I meccanismi di difesa: Anna Freud

Anna Freud era una psicologa e ricercatrice molto importante a metà del secolo scorso. La sua teoria sulla mente e la psicoanalisi ha ricevuto una grande influenza dal suo sofferente: Sigmund Freud. Tuttavia, i suoi contributi alla psicologia hanno ridefinito alcuni concetti molto importanti, tra questi concetti evidenziamo i meccanismi di difesa del sé .

Conosciuti come i meccanismi di difesa " le barriere per affrontare la realtà " sono le strategie che il nostro subconscio deve evitare di risolvere i conflitti nella nostra vita quotidiana e non affrontare lo sforzo che ciò comporta. Vuoi saperne di più sulla teoria dei meccanismi di difesa di Anna Freud ? Quindi ti consigliamo di continuare a leggere questo interessante articolo di.

Quali sono i meccanismi di difesa della personalità?

Prima di entrare nei meccanismi di difesa, è importante mettere il momento e le teorie che esplodono come contesto: i principi della psicoanalisi . Non sorprende che il padre di Anna, Sigmund Freud, sia a sua volta il padre della scuola psicoanalitica.

Questa corrente è famosa per la definizione dei concetti di mente conscia e inconscia, secondo la teoria dell'iceberg di Freud, la mente cosciente contiene tutti i nostri pensieri e percezioni lucide mentre l'inconscio è la parte sommersa della nostra mente, dove si trovano pensieri repressi e impulsi meno razionali. Un'altra nota teoria di Sigmund Freud è quella nota come "L'Id, il sé e il super-io" in cui definisce tre strati dell'individuo:

  • È definito come espressione dei nostri impulsi e desideri
  • L' I è il mediatore, cerca di godere e di soddisfare i bisogni dell'Io ma senza infrangere le regole del Superyo
  • Il Superego è l'insieme di valori e credenze morali in cui proiettiamo la migliore versione di noi stessi.

Anna Freud si basa su teorie psicoanalitiche per formulare i propri principi in psicologia e dare il proprio contributo. Secondo la teoria di Anna Freud, l' Io è definito come uno spazio in cui osserviamo tutto ciò che accade nell'I e nel Superego.

Definizione dei meccanismi di autodifesa

Ora che sai come funziona la teoria psicoanalitica, è tempo di definire i meccanismi di difesa. Come abbiamo rivelato all'inizio di questo articolo, questi meccanismi sono un insieme di reazioni inconsce che ci proteggono dai conflitti tra l' Io e il Superego. Le cosiddette tecniche di adattamento di base fanno parte, queste tecniche cercano l'equilibrio psicologico e mediano tra l'ambiente e i nostri processi mentali.

Per capirsi meglio, un meccanismo di difesa come la negazione può agire come segue:

  • Un alcolizzato che nega la sua dipendenza e dice che bere alcolici non ha un impatto negativo sulla sua salute - Sente un forte bisogno di bere alcolici e per non affrontare il Superego, nega l'impatto negativo della dipendenza.

I principali meccanismi di difesa: 10 esempi

Successivamente, presenteremo un elenco dei principali meccanismi di difesa e dei loro esempi nella vita di tutti i giorni:

1. Repressione

Processo attraverso il quale un impulso o un'idea inaccettabile diventa incosciente. L'individuo rifiuta idee, pensieri e ricordi per tenerli nell'inconscio.

  • Esempio: un bambino vive un ricordo traumatico durante l'infanzia e lo reprime in modo che, nel corso degli anni, venga a dimenticarlo e quindi eviti di affrontare quell'esperienza.

2. Regressione

Un ritorno alle precedenti forme di funzionamento psichico, la regressione può essere compresa nel quadro della psicologia evolutiva come un passo indietro nello sviluppo .

  • Esempio: un adulto che non vuole affrontare il divorzio e inizia a comportarsi come un adolescente (fare festa, bere troppo alcol, avere un comportamento sessuale immaturo ...)

3. Allenamento reattivo

È definito come il processo mediante il quale un impulso o un desiderio inaccettabili è controllato dall'esagerazione della tendenza opposta.

  • Esempio: invece di dire al tuo partner che hai fatto qualcosa di sbagliato nel rapporto, lo riempi di sorprese e regali per non affrontare la realtà.

4. Annullamento retroattivo

Questo meccanismo di difesa è inteso come il processo attraverso il quale la persona si comporta come se non avesse avuto luogo una precedente idea o azione minacciosa. ( simile a negazione e repressione )

5. Introiezione

Processo attraverso il quale la persona pone in sé ciò che è veramente al di fuori. In questo meccanismo di difesa, le minacce dall'estero sono interiorizzate al fine di cercare di controllare il loro effetto sulla nostra stabilità mentale.

  • Esempio: introiettare una persona (e quindi credere che abbiamo il controllo sulle loro azioni) riduce l'ansia che il loro allontanamento ci provoca.

6. Proiezione

Questo meccanismo di difesa dell'io è noto come il processo attraverso il quale la persona emette, in un'altra persona o cosa, sentimenti, desideri o caratteristiche proprie. In questo modo, evita di modificare quell'elemento del tuo comportamento e / o personalità.

  • Esempio: una persona che si sente insicura del proprio corpo, può proiettare quell'insicurezza rimproverando lo stesso sentimento in quella persona. " Sei troppo insicuro! " - Quando in realtà la persona insicura non è quella indicata ma lui o lei.

7. sublimazione

Processo attraverso il quale un istinto (di componente sessuale o aggressiva) viene derivato verso un fine diverso. Quando un individuo sublima un istinto, sostituisce la sua motivazione e lo reindirizza verso un'attività più socialmente accettata.

  • Esempio: una persona sta sublimando quando sostituisce il suo desiderio sessuale con qualche attività culturale o intellettuale (creazione di arte, lettura, scrittura ...)

8. Isolamento

Processo attraverso il quale la persona isola un pensiero o un evento, interrompendo così le loro connessioni con il resto delle loro esperienze ed evitando così di far parte della loro esperienza significativa.

9. Spostamento

Definiamo lo spostamento come il meccanismo di difesa del sé attraverso il quale la mente inconscia reindirizza le emozioni che una circostanza produce verso un altro oggetto, persona o situazione.

  • Esempio: quando un bambino viene aggredito a scuola e sposta la sua rabbia aggredendo altri bambini a scuola.

10. Rivoltarsi contro se stessi e la trasformazione nel suo contrario

Partono dall'idea che gli istinti sono in grado di far fronte a una trasformazione. (sadismo-masochismo, voyeurismo-esibizionismo). Questo meccanismo di difesa può essere osservato in casi come

Come lavorare i meccanismi di difesa?

Come possiamo ben vedere, i meccanismi di difesa non sono tecniche psicologiche adattive per la nostra salute mentale, questo perché il problema non è risolto, piuttosto si allontana o si blocca in modo che il conflitto rimanga irrisolto.

Al fine di risolvere un conflitto e ridurre le conseguenze psicologiche di un evento stressante o negativo, possiamo incoraggiare e lavorare sui seguenti aspetti:

  • Sviluppo delle competenze sociali
  • Promozione della comunicazione assertiva
  • Terapia del problema
  • Miglioramento delle strategie di coping

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a I meccanismi di difesa: Anna Freud, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Psicologia di base.

Raccomandato

Come affrontare una gravidanza indesiderata
2019
Colecistite cronica: sintomi, cause e trattamento
2019
Bifida uvula: cause e conseguenze
2019