Max Weber: biografia, teoria, contributi e bibliografia

Max Weber è considerato il padre della sociologia moderna, poiché ha dato un grande contributo a questo campo, nonché all'economia, alla politica e alla religione. Questo autore ha analizzato l'attuale sistema capitalista e i fattori che hanno contribuito alla sua origine, oltre ad avere un ruolo nella firma del Trattato di Versailles che ha posto fine alla prima guerra mondiale. Inoltre, i loro contributi e influenza sono ancora validi nell'area della sociologia oggi. Se vuoi saperne di più su questa figura, continua a leggere questo articolo di: Max Weber: biografia, teoria, contributi e bibliografia . Dove troverai i dati più importanti della vita professionale e personale dell'autore, così come le sue opere più influenti.

Biografia di Max Weber

Chi era Max Weber? Maximilian Karl Emil Weber è nato nella città tedesca di Erfurt il 21 aprile 1864. È considerato un economista, filosofo, storico, giurista, politologo e sociologo, che si distingue per quest'ultimo aspetto.

L'atmosfera familiare esercitò una grande influenza sugli interessi e le inclinazioni di Weber, quindi segnò in gran parte la biografia del tedesco. È cresciuto in una famiglia con sette fratelli, essendo il maggiore, suo padre era un giurista e un politico appartenente al Partito liberale nazionale e sua madre un calvinista moderato. Era una famiglia borghese la cui casa era visitata da persone della sfera accademica e pubblica e in cui si discutevano di solito questioni economiche, politiche e intellettuali.

Fin da adolescente questo sociologo ha già letto autori come Kant, Schopenhauer, Homero o Spinoza . Ha studiato nelle università di Heidelberg, Berlino e Gottinga. Un altro fatto notevole della biografia di Max Weber è che nel 1882 entrò in legge all'Università di Heidelberg, dove aveva come professore suo zio Hermann Baumgarten, autore di due opere sulla storia spagnola.

Successivamente, nel 1890, ottenne un dottorato in scienze economiche con una tesi che ottenne un voto eccellente. Durante questo periodo prestò servizio intermittente al servizio militare a Strasburgo e nel 1888 entrò a far parte dell'Associazione professionale degli economisti tedeschi, concentrandosi sul ruolo dell'economia come strumento di soluzione per problemi sociali. In esso Weber era incaricato di indagare e scrivere sul fenomeno migratorio nel processo di industrializzazione, lavoro per il quale ricevette elogi e si consolidò come esperto in economia agricola.

Nel 1893 sposò una parente lontana, Marianne Schnitger, una femminista e sociologa che indagò sulla protezione legale delle donne e della parità di genere attraverso l'indipendenza economica ed educativa, e ebbe un ruolo fondamentale nella raccolta di scritti di Weber è morto una volta.

L'anno seguente, la coppia si trasferì a Friburgo, la cui università è professore di economia politica . Due anni dopo continuerà a insegnare le stesse lezioni ma all'università di Heidelberg.

Il 1897 fu un anno difficile, poiché nella biografia di Max Weber si verifica un evento importante: suo padre muore due mesi dopo che entrambi hanno avuto una forte discussione che non è stata risolta. Questo fatto provoca in lui stati di nervosismo e insonnia, quindi finisce per precipitare in uno stato malinconico, che gli causa grandi difficoltà a svolgere i suoi compiti di insegnante.

Nel 1898 si allontana dall'insegnamento ed entra in un sanatorio fino all'anno successivo, una volta lasciato questo istituto si dedica due anni a viaggiare con sua moglie. Al suo ritorno, si dimette da insegnante, esercita questa professione solo privatamente e accetta di lavorare come editore in un archivio di scienze sociali.

Nel 1904 si recò negli Stati Uniti per partecipare al Congresso delle Arti e delle Scienze, ed è tra quest'anno e il successivo che le opere più influenti di questa figura iniziarono a essere pubblicate, essendo nel 1905 la pubblicazione del suo saggio chiave Etica Protestante e spirito del capitalismo . Nel 1912 tentò di fondare, senza successo, un partito politico di sinistra tra liberali e socialdemocratici.

Quando scoppiò la prima guerra mondiale, Weber prestò servizio per un certo periodo come direttore di nove ospedali nell'esercito di Heidelberg, fa parte di gruppi il cui obiettivo è mantenere il controllo tedesco in Belgio e Polonia, è membro del consiglio dei lavoratori e dei soldati e lavora come consulente della Commissione di armistizio tedesca, che ha negoziato la resa del paese attraverso il trattato di Versailles, ponendo fine alla guerra. Questa commissione ha anche assegnato l'atto della Costituzione di Weimar, che includeva l'articolo 48 che consentiva l'adozione di misure di emergenza e la promulgazione di decreti di emergenza, poiché Weber temeva lo scoppio della rivoluzione comunista in Germania. Infine, questo articolo è stato usato da Adolf Hitler per proclamare la legge marziale e dichiararsi dittatore.

Terminata la guerra, questo sociologo riprende la sua posizione di insegnante, prima all'Università di Vienna e l'anno successivo all'Università di Monaco. All'università di Monaco, promuove il primo istituto di sociologia di un'università nel paese. Il 14 giugno 1920, morì all'età di 56 anni a causa di polmonite.

Immagine: firma del trattato di Versailles

Max Weber: teoria

Il sociologo ha applicato la metodologia della sociologia a settori come la politica, la legge, la religione e l'economia. Il suo pensiero è caratterizzato dall'essere antipositivista, ermeneutico e idealista . Questo autore mirava a comprendere l'interrelazione che si verifica tra i fattori che hanno contribuito alla fondazione della struttura sociale, sottolineando il ruolo degli elementi culturali e della mentalità o etica collettiva nel corso della storia.

Weber ha sottolineato la razionalizzazione come chiave per lo sviluppo della civiltà occidentale. Identificare la razionalità basata sulla burocrazia come motore di questo processo. Allo stesso modo, Weber ha ritenuto che il comportamento dell'essere umano sia guidato e collegato alla cultura e alla religione del luogo di origine. Da questo pensiero, viene elaborata la teoria della burocrazia di Max Weber, che stabilisce le condizioni in base alle quali le persone che detengono il potere legittimano il loro status di dominio e il modo in cui le persone si sottomettono ad esso.

Max Weber: contributi

Ecco alcuni dei contributi di Max Weber :

  • È uno dei fondatori della sociologia, insieme a Marx, Durkheim e Comte.
  • È considerato uno dei genitori della sociologia moderna e della pubblica amministrazione.
  • Rinnovatore delle scienze sociali e loro metodologia.
  • Ha stabilito le basi del metodo di lavoro della sociologia moderna, dandogli rigore e legittimità.
  • Introduzione dell'antipositivismo alle scienze sociali.
  • Il suo libro Economia e società è considerato il più importante libro di sociologia del ventesimo secolo.
  • Sviluppo di concetti concreti per l'interpretazione della storia; un'analisi e un'interpretazione razionali.
  • Contributi teorici a diversi settori, compresa la psicologia sociale e organizzativa.
  • I suoi pensieri e scritti influenzano l'elaborazione delle attuali teorie sociologiche.

Max Weber: bibliografia

I libri più importanti di Max Weber sono i seguenti:

  • Etica protestante e spirito del capitalismo (1905)
  • Politics as a vocation (1919)
  • Science as a profession (1919)
  • Sociology of Religion (1920)
  • Economia e società (1922)
  • Concetti di base in sociologia (1922)
  • Storia economica generale (1923)
  • La metodologia delle scienze sociali (1949)

Max Weber: breve biografia

I dati più rilevanti della biografia di Max Weber sono i seguenti:

  • Nato in Germania nel 1864.
  • Ha studiato giurisprudenza ed economia.
  • Nel 1888 fa parte dell'Associazione professionale degli economisti tedeschi.
  • Era un medico nel 1890.
  • Si sposò nel 1893.
  • Era professore di economia politica.
  • Abbandonò l'insegnamento nel 1898 a causa di problemi emotivi.
  • Nel 1905 viene pubblicato il suo saggio chiave L'etica protestante e lo spirito del capitalismo.
  • Nella prima guerra mondiale collabora alla negoziazione del trattato di Versailles.
  • Morì nel 1920, all'età di 56 anni.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Max Weber: biografia, teoria, contributi e bibliografia, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di biografie.

Raccomandato

Psicologa a Granada - María Reyes
2019
Menu per la dieta ipoallergenica
2019
Frutta con meno calorie
2019