Guidare la fobia: che cos'è, sintomi, cause e trattamento

Hai avuto paura di perdere il controllo e di danneggiare il tuo partner o tuo figlio? Hai avuto paura di farti del male o investirti? Questa paura è conosciuta come una fobia motrice e implica che le persone sviluppano paura di perdere il controllo e fare qualcosa che in realtà non vogliono.

La paura è una reazione adattativa alla sopravvivenza, ma cosa succede quando il senso di pericolo è posto nella tua persona e nel tuo pensiero e hai l'idea ricorrente che potresti danneggiare te stesso o un'altra persona? Se vuoi saperne di più su questo disturbo, continua a leggere questo articolo: Promuovi la fobia: che cos'è, sintomi, cause e trattamento .

Che cos'è la fobia dell'unità

Le fobie d' impulso sono i pensieri, i sentimenti o gli impulsi che una persona ha di perdere il controllo e danneggiare altre persone o se stessi. Questa fobia implica pensieri intrusivi spiacevoli e un'intensa paura di perdere il controllo, poiché non si desidera svolgere l'azione in cui si pensa.

Pertanto, nella fobia dell'impulso, appaiono pensieri che sviluppano un alto livello di visualizzazione, poiché le persone immaginano di eseguirlo e si riferiscono alla perdita di controllo e all'esecuzione di azioni che la persona stessa descrive come negative e indesiderabili.

Questa fobia può manifestarsi in isolamento o far parte di un altro disturbo. La fobia dell'impulso è stata per lo più associata al disturbo ossessivo compulsivo (DOC), sebbene possa essere presente anche nel disturbo depressivo, nel disturbo d'ansia generalizzato (GAD) o nel disturbo da stress post-traumatico.

Alcuni esempi di fobie di unità comuni che facilitano la tua comprensione sono:

  • Una persona sta aspettando la metropolitana e all'improvviso pensa di poter sfuggire al controllo e gettarsi sui binari o spingere un'altra persona verso di loro.
  • Intensa paura che una persona si avvicini ai coltelli a causa della paura che prova per la possibilità di prenderne una e ferire se stessa o un'altra persona.
  • Un esempio di stimolo alla fobia nella maternità sta vivendo pensieri malvagi involontari su come danneggiare i bambini, lasciarli cadere quando sono tenuti tra le braccia, ecc.

Guidare la fobia: sintomi

La sintomatologia presente nella fobia del drive è la seguente:

  • Presenza di pensieri invadenti (quei pensieri che non sono volontari, automatici e con contenuto spiacevole) che diventano pensieri ossessivi, quindi appaiono in modo ricorrente e persistente, senza che la persona sia in grado di controllarli.
  • In questi pensieri la persona immagina o visualizza se stessa mentre compie un'azione, un impulso. Sono pensati normalmente con un alto livello di visualizzazione.
  • I pensieri presentati dalla persona con fobia dell'impulso sono egodistonici, cioè non sono accettabili, congruenti o coerenti con la persona. Ciò implica che la persona li vive con intenso senso di colpa e vergogna.
  • La persona sa consapevolmente che non vuole fare ciò che pensa, quindi sviluppa un'intensa paura della perdita di controllo e dell'esecuzione delle azioni o degli impulsi che fissano i pensieri.
  • Pensieri violenti intrusivi. Normalmente il contenuto di questi pensieri è generalmente aggressivo, verso se stessi o verso altre persone, a volte vulnerabile e indifeso, morale o sessuale.
  • La persona fa grandi sforzi cercando di resistere, sopprimere ed evitare questi pensieri. Si concentra eccessivamente sul pensiero o sull'immagine ossessiva e si sente alle prese con se stesso.
  • Sviluppo di comportamenti di evitamento dovuti all'impossibilità di controllare questi pensieri.
  • È anche comune per le persone che soffrono di fobia d'impulso esaminare i propri pensieri e storie di vita, nonché chiedere la riassicurazione alle persone vicine a loro, cioè la conferma che il pensiero che temono non accadrà.
  • I pensieri generano alti livelli di sofferenza e angoscia nelle persone che ne soffrono, così come ansia e tristezza. In casi estremi possono apparire ideazione e intenzione suicidaria.
  • Alterazione e interferenza in varie aree vitali della persona e riduzione della qualità della vita a causa della fobia motrice.

Guidare la fobia: cause

Le spiegazioni più comuni e le cause più comuni di fobia del drive sono le seguenti:

  • Meccanismo del pensiero ossessivo: i pensieri intrusivi spiacevoli sono più comuni di quanto pensiamo e tutte le persone li hanno sperimentati più di una volta. Di solito, in presenza di uno di essi, le persone non danno maggiore importanza, le scartano e considerandole solo un pensiero che non dedicano tempo ad analizzarlo e a toglierlo, il che le favorisce a estinguersi naturalmente. D'altra parte, quando una persona presta eccessiva attenzione a questo pensiero intrusivo, lo analizza e le domande e i valori basati su di esso, il pensiero o l'immagine tenderanno ad apparire in modo ricorrente e persistente. Vi è quindi una trasformazione del pensiero intrusivo in pensiero ossessivo, a causa dell'interpretazione catastrofica eseguita. In questo caso, il processo di analisi ed esame del pensiero intrusivo non viene eseguito dalla curiosità e dall'obiettività, ma è una valutazione emotiva, poiché il pensiero ha innescato la sensazione di allarme e ha causato uno stato di attivazione in cui il la persona sente paura, ansia e colpa . Questo stato favorisce un'eccessiva attenzione e un'importanza emotiva su questo pensiero, che propaga un ciclo in cui la persona cerca di evitare questo pensiero, provando ansia e paura prima dell'impossibilità di controllarlo, ma paradossalmente riesce a farlo apparire in modo ricorrente.
  • Sopravvalutazione dell'importanza del pensiero: errore cognitivo che implica l'attribuzione di un significato personale e negativo a un pensiero, questo è concepito come rivelando la propria natura e caratteristiche; La persona è tutto ciò che pensa.
  • Fusione pensiero-azione di tipo morale: un'altra distorsione del pensiero con cui si ritiene che i pensieri siano moralmente equivalenti alle azioni, quindi, pensare di fare qualcosa di negativo equivale a farlo.
  • Fusione azione-pensiero del tipo di probabilità: credenza errata che implica che pensare a qualcosa aumenta la probabilità del suo verificarsi.
  • Eccessiva responsabilità: consapevolezza che la persona stessa ha il potere di influenza e decisione riguardo alla provocazione e all'evitamento di determinati eventi negativi e catastrofici.
  • Importanza del controllo del pensiero: credere che sia possibile un controllo assoluto su pensieri e immagini, oltre a sopravvalutare l'importanza di avere un controllo mentale completo.
  • Situazioni vitali: i momenti vitali in cui si verificano livelli molto elevati di stress e ansia, che sono difficili da gestire e da affrontare, possono essere contesti di vulnerabilità per pensieri invadenti e ossessivi. Gli eventi stressanti favoriscono la comparsa di pensieri involontari e indesiderati e lo stesso stato emotivo dell'ansia può rendere più facile indirizzare l'attenzione su di essi.
  • Tratti della personalità: alcune caratteristiche della personalità come iperresponsabilità, perfezionismo, eccessivo bisogno di controllo, elevata richiesta di sé, moralità rigorosa e nevroticismo sono stati associati come fattori di rischio per pensieri ossessivi e fobia degli impulsi.
  • Impatto di alcuni fatti o notizie: in alcuni casi vedere o ascoltare alcune notizie spiacevoli con un grande impatto emotivo, è il fattore che spinge una persona a iniziare a considerare se sarebbe in grado di fare lo stesso, se potesse perdere il controllo in quel modo.

Drive fobia: trattamento

Come superare la paura di ferire qualcuno? È possibile che una persona che soffre di fobia d'impulso eviti di ricorrere a cure specialistiche. Ciò è dovuto ai sentimenti di colpa e vergogna associati ai pensieri e / o alle immagini che si tenta di evitare senza successo. Tuttavia, per trattare la fobia del drive è importante consultare uno specialista.

Come superare la fobia dell'unità? Il trattamento della fobia motrice include i seguenti assi di lavoro:

  1. Psicoeducazione: spiegazione teorica della fobia motrice, della sua sintomatologia, pensieri intrusivi e ossessivi, nonché del meccanismo del pensiero ossessivo, degli errori di pensiero e delle circostanze che favoriscono la comparsa di questo disturbo. Inoltre, consapevolezza e informazioni sulla normalità e la frequenza dei pensieri intrusivi nella maggior parte delle persone con l'obiettivo di promuoverne la normalizzazione.
  2. Esposizione: è necessario spiegare il ruolo di rinforzo dei comportamenti di evitamento in questo disturbo e identificare quelli presentati dalla persona. Successivamente, la persona affronta gradualmente ed è esposta a quelle situazioni che evita attivamente. Ad esempio, l'esposizione può essere effettuata in metropolitana, nel caso in cui la persona eviti di utilizzare questo trasporto per paura di gettare o lanciare un'altra persona sui binari, o i coltelli se temono di danneggiare se stessi o gli altri.
  3. Esposizione a pensieri ossessivi: un'altra variante della tecnica di esposizione è applicarla a pensieri ossessivi, poiché esiste anche un tentativo di evitarli e controllarli. Per fare questo, puoi chiedere alla persona di ripetere mentalmente il pensiero, scriverlo più volte su carta o registrarlo e ascoltarlo più volte.
  4. Rilassamento e respirazione: l' allenamento nelle tecniche di rilassamento e respirazione prima dell'esposizione può migliorare l'efficacia della tecnica di esposizione.
  5. Ristrutturazione cognitiva: si applica nell'approccio delle distorsioni cognitive e dell'interpretazione catastrofica del pensiero, con l'obiettivo di generare cognizioni e interpretazioni più realistiche e funzionali. Si incoraggia la disidentificazione personale del pensiero e si mette in discussione le convinzioni e la loro incoerenza.
  6. Umore: l' umore è generalmente influenzato dalle persone che soffrono di questa fobia. Allo stesso modo, uno stato negativo favorisce l'irruzione di pensieri spiacevoli, quindi è necessario un intervento che lo contempla. Viene effettuata una promozione di abitudini sane, cibo, igiene del sonno e sport, nonché un elenco con attività gratificanti che sono di interesse per la persona, il tutto allo scopo di generare un programma di attività.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili alla fobia dell'impulso: che cos'è, sintomi, cause e trattamento, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di psicologia clinica.

Raccomandato

Malattia di Hirschsprung: che cos'è, sintomi e trattamento
2019
Perché mi fa male la testa quando sudo
2019
Dieta per abbassare i trigliceridi
2019