Mindfulness e suoi benefici in campo educativo

Mindfulness (di seguito, MF) o mindfulness è una qualità della coscienza umana caratterizzata da un aumento della capacità di accettazione e da un miglioramento dell'attenzione nel flusso costante dell'esperienza vissuta. Essere consapevoli aumenta l'impegno per il momento presente e consente una comprensione più chiara di come i pensieri e le emozioni possono influenzare la nostra salute e la qualità della vita. La consapevolezza può essere coltivata attraverso la pratica della meditazione. Sebbene la MF sia una capacità umana intrinseca che è stata esaminata internamente per millenni, l'interesse scientifico per la consapevolezza sta crescendo nei campi della medicina, della psicologia, del lavoro sociale e commerciale, così come in altre aree. (Siegel, 2011)

In questo articolo di PsychologyOnline parleremo di Mindfulness e dei suoi benefici in campo educativo.

Quadro sociale e giustificazione

La necessità di promuovere la competenza sociale ed emotiva e il benessere dei bambini è particolarmente importante durante il passaggio dall'infanzia all'adolescenza (Hertzman and Power, 2006). È durante la prima adolescenza - in particolare tra 9 e 12 anni, che un programma che comprende pratiche di consapevolezza può essere particolarmente importante (i 9 e 10 anni sono stati identificati come il periodo "pre-adolescenza" e le età di 11 e 12 anni sono state identificate come "prima adolescenza").

È durante questo periodo di sviluppo che i bambini consolidano le loro personalità, comportamenti e competenze in modo che persistano nell'adolescenza e conseguentemente nell'età adulta (Eccles e Roeser, 2009). Ciò che sappiamo della ricerca esistente in questo periodo di età conclude che i cambiamenti che avvengono sono piuttosto drastici.

Tra 9 e 12 anni, in particolare, si verificano cambiamenti fondamentali in quasi tutte le sfere della vita: intelligenza, personalità, ecc. Gli studenti di tutte le età possono raggiungere l'aula carica di eventi stressanti derivati ​​da molte fonti, tra cui disfunzioni del sistema familiare, conflitti tra pari, sfide socioculturali e vulnerabilità a problemi di salute fisica e mentale.

In isolamento o in combinazione con difficoltà di apprendimento e prestazioni, queste fonti di stress possono talvolta essere tossiche per lo sviluppo e l'apprendimento degli studenti. La ricerca suggerisce che lo stress eccessivo colpisce il cervello in via di sviluppo.

Lo stress costante nell'infanzia e nell'adolescenza può avere un impatto sul benessere, sul funzionamento generale e su fattori specifici per l'apprendimento, come la funzione esecutiva e la memoria di lavoro.

Poiché molti bambini e adolescenti presentano problemi di apprendimento, comportamento, attenzione e salute sensibili allo stress o indotti da esso, l'ambiente scolastico offre un ambiente ideale per l'uso di interventi che promuovono una funzione sana e lo sviluppo di cervello e promuovere la resistenza allo stress.

Si stanno accumulando sempre più prove del fatto che la formazione MF è un modo economico per raggiungere questi obiettivi . (Groenlandia, 2010)

" Esistono dati sempre più convincenti sul miglioramento della salute e del benessere della consapevolezza: riduzione dello stress, dell'ansia e della depressione; miglioramento della funzione del sistema immunitario; maggiore motivazione per apportare cambiamenti nello stile di vita e promozione delle connessioni sociali " . (Meiklejohn, 2012)

Cosa intendiamo per Mindfulness?

MF non è qualcosa di nuovo, fa parte di ciò che ci rende umani - la capacità di essere pienamente consapevoli e attenti -. La capacità di consapevolezza sostenuta momento per momento, specialmente in mezzo al tumulto emotivo, è un'abilità speciale.

Ma la cosa importante è che è un'abilità o un'abilità che può essere acquisita . (Bishop, 2002). Studi empirici hanno esaminato il costrutto MF per quasi 40 anni, e da allora la definizione concettuale di MF è stata, e se continua a essere in continua revisione e tenta di chiarire ancora oggi.

Origine della consapevolezza (MF)

Ciò che attualmente chiamiamo attenzione nel campo della scienza contemplativa e delle corrispondenti tecniche della sua coltivazione, proviene da pratiche psicologiche introspettive orientali, in particolare dalla psicologia buddista, che fa riferimento al concetto per oltre 2.500 anni.

MF ( Mindfulness ) è un termine derivato dal linguaggio Pali, con il quale Sati è combinato con Sampajana, e questo termine si traduce nel senso di consapevolezza, prudenza, discernimento e ritenzione. Queste rappresentazioni linguistiche sono state prese in considerazione da esperti e suggeriscono che MF significa ricordare di prestare attenzione a ciò che accade nell'esperienza immediata con cura e discernimento.

A poco a poco il concetto di consapevolezza viene introdotto nel campo della scienza occidentale e molti ricercatori stanno concentrando il loro lavoro sulla consapevolezza e sulle pratiche di meditazione associate. (Siegel, 2011)

La meditazione è il metodo usato per sviluppare la consapevolezza, inizialmente l'idea generalmente accettata pensata e incorniciata da MF nel campo esoterico, indissolubilmente associata alle credenze religiose e considerata come una capacità raggiungibile solo da alcune persone. Tuttavia, diversi decenni di metodologia di ricerca e scoperte scientifiche hanno demolito questi miti; La MF è ora ampiamente considerata come una qualità intrinseca della coscienza umana, cioè una capacità di attenzione e consapevolezza orientata al momento presente che varia di grado all'interno e tra gli individui e può essere valutata empiricamente e indipendentemente dalle credenze religiose e spirituali o culturale (Siegel, 2011)

Negli attuali contesti di ricerca, la consapevolezza è definita come: "Cura senza pregiudizio nelle esperienze attuali" (Kabat-Zinn, 1990). Bishop, Lau, Shapiro e Carlson, (2004) suggeriscono un modello di cura a due componenti, in cui il primo componente è la regolazione dell'attenzione per rimanere nell'esperienza immediata e il secondo componente è l'approccio esperienze con un orientamento di curiosità, apertura e accettazione, indipendentemente dalla loro valenza e convenienza. L'attenzione è di solito coltivata in pratiche di meditazione formale, come sessioni di meditazione o movimenti coscienti (Kabat-Zinn, 1990).

La pratica della meditazione consapevole comprende il fuoco dell'attenzione sull'esperienza di pensieri, emozioni e sensazioni corporee, semplicemente osservandoli mentre si presentano e lasciandoli passare. Una delle definizioni "occidentali" più conosciute e accettate del termine MF proviene dal Dr. Jon Kabat-Zinn, uno dei principali precursori dell'istituzione della piena consapevolezza in campo scientifico.

Ha definito la consapevolezza come "prestando particolare attenzione: a proposito, nel momento presente e senza giudicare" (Kabat-Zinn, 1990). Questa definizione è diventata il punto di riferimento per i successivi contributi dei diversi ricercatori che si sono dedicati allo studio della MF o della consapevolezza.

Tra i punti salienti che sono stati gradualmente inclusi possiamo sottolineare i più importanti sono i seguenti:

  • Attenzione aperta e ricettiva e consapevolezza di ciò che sta accadendo nel momento presente.
  • Consapevolezza che sorge attraverso un'attenzione intenzionale e aperta che accetta e discerne la forma di ciò che sta emergendo nel momento presente.
  • Attenzione ricettiva all'intero campo della coscienza e rimanere in uno stato aperto in modo che possa essere intenzionalmente diretto verso la sperimentazione di sensazioni, pensieri, emozioni e ricordi
  • Svegliati da una vita vissuta con il pilota automatico e basata sulle solite risposte.

Un tema comune condiviso praticamente da tutte le definizioni è l'esistenza di una ricettività generale e la piena partecipazione al momento presente . Per comprendere ulteriormente la definizione di attenzione, il termine può essere contrapposto alle esperienze di follia che si verificano quando le capacità di attenzione e consapevolezza sono disperse a causa di preoccupazioni derivate da memorie passate o piani e preoccupazioni future; Questo, a sua volta, porta a una consapevolezza limitata dell'attenzione alle esperienze nel momento presente.

Definizioni più influenti su Mindfulness

Un fatto importante e cruciale che dobbiamo prendere in considerazione è che la capacità di sperimentare la MF non è qualcosa di assoluto, immutabile o determinato interamente dalla genetica, se così fosse, gli approcci formativi basati sulla MF non sarebbero utili, non ci sarebbe nulla che possa essere aumentato o migliorato. Fortunatamente, l'efficacia dimostrata da programmi manuali che hanno le tecniche MF come nucleo principale ci fanno pensare a questa come un'abilità, simile a un'abilità che può essere sviluppata con la pratica.

Può essere considerato qualcosa di molto più vicino a uno stato che a una caratteristica perché la sua evocazione e manutenzione dipende dalla regolazione dell'attenzione mentre coltiva un orientamento aperto all'esperienza. Finché l'attenzione viene prestata deliberatamente all'esperienza nel modo descritto, la consapevolezza sarà mantenuta e quando l'attenzione non sarà più regolata in questo modo, l'attenzione cesserà di essere prestata.

Sebbene gli interventi basati sulla MF spesso ricorrono a tecniche di meditazione per insegnare le abilità necessarie per evocare la presenza mentale, questa modalità di coscienza probabilmente non si limita alla meditazione. Una volta apprese le abilità, l'attenzione può essere regolata per evocare la presenza mentale in molte situazioni, permettendo al soggetto di rispondere abilmente a situazioni che causano reazioni emotive. (Bishop et al, 2004).

Da una revisione della letteratura attuale sugli atteggiamenti necessari per la coltivazione della FM possiamo evidenziare quanto segue Simón (2010):

  • Accettazione della realtà che già esiste e che stiamo osservando in quel momento. È l'opposto della resistenza. Consentire o lasciare che le cose siano come sono nel momento presente.
  • Senza giudicare ciò che si osserva. Sospendiamo il processo, lo lasciamo passare e semplicemente lo osserviamo.
  • La mente del principiante, la cui essenza è la curiosità e l'apertura mentale a ciò che percepiamo e sperimentiamo.
  • Vivere il presente, il che significa che il passato e il futuro stanno diventando inutili.
  • Rilascio, il che significa non aggrapparsi a cose o esperienze.
  • Atteggiamento affettivo di gentilezza amorevole o atteggiamento di amore o affetto verso l'oggetto osservato.
  • Compassione, che non ha pietà, quando quella gentilezza amorevole è rivolta alle persone che provano qualsiasi tipo di sofferenza.
  • Auto-compassione quando quella gentilezza amorevole è diretta verso se stessi.

Mindfulness in education

Bambini e adolescenti soffrono di stress a livelli senza precedenti (Barnes, Bauza e Treiber, 2003; Fisher, 2006; Mendelson et al., 2010), questo aumento dello stress può provocare rabbia, ansia, depressione e esternalizzazione di comportamenti disadattivi (p (ad es. disturbi comportamentali), bassa autostima e mancanza di fiducia in se stessi (Barnes et al., 2003; Mendelson et al., 2010; Smith and Womack, 1987).

La ricerca suggerisce che l'ansia, la depressione e la bassa autostima possono influenzare negativamente il rendimento scolastico degli studenti interrompendo il loro pensiero e impedendo il loro apprendimento (Barnes et al., 2003; Fisher, 2006; Mendelson et al., 2010)

L'introduzione di programmi MF a scuola potrebbe essere estremamente utile per invertire o addirittura nelle prime fasi prevenire lo sviluppo di tutte queste patologie e comportamenti disadattivi. Di seguito sono presentate alcune chiavi di MF nella sua applicazione in contesti educativi, basate su numerosi studi scientifici sviluppati negli ultimi anni.

È stato deciso di dividere le informazioni raccolte in diverse sezioni del funzionamento cognitivo, della salute mentale e dello sviluppo personale per avere una visione più dettagliata di ciascuna di queste sfaccettature, ma senza dimenticare che non sono caratteristiche isolate e che interagiscono tra loro e MF aiuta in quel benefico processo di interazione.

Sviluppo cognitivo e accademico

Studieremo in questa sezione prove scientifiche sui processi psicologici di base, come l'attenzione, la memoria e la flessibilità cognitiva che una volta sviluppate portano ad un aumento misurabile e quantificabile del rendimento scolastico, tra gli altri benefici, in parte mediato dalla consapevolezza .

Mindfulness e attenzione

Un breve corso di consapevolezza ha migliorato la capacità dei bambini di ignorare le distrazioni e concentrarsi meglio. I ricercatori hanno reclutato 30 bambini (ragazze e ragazzi dai 10 agli 11 anni) per partecipare a un corso di consapevolezza nell'ambito del loro curriculum scolastico. I bambini hanno partecipato al corso della consapevolezza in due gruppi in momenti diversi, e così i ricercatori sono stati in grado di confrontare i gruppi e vedere gli effetti del corso. Per fare ciò, hanno misurato i livelli di attenzione dei bambini attraverso un questionario, hanno anche misurato le loro capacità di attenzione, utilizzando un gioco per computer progettato appositamente per questo scopo.

Hanno eseguito queste misurazioni tre volte, a intervalli di tre mesi, quindi sono stati in grado di misurare i cambiamenti nelle capacità di attenzione nel tempo a seguito del corso della consapevolezza. I risultati hanno indicato un miglioramento della capacità dei bambini di concentrarsi e affrontare le distrazioni associate al corso della consapevolezza. Questi sono i risultati di uno studio condotto da Dominic Crehan e Michelle Ellefson presso l'Università di Cambridge, presentato il 6 settembre 2013 in occasione della Conferenza annuale della British Psychological Society presso l'Università di Reading. (BPS, 5 settembre 2013).

Jha, Krompinger e Baime (2007) hanno riscontrato aumenti significativi dell'attenzione nei soggetti che hanno praticato un programma di riduzione dello stress basato sulla consapevolezza e nelle persone che hanno seguito un allenamento intensivo per un mese.

Mindfulness e memoria di lavoro

Per indagare se un corso di formazione MF ha ridotto le distrazioni e quindi migliorato le prestazioni, in uno studio (Università della California - Santa Barbara, 26 marzo 2013).

48 studenti sono stati assegnati in modo casuale a una classe che ha insegnato la pratica della consapevolezza o a una classe che ha trattato argomenti fondamentali sulla nutrizione.

Le lezioni di attenzione hanno fornito un'introduzione concettuale insieme a istruzioni pratiche su come allenare la MF con esercizi specifici e nella vita di tutti i giorni. Nel frattempo, la lezione di nutrizione ha insegnato la scienza dell'alimentazione, strategie alimentari sane e informazioni sull'assunzione giornaliera di cibo. Una settimana prima dell'inizio delle lezioni, gli studenti hanno completato due test: un test di ragionamento verbale modificato dal GRE (Graduate Record Examination) e un test di capacità della memoria di lavoro, è stata misurata anche la distrazione durante entrambi i test. Una settimana dopo la fine delle lezioni, gli studenti sono stati nuovamente esaminati. I risultati hanno indicato che il gruppo di consapevolezza è notevolmente migliorato nel test GRE verbale e nel test di capacità della memoria di lavoro. Inoltre sono stati meno distratti durante il test. Nessuno di questi cambiamenti si è verificato nel gruppo nutrizionale.

Secondo i ricercatori: “ Questa è la dimostrazione più completa e rigorosa che la consapevolezza può ridurre la distrazione, una delle manifestazioni più chiare che MF può migliorare il lavoro e la lettura della memoria. Questa ricerca dimostra con maggiore certezza che alcune abilità cognitive spesso considerate immutabili, come la capacità di memoria di lavoro, possono essere migliorate attraverso la formazione in MF. "

Mindfulness e flessibilità cognitiva

Un'altra linea di ricerca suggerisce che oltre ad aiutare le persone a essere meno reattive, la meditazione può anche fornire loro una maggiore flessibilità cognitiva. Uno studio ha scoperto che le persone che praticano la meditazione consapevole sviluppano la capacità di auto-osservazione, che disattiva neurologicamente i percorsi automatici creati attraverso l'apprendimento precedente e consente l'ingresso del momento presente di integrarsi in una nuova forma (Siegel, 2007) .

La meditazione attiva anche la regione del cervello associata a risposte più adattive a situazioni stressanti o negative (Cahn e Polich, 2006; Davidson e Kabat-Zinn, 2003), l'attivazione di questa regione corrisponde a un recupero più rapido ai valori basali dopo essere stato provocato in modo negativo (Davidson, 2001).

Mindfulness e rendimento accademico

Beauchemin, Hutchins e Patterson (2008) hanno studiato gli atteggiamenti verso se stessi e le prestazioni accademiche attraverso un intervento di meditazione MF di 5 settimane somministrato a 34 adolescenti con diagnosi di difficoltà di apprendimento.

Tutte le misure di esito hanno mostrato un significativo miglioramento dei partecipanti che hanno completato il programma nella sua interezza, mostrando una diminuzione dell'ansia di stato e di tratto, miglioramento delle capacità sociali e miglioramento delle prestazioni accademiche.

L'ipotesi degli autori è che la meditazione riduce l'ansia e le credenze negative su se stessi e, a sua volta, promuove abilità sociali e risultati accademici. León (2008) usando una scala chiamata “Scala di attenzione completa nel campo della scuola” ha trovato una chiara correlazione tra i suoi valori e il rendimento accademico.

Martín, León e Vicente (2007) con un campione di 200 studenti delle scuole elementari dai 10 ai 12 anni hanno scoperto che un intervento nella cura degli interni ha migliorato le prestazioni in un test attitudinale musicale, con i risultati dell'intervento nella cura degli interni superiori agli interventi in attenzione uditiva e visiva.

Sugiura (2004) ha osservato che la formazione in MF negli studenti delle scuole superiori comportava una riduzione dell'ansia, dell'iperattività e un aumento del rendimento scolastico. Chang e Hierbert (1989) hanno riscontrato negli studenti delle scuole elementari un significativo miglioramento delle prestazioni scolastiche dopo un intervento in MF.

Salute mentale e benessere psicologico

Forse questa è la sezione più importante e in cui si dovrebbe porre maggiore enfasi perché è la base e il supporto di tutti gli altri processi che stiamo studiando, non è possibile raggiungere una prestazione accademica soddisfacente, né è possibile sviluppare processi di sviluppo personale, come abilità sociali o creatività se uno stato sano ed equilibrato di salute mentale e benessere psicologico non è disponibile prima.

Mindfulness, ansia e depressione

È stato riscontrato che l' ansia è la psicopatologia più diffusa nell'infanzia e nell'adolescenza (Kashani e Orvaschel, 1990; Semple and Lee, 2008; Silverman, Pina e Viswesvaran, 2008). L'ansia influisce negativamente su un'ampia gamma di comportamenti e questa influenza negativa aumenta con l'età, interessando le aree inter e intrapersonali (Kashani e Orvaschel, 1990).

La scarsa attenzione è un sintomo centrale dell'ansia; pertanto, strategie, come le pratiche basate sulla consapevolezza che lavorano per migliorare l'attenzione dell'attenzione degli studenti, possono ridurre l'ansia nei bambini (Semple e Lee, 2008). Biegel, Brown, Shapiro e Schubert (2009) hanno studiato l'efficacia di un programma MBSR con pazienti adolescenti, i partecipanti hanno riportato una riduzione della sintomatologia correlata a ansia, depressione e disagio somatico oltre a un aumento dell'autostima e un miglioramento nel sogno

Allo stato attuale, la probabilità di sviluppare depressione durante l'adolescenza è in aumento e l'età di insorgenza sta diminuendo (Parker e Roy, 2001). Sono stati condotti una serie di studi a supporto dell'uso della MF nel trattamento dell'ansia e della depressione . Semple, Lee, Rosa e Miller (2010) hanno riscontrato una significativa riduzione dell'ansia nei partecipanti che presentavano livelli clinici di ansia nel pre-test. Lee, Semple, Rosa e Miller (2008) riportano che l'MCCC è un intervento fattibile e accettabile che dimostra un grande potenziale nel trattamento dell'internalizzazione e dell'esternalizzazione dei sintomi. Alla fine hanno trovato alcune prove che suggeriscono che le pratiche basate su MF sono accettabili e potenzialmente utili per i bambini ansiosi.

Mindfulness e regolamento emotivo

Schonert-Reichl e Lawlor (2010) hanno studiato un programma basato sulla consapevolezza, preparato dai professori, che ha coinvolto 10 lezioni teoriche e la pratica delle tecniche MF tre volte al giorno. Complessivamente, c'è stato un aumento significativo dei punteggi sulle misure di ottimismo e di emozioni positive riferite da sé. I rapporti della facoltà hanno mostrato un miglioramento della competenza sociale ed emotiva dei bambini nel gruppo di intervento e una diminuzione dell'aggressività e del comportamento dirompente.

Wall (2005), in un piccolo studio, ha progettato un programma per insegnare MF e Tai Chi in una scuola per bambini dagli 11 ai 13 anni negli Stati Uniti, e i risultati ottenuti sono riassunti in benefici percepiti in modo da maggiore benessere, calma, rilassamento, miglioramento della qualità del sonno, minore reattività, maggiore cura di sé, consapevolezza di sé e senso di connessione con la natura. I programmi basati su MF possono essere uno strumento molto utile per aumentare la capacità di modulazione emotiva e ridurre lo stress negli studenti soggetti a elevate esigenze accademiche.

Disturbo dell'iperattività da deficit di attenzione e attenzione (ADHD)

Zylowska et al (2008) hanno studiato gli effetti dell'allenamento sulla meditazione della consapevolezza sui sintomi dell'ADHD negli adolescenti. I partecipanti hanno riportato una diminuzione dei sintomi dell'ADHD e un'alta soddisfazione per l'allenamento (Zylowska et al., 2008).

I partecipanti a uno studio di Bögels, Hoogstad, van Dun, de Schutter e Restifo (2008), usando un programma MF come intervento con i giovani che presentavano diversi disturbi comportamentali esternalizzati, hanno riportato risultati simili. Uno degli svantaggi dell'intervento realizzato con gli adolescenti che volevano partecipare era che interferiva con le loro attività al di fuori della scuola, suggerendo che l'esecuzione all'interno del curriculum scolastico potrebbe aumentare la loro accettabilità e fattibilità (Zylowska et al., 2008) .

Sviluppo personale

Fino a qualche anno fa, la pedagogia mirava ad acquisire competenze come ragionamento logico, analisi quantitativa e gestione della tecnologia, tuttavia ora, nell'interesse della creazione di cittadini più competenti e impegnati nella società, è imminente espandere le capacità del educatore verso le aree che possono essere riunite sotto il concetto di sviluppo personale (Gardner, 1983; Goleman, 1995).

Mindfulness e creatività

Secondo Ostafin e Kassman (2012), l'insight2 nella risoluzione dei problemi è ostacolato da processi automatizzati verbali-concettuali, poiché l'addestramento alla consapevolezza mira alla consapevolezza, il che implica una ridotta influenza dei soliti processi verbali / concettuali su Interpretazione dell'esperienza in corso, MF può facilitare la comprensione dei problemi . Questa ipotesi è stata esaminata attraverso due studi.

I partecipanti ad entrambi gli studi hanno completato una certa attenzione al tratto e una serie di problemi di insight e non-insight. Inoltre, i partecipanti allo studio 2 hanno completato misure di impatto positivo e formazione in MF o controllo.

I risultati hanno indicato che:

  • Il tratto MF predice meglio la risoluzione dei problemi con insight, ma non con insight (in entrambi gli studi)
  • Questa relazione viene mantenuta quando si controlla l'effetto positivo (studio 2),
  • L'addestramento MF migliora la risoluzione dei problemi attraverso l'insight, ma non la risoluzione convenzionale (non insight) (studio 2)
  • Questo miglioramento è parzialmente mediato dallo stato di consapevolezza. Questi risultati sono i primi a mostrare una relazione diretta tra MF e creatività.

Mindfulness e abilità sociali

La piena armonia con le emozioni e i propri pensieri crea anche armonia con gli altri, una maggiore capacità di empatia e altruismo (Kabat-Zinn, 2003; Siegel, 2007).

La MF non solo incoraggia la pratica ad aumentare gli stati positivi interpersonali, ma attraverso il suo approccio offre una diversa prospettiva di risoluzione dei conflitti, poiché dal lavoro svolto nei corsi di formazione MF aumenta la sensazione di vicinanza e appartenenza (Baumeister e Leary, 1995; Ryan e Deci, 2000).

In uno studio condotto da Tloczynski e Tantriella (1998) su un campione di 75 studenti che hanno espresso ansia e sintomi di depressione, è stato osservato che l'allenamento di rilassamento e la MF abbassavano i sintomi di ansia e depressione, ma solo L'addestramento MF ha ottenuto un punteggio significativo sulle qualità della relazione interpersonale.

Carson, Carson, Gil e Baucam (2004) mostrano come anche i programmi basati su MF mostrino risultati positivi in ​​questo senso, inoltre, recenti ricerche hanno dimostrato che il tratto MF prevede la sensazione di affinità e vicinanza interpersonale (Barnes, Brown, Krusemark, Campbell e Rogge, 2007), oltre a maggiori risposte di adattamento allo stress sociale (Barnes et al., 2007; Creswell, Eisenberger e Lieberman, 2007).

Poiché la pratica della meditazione ha dimostrato di aumentare il tratto MF (Cohen-Katz, Wiley, Capuano, Baker e Shapiro, 2005; Shapiro e Brown, 2007), i risultati di cui sopra supportano l'affermazione che la meditazione può Aiuta a migliorare le relazioni interpersonali.

Mindfulness ed Empatia

Diversi studi suggeriscono che la MF promuove l'empatia. In uno studio, ad esempio, con studenti di medicina e medici che hanno partecipato a un programma MBSR di otto settimane, è stato scoperto che il gruppo che ha ricevuto la formazione MBSR ha riportato un livello di empatia significativamente più elevato rispetto a un gruppo di controllo (Shapiro et al., 1998).

In uno studio qualitativo di terapisti, meditatori esperti, si è scoperto che credevano che la meditazione li aiutasse a sviluppare empatia per i clienti (Aiken, 2006). Gli studenti che hanno partecipato a un programma basato su MF hanno mostrato cambiamenti significativi nell'aumento dell'empatia per gli altri rispetto a un gruppo di controllo.

Questo studio ha anche mostrato che l'aumento della consapevolezza è correlato all'aumento dell'empatia (Shapiro e Brown, 2007). I potenziali benefici dell'integrazione della formazione basata sulla consapevolezza nei contesti scolastici sono significativi per quanto riguarda gli effetti sui domini cognitivo, emotivo, interpersonale e spirituale. La ricerca qui rivista suggerisce che le pratiche basate sulla consapevolezza possono avere un impatto positivo sul rendimento scolastico, sul benessere psicologico, sull'autostima e sulle abilità sociali nei bambini e negli adolescenti.

Mentre esiste un corpus crescente di ricerche a supporto di queste conclusioni, esiste un immenso campo di ricerche future ben progettate per guidare gli educatori nell'integrazione delle pratiche di MF nell'istruzione.

Riepilogo dei benefici della consapevolezza sugli studenti

Secondo la Groenlandia (2010), portare la pratica della MF / la piena attenzione in classe dove bambini, adolescenti, insegnanti e familiari potrebbero rivoluzionare il mondo come lo conosciamo. Esistono molti sistemi educativi che ci insegnano cose che ci accompagnano fino al resto dei nostri giorni, ma è difficile applicare tali conoscenze e abilità in situazioni complicate e di crisi a meno che:

  • Assistiamo chiaramente alle esperienze interne ed esterne
  • Facci sapere come tollerare il disagio emotivo generato osservando il cuore della nostra crisi
  • Possiamo rispondere con compassione e gentilezza a noi stessi e agli altri

Quando i bambini o gli adulti sviluppano queste tre capacità, attraverso la pratica di MF / Full Attention, equilibrio emotivo e compassione, possono cambiare se stessi e migliorare il mondo trasformandolo in uno spazio collaborativo, inclusivo, pacifico e amorevole. (Groenlandia, 2010).

Chiavi per l'implementazione di un programma MF per gli studenti

Per concludere questa sezione, è allegata una tabella riassuntiva (per informazioni) delle principali chiavi che dovrebbero essere prese in considerazione prima di implementare un programma MF in un centro educativo. Sebbene superi gli scopi di questo studio, riteniamo che possa servire da orientamento per chiunque voglia approfondire questo entusiasmante campo di ricerca.

conclusioni

Gli interventi basati su MF per i bambini non sono difficili da realizzare, si adattano a una vasta gamma di contesti e sono divertenti, apprezzati da studenti e insegnanti e non hanno "effetti collaterali". Sono relativamente economici da introdurre, hanno un impatto abbastanza rapido, possono adattarsi in una vasta gamma di contesti e sono piacevoli e civili per studenti e insegnanti. Gli interventi basati su MF possono essere un metodo praticabile ed efficace per costruire la resilienza tra bambini e giovani e nel trattamento delle malattie nelle popolazioni cliniche.

Ma questo entusiasmo per la promozione di tali pratiche, tuttavia, deve essere trattato con cautela alla luce delle prove ancora scarse attuali che le supportano.

Estas intervenciones contemplativas representan una oportunidad para cultivar hábitos positivos de la mente y el cuerpo y promover la salud y el bienestar de los niños y jóvenes en nuestras escuelas, pero es necesaria mucha más investigación para identificar las prácticas adecuadas y cuál es su eficacia específica. Las investigaciones previas, como hemos visto en apartados anteriores, sugieren que la meditación se asocia con resultados beneficiosos para los niños y jóvenes.

Las intervenciones de MF pueden mejorar la salud física, social, emocional y mental y el bienestar de los jóvenes que participan en ellas y se ha demostrado que ayudan a reducir el estrés, la ansiedad, la reactividad y la mala conducta, mejoran el sueño y la autoestima y logran una mayor tranquilidad, relajación, capacidad de manejar las emociones, conciencia y empatía, pero la calidad generalmente limitada de las investigaciones ha atemperado las conclusiones que pueden extraerse. Son necesarios estudios experimentales bien diseñados que nos vayan aportando más información fidedigna sobre los beneficios y procesos concretos que operan en este campo tan prometedor de MF.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Si deseas leer más artículos parecidos a Mindfulness y sus beneficios en el ámbito educativo, te recomendamos que entres en nuestra categoría de Psicología cognitiva.

Raccomandato

Erich Fromm: biografia, teoria e libri
2019
15 caratteristiche di personalità
2019
Sindrome di Tourette negli adulti: cause, sintomi e trattamento
2019