio maniacale è tipicamente verborico, forte, veloce e difficile da interrompere (criterio B3) . I soggetti possono parlare senza sosta, a volte per ore e senza preoccuparsi dei desideri di comunicare con gli altri. A volte il discorso è caratterizzato da battute divertenti, giochi di parole e impertinenze. Il soggetto può essere teatrale, con manierismi e canzoni drammatici. La scelta delle parole può essere più dominata dai suoni che dalle relazioni concettuali significative (ad es. Assonanze). Se l'umore del soggetto è più irritabile che espansivo, il discorso può essere contrassegnato da lamentele, commenti ostili o ratti furiosi.

I pensieri possono essere molto veloci, a volte anche più veloci di quanto possano essere verbalizzati (Criterio B4) . Alcuni soggetti con episodi maniacali riportano che questa esperienza è simile alla visione di due o tre programmi televisivi contemporaneamente. Spesso c'è una fuga di idee manifestata da un flusso quasi continuo di linguaggio accelerato, con bruschi cambiamenti da un soggetto all'altro. Ad esempio, mentre parla di una potenziale strategia per vendere computer, un fornitore può continuare a discutere in dettaglio la storia dei chip per computer, la rivoluzione industriale o la matematica applicata. Quando la fuga di cervelli è grave, il linguaggio può diventare disorganizzato e incoerente.

La distrattività (Criterio B5) è evidenziata dall'incapacità di rimuovere gli stimoli esterni non pertinenti (ad esempio, la cravatta dell'intervistatore, i rumori di fondo delle conversazioni o gli accessori della stanza). Potrebbe esserci una riduzione della capacità di differenziare i pensieri rilevanti per il soggetto da quelli che hanno poco a che fare con esso, o da quelli che sono chiaramente irrilevanti.

Spesso, l'aumento dell'attività intenzionale comporta un'eccessiva pianificazione o partecipazione a molteplici attività (ad esempio, sessuale, lavorativa, politica, religiosa) (criterio B6) . Di solito c'è un aumento di impulsi, fantasie e comportamenti sessuali.

Il soggetto può assumere diverse nuove società contemporaneamente, senza tener conto dei possibili rischi o della necessità di porre fine a ciascuna di esse. Quasi invariabilmente, vi è un aumento della socialità (ad es. Riunire vecchi conoscenti o chiamare amici o addirittura estranei in qualsiasi momento del giorno o della notte), indipendentemente dalla natura invadente, dominante ed esigente di queste interazioni. Spesso, questi soggetti manifestano agitazione psicomotoria o irrequietezza, camminando o conversando contemporaneamente (ad es. Per telefono e di persona allo stesso tempo). Alcuni soggetti scrivono un torrente di lettere su argomenti diversi da amici, personaggi pubblici o media.

Spesso, espansività, ottimismo immotivato, grandiosità e impoverimento del giudizio portano a un coinvolgimento imprudente in attività piacevoli come acquisti eccessivi, guida spericolata, investimenti economici irragionevoli e comportamenti sessuali insoliti, che possono avere gravi conseguenze (Criterio B7) . Il soggetto può fornirsi molte cose inutili (ad esempio 20 paia di scarpe, oggetti d'antiquariato costosi) senza avere i soldi per pagarle. Comportamenti sessuali insoliti possono includere infedeltà o incontri sessuali indiscriminati con persone sconosciute.

Criterio C

I sintomi non soddisfano i criteri per un episodio misto, che è caratterizzato da sintomi sia di un episodio maniacale che di un episodio depressivo maggiore, che si verificano quasi ogni giorno per un periodo di almeno 1 settimana.

Criterio D

La disorganizzazione risultante dall'alterazione può essere abbastanza grave da causare un significativo deterioramento dell'attività o richiedere il ricovero in ospedale al fine di proteggere il soggetto dalle conseguenze negative delle sue azioni, che sono il risultato dell'impoverimento del suo giudizio critico (p ad es. perdite economiche, attività illegali, perdita di occupazione, comportamento aggressivo). Per definizione, la presenza di sintomi psicotici durante un episodio maniacale provoca un significativo deterioramento dell'attività.

L'alterazione deve essere abbastanza grave da causare un significativo deterioramento sociale o professionale o richiedere il ricovero in ospedale, oppure essere caratterizzata dalla presenza di sintomi psicotici. L'episodio non è dovuto agli effetti diretti di un farmaco, di un farmaco, di altri trattamenti somatici della depressione o dell'esposizione a sostanze tossiche.

Criterio E

L'episodio non è dovuto agli effetti fisiologici diretti di una malattia medica (ad es. Sclerosi multipla, tumore al cervello). L'umore elevato di un episodio maniacale può essere descritto come euforico, anormalmente buono, allegro o alto. Sebbene l'umore del soggetto possa inizialmente avere una qualità contagiosa per l'osservatore esterno, chi conosce la persona lo riconosce bene come eccessivo. La qualità espansiva dell'umore è caratterizzata da un incessante ed indiscriminato entusiasmo nelle interazioni interpersonali, sessuali o lavorative. Ad esempio, il soggetto può avviare spontaneamente lunghe conversazioni con estranei in luoghi pubblici, oppure un venditore può telefonare a casa di persone sconosciute per prima cosa al mattino per iniziare le vendite. Sebbene l'umore elevato sia considerato il sintomo prototipo, l'alterazione dell'umore predominante è talvolta irritabilità, specialmente quando i desideri del soggetto sono contraddetti. Viene anche frequentemente osservata la capacità dell'umore (ad es. L'alternanza tra euforia e irritabilità).

Sintomi simili a quelli che si verificano in un episodio maniacale possono apparire a seguito degli effetti diretti di un farmaco antidepressivo, una terapia elettroconvulsiva, una terapia della luce o un farmaco prescritto per alcune condizioni mediche (ad esempio corticosteroidi). Queste condizioni non sono considerate episodi maniacali e non devono portare alla definizione di una diagnosi di disturbo bipolare I. Ad esempio, se una persona con un disturbo depressivo maggiore presenta sintomi maniacali dopo un trattamento antidepressivo, l'episodio viene diagnosticato come condizione della condizione di L'umore indotto da sostanze, con sintomi maniacali e la diagnosi di disturbo depressivo maggiore non dovrebbero essere cambiati in bipolari I.

Ci sono dati che suggeriscono che i soggetti che presentano episodi simili alla mania dopo un trattamento somatico della depressione possono avere una diatesi bipolare. Questi soggetti possono avere maggiori probabilità di presentare futuri episodi maniacali, misti o ipomanici che non sono correlati a sostanze o trattamenti somatici per la depressione. Questa può essere una considerazione particolarmente importante nei bambini e negli adolescenti.

Sintomi dell'episodio maniacale e disturbi associati

È comune che i soggetti con un episodio maniacale non riconoscano di essere malati e di resistere ai tentativi di trattamento. Possono viaggiare impulsivamente in altre città, perdendo il contatto con familiari o caregiver. Possono cambiare il loro vestito, il trucco o l'aspetto personale verso uno stile più appariscente o sessualmente suggestivo, che è strano in loro. Possono anche essere coinvolti in attività che hanno una qualità disorganizzata o rara (regalare caramelle o denaro o consigliare qualsiasi estraneo che incontrano). L'episodio maniacale può essere accompagnato da giochi patologici e comportamenti antisociali. Considerazioni etiche possono essere dimenticate, anche per le persone che di solito sono ritenute molto responsabili (ad esempio, un agente di borsa può acquistare e vendere titoli in modo inappropriato e senza la conoscenza o l'autorizzazione dei clienti; uno scienziato può appropriarsi dai risultati di altri).

Il soggetto può essere ostile e minacciare fisicamente gli altri. Alcuni soggetti, in particolare quelli con sintomi psicotici, diventano fisicamente aggressivi o suicidi. Le conseguenze negative di un episodio maniacale (ad es. Ricovero involontario, problemi legali o gravi problemi economici) sono spesso il risultato dell'impoverimento del giudizio e dell'iperattività.

Quando hanno superato l'episodio maniacale, la maggior parte dei soggetti si dispiace per il loro comportamento durante l'episodio maniacale. Alcuni soggetti riferiscono di avere i migliori sensi dell'olfatto, dell'udito o della vista (ad esempio, i colori appaiono più luminosi). Quando ci sono sintomi catatonici (ad esempio stupore, mutismo, negativismo e disturbi posturali), deve essere indicata la specifica con sintomi catatonici.

L'umore può cambiare molto rapidamente dalla rabbia alla depressione . I sintomi depressivi possono durare alcuni momenti, ore o più raramente giorni. Non è raro che compaiano contemporaneamente sintomi depressivi e sintomi maniacali. L'episodio è considerato misto se i criteri per un episodio depressivo maggiore e per un episodio maniacale sono soddisfatti ogni giorno per almeno 1 settimana. Man mano che l'episodio maniacale si sviluppa, di solito c'è un aumento sostanziale del consumo di alcol o di stimolanti, che può esacerbare o prolungare l'episodio.

Risultati di laboratorio

Non sono stati identificati risultati di laboratorio che sono diagnosi di un episodio maniacale. Tuttavia, alcuni dati di laboratorio sono risultati anormali nei gruppi di soggetti maniacali rispetto a quelli dei controlli. I risultati di laboratorio negli episodi maniacali includono anomalie polisonnografiche, aumento della secrezione di cortisolo e assenza della risposta di non soppressione con desametasone.

Ci possono essere anomalie che influenzano i sistemi neurotrasmettitori di noradrenalina, serotonina, acetilcolina, dopamina o acido gammaaminobutirrico, come dimostrato negli studi sui metaboliti dei neurotrasmettitori, sull'attività dei recettori, sulla provocazione farmacologica e sulla funzione neuroendocrina.

Sintomi dipendenti da cultura, età e sesso

Le considerazioni culturali che sono state suggerite in relazione agli episodi depressivi maggiori sono applicabili anche agli episodi maniacali. Gli episodi maniacali negli adolescenti hanno maggiori probabilità di includere sintomi psicotici e possono essere associati a cattivi comportamenti scolastici, comportamenti antisociali, fallimento scolastico o uso di sostanze. Una significativa minoranza di adolescenti sembra avere una storia di problemi comportamentali a lungo termine che precedono l'inizio dell'episodio maniacale franco. Non è chiaro se questi problemi rappresentino prodromi prolungati di un disturbo bipolare o se siano un disturbo indipendente.

corso

L'età media di insorgenza di un primo episodio maniacale è nei primi anni della terza decade di vita, ma ci sono alcuni casi di insorgenza nell'adolescenza e altri che iniziano dopo i 50 anni. Gli episodi maniacali iniziano bruscamente, con un rapido aumento dei sintomi in pochi giorni.

Spesso, episodi maniacali compaiono dopo stress psicosociale.

Gli episodi di solito durano da alcune settimane a diversi mesi e sono più brevi e con un finale più acuto rispetto ai principali episodi depressivi. In molti casi (50-60%), un episodio depressivo maggiore precede o segue immediatamente un episodio maniacale, senza un periodo intermedio di eutimia. Se l'episodio maniacale si verifica nel periodo post-parto, potrebbe esserci un aumento del rischio di recidive in altri periodi post-parto e deve essere applicata la specifica di insorgenza postpartum.

Diagnosi differenziale dell'episodio maniacale

Un episodio maniacale deve essere distinto da un disturbo dell'umore a causa di malattie mediche. La diagnosi corretta dovrebbe essere un disturbo dell'umore dovuto a malattia medica se i disturbi dell'umore sono considerati un effetto fisiologico diretto di una specifica malattia medica (ad es. Sclerosi multipla, tumore al cervello, sindrome di Cushing). Questa decisione si basa sulla storia, sui risultati di laboratorio e sull'esame fisico. Se i sintomi maniacali non sono considerati un effetto fisiologico diretto di una malattia medica, il disturbo dell'umore primario viene registrato nell'asse I (ad es. Disturbo bipolare I) e la malattia medica viene registrata nel Asse III (ad es. Infarto del miocardio). L'esordio tardivo di un primo episodio maniacale (ad esempio, dopo i 50 anni) dovrebbe avvisare il medico della possibilità che la causa del disturbo sia una malattia medica o una sostanza.

Un disturbo dell'umore indotto da una sostanza differisce da un episodio maniacale per il fatto che una sostanza (ad esempio una droga, una droga o l'esposizione a una sostanza tossica) è considerata eziologicamente correlata all'alterazione dello stato di stato d'animo. Sintomi come quelli che si verificano in un episodio maniacale possono essere scatenati da un farmaco (ad esempio, i sintomi maniacali che si verificano solo nel contesto di avvelenamento da cocaina verrebbero diagnosticati come un disturbo dell'umore indotto dalla cocaina, con sintomi maniacali, insorgenza durante intossicazione). Sintomi come quelli che si verificano in un episodio maniacale possono anche essere scatenati da un trattamento antidepressivo, sia esso un farmaco, una terapia elettroconvulsiva o una terapia leggera. Questi episodi sono anche diagnosticati come disturbo dell'umore indotto da sostanze (ad es. Disturbo dell'umore indotto dall'amitriptilina, con sintomi maniacali; disturbo dell'umore indotto dalla terapia elettroconvulsiva, con sintomi maniacali).

Gli episodi maniacali devono essere distinti dagli episodi ipomanici. Sebbene gli episodi maniacali e gli episodi ipomanici presentino identici sintomi caratteristici, l'alterazione dell'episodio ipomanico non è così grave da causare un significativo deterioramento sociale o professionale, né richiedere il ricovero in ospedale. Alcuni episodi ipomanici si evolvono per completare episodi maniacali.

Gli episodi depressivi maggiori con umore con una prevalenza di umore irritabile possono essere difficili da distinguere da episodi maniacali con umore irritabile o episodi misti. Questa decisione richiede un'attenta valutazione clinica della presenza di sintomi maniacali. Se i criteri sono soddisfatti sia per un episodio maniacale che per un episodio depressivo maggiore quasi ogni giorno per almeno 1 settimana, questa immagine costituisce un episodio misto.

Un disturbo da deficit di attenzione e iperattività e un episodio maniacale sono caratterizzati da attività eccessiva, comportamento impulsivo, impoverimento del giudizio e negazione dei problemi. Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività si distingue da un episodio maniacale per la sua insorgenza tipicamente precoce (ad es. Prima dei 7 anni), il suo decorso cronico piuttosto che episodico, la mancanza di un inizio e una fine relativamente chiari e l'assenza di umore espansivo o elevato o sintomi psicotici.

Episodio ipomanico: definizione, sintomi e criteri per la diagnosi

Un episodio ipomanico è definito come un periodo limitato durante il quale si verifica un umore anomalo e persistentemente elevato, espansivo o irritabile che dura almeno 4 giorni (criterio A). Questo periodo di umore anormale deve essere accompagnato da almeno altri tre sintomi di un elenco che include aumento dell'autostima o grandiosità (non delirante), riduzione della necessità di dormire, linguaggio verborico, fuga di cervelli, distrazione, aumento Attività intenzionali o agitazione psicomotoria e coinvolgimento eccessivo in attività piacevoli con un elevato potenziale di produrre gravi conseguenze (criterio B). Se l'umore è irritabile (anziché elevato o espansivo), devono esserci almeno quattro dei suddetti sintomi. Questo elenco di sintomi aggiuntivi è identico a quello definito da un episodio maniacale, tranne per il fatto che non possono esserci delusioni e allucinazioni.

L'umore durante un episodio ipomanico deve essere chiaramente diverso dall'umore abituale del soggetto quando non è depresso e deve esserci un chiaro cambiamento rispetto alla sua solita attività (Criterio C). Poiché i cambiamenti di umore e attività devono essere osservabili da altre persone (criterio D), la valutazione di questo criterio richiede di solito l'intervento di altri informatori (ad esempio i familiari). La storia ottenuta da altri informatori è particolarmente importante nella valutazione degli adolescenti. Contrariamente a quanto accade in un episodio maniacale, un episodio ipomanico non è abbastanza grave da causare un significativo deterioramento sociale o professionale o richiedere il ricovero in ospedale, né è caratterizzato dalla presenza di sintomi psicotici (Criterio E). In alcune materie, il cambiamento di attività può assumere la forma di un aumento significativo di efficienza, risultati e creatività. Tuttavia, in altri, l'ipomania può causare un deterioramento sociale o del lavoro.

L'alterazione dell'umore e altri sintomi non sono dovuti agli effetti diretti di un farmaco, di un farmaco, di altri trattamenti somatici della depressione (terapia elettroconvulsiva o terapia della luce) o dell'esposizione a una sostanza tossica. L'episodio non è inoltre dovuto agli effetti fisiologici diretti di una malattia medica (ad es. Sclerosi multipla, tumore al cervello) (Criterio F). Sintomi simili a quelli che si verificano in un episodio ipomanico possono essere dovuti agli effetti diretti di un antidepressivo, terapia elettroconvulsiva, terapia della luce o un farmaco prescritto per alcune condizioni mediche (ad esempio corticosteroidi). Queste immagini non sono considerate episodi ipomanici e non dovrebbero portare alla definizione di una diagnosi del disturbo bipolare II. Ad esempio, se una persona con un disturbo depressivo maggiore presenta sintomi di un episodio simile all'ipomania dopo un trattamento antidepressivo, l'episodio viene diagnosticato come disturbo dell'umore indotto da sostanze con sintomi maniacali e non è necessario cambiare la diagnosi di disturbo depressivo maggiore da quella del disturbo bipolare II. Ci sono dati che suggeriscono che i soggetti che presentano episodi simili alla mania o all'ipomania dopo un trattamento somatico della depressione possono presentare diatesi bipolare. È più probabile che questi soggetti presentino futuri episodi maniacali o ipomanici non correlati a sostanze o trattamenti somatici per la depressione.

L'umore elevato in un episodio ipomanico è descritto come euforico, stranamente buono, allegro o alto. Sebbene l'umore del soggetto possa inizialmente avere una qualità contagiosa per l'osservatore esterno, chi conosce la persona lo riconosce bene come eccessivo. La qualità espansiva dell'umore è caratterizzata dall'entusiasmo nelle interazioni sociali, interpersonali o lavorative. Sebbene l'umore elevato sia considerato il sintomo prototipo, l'alterazione dell'umore predominante può essere l'irritabilità o l'alternanza di euforia e irritabilità. È caratteristico che c'è un'esagerazione dell'autostima, di solito a un livello di fiducia in se stessi privo di autocritica, piuttosto che di un'evidente grandiosità (Criterio B1).

Molto spesso, c'è una diminuzione della necessità di dormire (criterio B2); il soggetto si sveglia prima del solito e pieno di energia. Il discorso di un soggetto con un episodio ipomanico è di solito un po 'più energico e più veloce del solito, ma in generale non è difficile interrompere. Può essere pieno di barzellette, incomprensioni, giochi di parole e follia (Criterio B3). La fuga delle idee è rara e, se si verifica, ha una durata molto breve

Di solito c'è distrazione, come evidenziato da rapidi cambiamenti nel linguaggio o nell'attività in risposta a vari stimoli esterni irrilevanti (Criterio B5). L'aumento dell'attività intenzionale può comportare la pianificazione o la partecipazione a più attività. Spesso, queste attività sono creative e produttive (ad esempio, scrivere una lettera all'editore, ordinare i documenti). Di solito c'è un aumento della socialità e potrebbe esserci un aumento dell'attività sessuale.

Possono essere presentati atti impulsivi come acquisti eccessivi, guida spericolata e investimenti economici irragionevoli (criterio B7). Tuttavia, queste attività sono ben organizzate, non sono strane e non danno origine al caratteristico deterioramento di un episodio maniacale.

I sintomi dell'episodio ipomanico dipendono dalla cultura e dall'età

Le considerazioni culturali che sono state suggerite in relazione agli episodi depressivi maggiori sono applicabili anche agli episodi ipomanici. Nei giovani (ad es. Adolescenti), episodi ipomanici possono essere associati ad assenze scolastiche, comportamento antisociale, fallimento scolastico o uso di sostanze.

corso

In generale, gli episodi ipomanici iniziano bruscamente, con un rapido aumento dei sintomi entro 1 o 2 giorni. Gli episodi di solito durano da alcune settimane a diversi mesi e sono più brevi e con un finale più acuto rispetto ai principali episodi depressivi. In molti casi, l'episodio ipomanico può essere preceduto o seguito da un episodio depressivo maggiore. Gli studi disponibili suggeriscono che il 5-15% dei soggetti con ipomania finirà per presentare un episodio maniacale.

Diagnosi differenziale dell'episodio ipomanico

Un episodio ipomanico deve essere distinto da un disturbo dell'umore dovuto a malattie mediche. La diagnosi corretta è il disturbo dell'umore dovuto a malattie mediche se i disturbi dell'umore sono considerati una conseguenza fisiologica diretta di una specifica malattia medica (ad es. Sclerosi multipla, tumore al cervello, sindrome di Cushing). Questa decisione si basa sulla storia, sui risultati di laboratorio e sull'esame fisico. Se i sintomi ipomanici non sono considerati la conseguenza fisiologica diretta di una malattia medica, il disturbo dell'umore primario viene registrato nell'asse I (ad es. Disturbo bipolare II) e la malattia medica viene registrata nel Asse III (ad es. Infarto del miocardio).

Un disturbo dell'umore indotto da una sostanza differisce da un episodio ipomanico per il fatto che una sostanza (ad esempio una droga, una droga o l'esposizione a una sostanza tossica) è considerata correlata eziologicamente all'alterazione dello stato di stato d'animo. Sintomi come quelli che si verificano in un episodio ipomanico possono essere precipitati da un farmaco (ad esempio, i sintomi ipomanici che si verificano solo nel contesto di avvelenamento da cocaina verrebbero diagnosticati come un disturbo dell'umore indotto dalla cocaina, con sintomi maniacali, insorgenza durante intossicazione). Sintomi come quelli che si verificano in un episodio ipomanico possono anche essere scatenati da un trattamento antidepressivo, che si tratti di un farmaco, di una terapia elettroconvulsiva o di una terapia della luce. Questi episodi sono anche diagnostici come il disturbo dell'umore indotto da sostanze (ad esempio, disturbo dell'umore indotto dall'amitriptilina, con sintomi maniacali; disturbo dell'umore indotto dalla terapia elettroconvulsiva, con sintomi maniacali).

Gli episodi maniacali devono essere distinti dagli episodi ipomanici. Sebbene gli episodi maniacali e gli episodi ipomanici presentino sintomi identici, l'alterazione dell'episodio ipomanico non è così grave da causare un significativo deterioramento sociale o professionale o richiedere il ricovero in ospedale. Alcuni episodi ipomanici si evolvono per completare episodi maniacali.

Un disturbo da deficit di attenzione e iperattività e un episodio ipomanico sono entrambi caratterizzati da attività eccessiva, comportamento impulsivo, impoverimento del giudizio e negazione dei problemi. Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività si distingue da un episodio ipomanico per la sua insorgenza tipicamente precoce (ad esempio, prima dei 7 anni), il suo decorso cronico piuttosto che episodico, la mancanza di un inizio e una fine relativamente chiari e l'assenza di espansivo a umore elevato.

Un episodio ipomanico deve essere distinto dall'eutimia, specialmente in soggetti che sono stati cronicamente depressi e che non sono abituati all'esperienza di un umore non depressivo.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Manic Episode, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Psicologia clinica e della salute.

Raccomandato

5 ricette per costipazione
2019
Perché le mie ovaie mi fanno male dopo le mestruazioni
2019
Bunions: cause e trattamento
2019