I nodi fanno male quando vengono toccati?

C'è sempre stata paura in relazione ai linfonodi. Questo non è altro che una struttura che fa parte del sistema immunitario dell'essere umano. Ognuno di essi contiene linfociti, cioè i globuli bianchi che sono responsabili dell'azione contro qualsiasi infezione o malattia che attacca il corpo.

I linfonodi sono distribuiti in tutta la struttura del corpo uniti dai vasi linfatici. Questi si trovano in maggiore proporzione nell'addome, nelle ascelle, nel collo e nell'inguine. I linfonodi diventano più facilmente evidenti quando si verifica un processo infettivo e iniziano a gonfiarsi e possono diventare dolorosi. I nodi fanno male quando vengono toccati? In questo articolo di ONsalus parleremo dei linfonodi e se fanno male quando vengono toccati.

Cosa sono i linfonodi e perché si gonfiano

Dal punto di vista medico, i nodi sono definiti come piccole strutture o masse con dimensioni inferiori a 1 centimetro. Questi nodi sono una parte fondamentale del sistema immunitario, poiché in essi troviamo i globuli bianchi che consentono di combattere qualsiasi processo infettivo o malattia che attacca l'essere umano. Sono distribuiti in tutto il corpo umano rilevando qualsiasi agente estraneo.

L'importanza medica dei linfonodi è che si gonfiano in presenza di diverse infezioni, sia virali che batteriche, anche i linfonodi o i linfonodi si gonfiano in presenza di cancro. Il processo infiammatorio di questi gangli è noto come adenopatie . I siti che spiccano di più e possiamo vedere i nodi sono:

  • Chest.
  • L'addome.
  • Collo.
  • Ascelle.
  • La regione inguinale

Generalmente i linfonodi passano inosservati a causa delle loro piccole dimensioni, quando il corpo è esposto a qualsiasi agente estraneo si infiammano e possono essere toccati molto più facilmente. Le condizioni più comuni per cui compaiono i linfonodi ingrossati sono:

  • Influenza.
  • Ulcere della bocca
  • Gengivite.
  • Tonsillite.
  • Faringite.
  • Morbillo.
  • Ascesso dentale
  • Mononucleosi.
  • Infezioni della pelle.
  • Infezioni dell'orecchio
  • Malattie a trasmissione sessuale
  • Leucemia.
  • Lupus eritematoso sistemico
  • Artrite reumatoide
  • Linfoma.
  • HIV
  • Cancro.

I nodi fanno male quando vengono toccati?

In uno stato normale, un linfonodo è inferiore a un centimetro, non è doloroso da toccare e può essere facilmente spostato non aderendo a nessun piano della pelle.

D'altra parte, come descritto, l'infiammazione dei linfonodi è direttamente correlata al processo infettivo che il corpo umano sta attraversando. Logicamente, quando il ganglio aumenta di dimensioni, il dolore appare quando viene toccato, questo significa che il dolore è causato dalla crescita del linfonodo.

Nella maggior parte delle volte il dolore quando si toccano i linfonodi è lieve e scompare in pochi giorni dopo aver usato il trattamento appropriato, quando il processo infettivo rimette le dimensioni dei linfonodi torna alla normalità.

Cosa devo fare se ho le ghiandole gonfie

Il trattamento utilizzato per contrastare il processo infiammatorio dei linfonodi dipenderà dalla causa da trattare in generale se si tratta di un processo virale le dimensioni del linfonodo tornano alla normalità una volta rimesso all'infezione virale.

In caso di infezione batterica, il trattamento appropriato da utilizzare sono gli antibiotici . A seconda del luogo e della causa dell'infezione, il medico indicherà il farmaco appropriato. Logicamente, il processo infiammatorio diminuirà trattando la condizione preesistente . Questo vale in caso di malattie immunologiche come il lupus eritematoso sistemico e l'artrite reumatoide. D'altra parte, ci sono modi naturali ed efficaci per alleviare il dolore toccando i linfonodi:

  • Comprime con acqua calda : possono essere applicati direttamente nei punti in cui è evidente il linfonodo gonfio e doloroso.
  • Farmaci : puoi anche somministrare un antidolorifico da banco come l'ibuprofene o il paracetamolo, in modo da ridurre il processo doloroso che accompagna i linfonodi ingrossati.

Quando consultare il medico

Sapendo già che i linfonodi ingrossati possono avere consistenza fibrosa o elastica, misurano pochi millimetri, sono mobili e possono essere dolorosi o meno. Esistono alcuni segnali che possono essere considerati segnali di allarme per andare immediatamente dal medico o dallo specialista:

  • Se l'aumento delle dimensioni non scompare o persiste per diverse settimane.
  • Se i linfonodi oltre ad essere infiammati e dolorosi sono difficili.
  • Se la perdita di peso è associata a febbre e sudorazione intensa durante le notti.
  • Se il linfonodo è superiore a 2, 5 cm.
  • Sono attaccati a piani profondi in modo che non si muovano.
  • Questo può essere palpabile in diverse parti del corpo.

L'Accademia spagnola di pediatria [1] spiega che il rischio di malignità di un linfonodo aumenta con le dimensioni. Dei 457 pazienti studiati, è stato riscontrato che le lesioni inferiori a un centimetro erano di causa benigna, l'85% delle lesioni maligne erano più grandi di 3 cm. D'altra parte, spiegano che il dolore è causato dalla rapida crescita del linfonodo e, nella maggior parte dei casi, il dolore nei nodi è solitamente associato a cause infiammatorie e infettive .

Indipendentemente dalla causa della comparsa dei linfonodi ingrossati, vale la pena andare dal medico che farà il relativo esame fisico, indicherà gli esami necessari per determinare che il processo infiammatorio e i linfonodi dolorosi sono dovuti a un'infezione virale o batterica e non per una causa più complicata da trattare.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a I gangli fanno male quando vengono toccati? Ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Sistema immunitario.

riferimenti
  1. Jaime García Aguado. Studio del paziente con linfoadenopatia periferica . AEPap ed. Corso di aggiornamento di Pediatria 2010. Madrid: Exlibris Ediciones; 2010. p.31-42. Estratto il 5 dicembre 2018 da: //www.aepap.org/sites/default/files/adenopatias.pdf

Raccomandato

Perché il mio bambino mi tira i capelli
2019
Meningioma: sintomi, trattamento e sequele
2019
Metodi contraccettivi per gli uomini
2019