Gli archetipi di Carl Gustav Jung: elenco con esempi

Carl Gustav Jung è considerato uno dei psicoanalisti più influenti del secolo scorso. Basando la sua teoria sugli studi subconsci di Freud, Carl Jung propose di migliorare questa teoria e aggiunse un concetto importante e nuovo: l'inconscio collettivo e gli archetipi. Entrambi i concetti servono a capire come la nostra mente lavora individualmente e socialmente.

Sebbene oggi la psicoanalisi sia una disciplina poco praticata, continua a influenzare notevolmente il modo in cui comprendiamo la psicologia e le successive psicoterapie. Vuoi conoscere gli archetipi di Carl Gustav Jung ? Quindi non perdere questo articolo, in esso troverai la definizione e un elenco con esempi dei tipi di archetipi proposti da questo grande psicologo.

Carl Jung e la sua definizione di archetipi

Carl Gustav Jung era un importante psichiatra e psicoanalista che ha sviluppato una teoria psicoanalitica in cui ha introdotto due idee principali: l'inconscio collettivo e gli archetipi.

L'inconscio collettivo

Per Carl Jung, l'inconscio può essere diviso in personale e collettivo. In entrambi i casi, Jung lo definisce come " tutti i contenuti o processi psichici inconsci, cioè non correlati all'ego in modo percettibile " [1]

Tuttavia, per lo psicoanalista svizzero era importante separare i singoli processi (inconscio personale) da quelle idee, istinti e impulsi naturali condivisi da gran parte della società (inconscio collettivo)

Definiamo l'inconscio collettivo come l' insieme di elementi interpersonali - di solito subliminali - che condividono un insieme di individui, come la cultura, l'idea dell'arte, i rapporti con altre persone ...

Gli archetipi di Carl Jung: definizione

Insieme alla teoria dell'inconscio collettivo, Jung definisce gli elementi che lo compongono come archetipi. Vale a dire: gli archetipi sono il primo modello o idea condivisa di un elemento, atto o emozione.

Per comprendere meglio questa definizione di archetipo, facciamo un esempio:

  • Secondo Jung, esiste un archetipo di maternità che definisce inconsciamente come lavora una madre e quale ruolo dovrebbe assumere. È interessante notare che molte culture condividono la stessa idea senza mai entrare in contatto .

Inoltre, secondo questo psicoanalista, un individuo tende ad adottare comportamenti e persino modi di pensare tipici di alcuni archetipi, possiamo dire che influenzano la nostra personalità.

Elenco di tutti gli archetipi di Jung

Ora che conosciamo il concetto di archetipo, riveliamo tutti gli archetipi di Carl Gustav Jung con un elenco ed esempi, quale archetipo ti definisce meglio?

L'archetipo materno o materno

Simbolizzato dall'immagine inconscia della " madre terra ", questo archetipo rappresenta l'atteggiamento paziente e attento delle madri, Jung afferma che dobbiamo crescere con qualcuno che ci ispira quell'archetipo [2] per avere una corretta salute mentale.

  • Esempio: le divinità femminili, Eva, la vergine Maria (madre di Gesù nella religione cristiana), ... tutte sono figure della cultura legate all'idea di un potere materno, premuroso e potente.

L'archetipo paterno o il padre

Allo stesso modo in cui esiste l'archetipo materno, troviamo anche la figura inconscia del padre . Questo archetipo è definito come una figura di autorità.

  • Esempio: nella mitologia greca, Zeus (il padre degli dei).

Manna o potere spirituale

Questo archetipo è in qualche modo più astratto: definiamo la manna come quell'archetipo correlato al potere, alla fertilità e all'abbondanza, Jung ha affermato che questo archetipo potrebbe essere simboleggiato dal simbolo fallico .

ombra

Sigmund Freud ha definito gli impulsi repressi come qualcosa dell'inconscio individuale. Tuttavia, Carl Gustav Jung ci parla dell'ombra: un archetipo che include il "lato oscuro dell'io", ciò che consideriamo impulsivo e istintivo.

  • Esempio: l'impulso sessuale, la gola, l'avidità ... secondo Jung, l'ombra è di solito rappresentata nei sogni come un serpente, un drago o un demone.

La persona

Insieme all'archetipo dell'ombra, la persona è una delle più importanti secondo la teoria dell'inconscio collettivo. Definiamo la persona come l'immagine che diamo agli altri, la " maschera pubblica " che ogni individuo possiede. Questo archetipo può essere osservato oggi con l'ascesa dei social network, per esempio.

Altri archetipi

  • Il ragazzo
  • La fanciulla
  • L'animale
  • Il vecchio saggio
  • L'eroe

Archetipi maschili e femminili

Due dei grandi archetipi che vengono ancora implementati nella società oggi sono gli archetipi femminili e maschili.

Anima e Animus

Carl Gustav Jung ha definito gli archetipi maschili e femminili come Anima e Animus, con Anima l'archetipo femminile nell'inconscio collettivo degli uomini e Animus l'archetipo maschile nell'inconscio collettivo delle donne.

Anima è uguale all'idea di femminilità, legame, emozioni, sensibilità ed erotismo nei confronti delle donne. D'altra parte, Animus è definito come l'archetipo dei risultati, il mondo delle idee e della forza. Secondo la teoria di Jung, se riusciamo a trovare un equilibrio di entrambi gli archetipi nell'inconscio di uomini e donne, potremmo entrambi beneficiare delle qualità del sesso opposto [3]

Stereotipi e ruoli di genere

Oggi continuiamo a vivere sotto una serie di ruoli di genere intesi come archetipi femminili e maschili.

Questi ruoli sono osservati nei media, nella pubblicità, nell'educazione che riceviamo ... ed entrambi sono contrassegnati da idee forti che sembrano essere radicate nel nostro inconscio collettivo.

  • Archetipo femminile: emotivo, empatico, paziente, buona madre e casalinga, debole, dipendente ...
  • Archetipo maschile: uomo forte, responsabile, coraggioso, razionale, potente, non si lascia trascinare dai suoi sentimenti ...

Come possiamo vedere, questi stereotipi possono generare molti pregiudizi sociali e compromettere seriamente la salute mentale delle persone se sono molto tipizzati in questi archetipi. Fortunatamente oggi gli archetipi maschili e femminili sono meno presenti nella nostra società e gli atteggiamenti discriminatori stanno gradualmente diminuendo.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili agli archetipi di Carl Gustav Jung: elenca con esempi, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Psicologia Sociale.

riferimenti
  1. Sharp, D. (1991). CG Jung lessic: un primo di termini e concetti.
  2. Jung, CG (1991): Archetipi e inconscio collettivo. Barcellona: Paidós.

Raccomandato

Quali sono le costellazioni familiari in psicologia?
2019
Psicologia applicata, psicologia di base e psicologia generale
2019
Perché ottengo le occhiaie quando mi alleno
2019