Noam Chomsky e la teoria del linguaggio

Noam Chomsky è un noto linguista americano famoso per le sue ricerche psicologiche sul linguaggio e uno dei grandi pensatori dell'età moderna. Dall'inizio della sua carriera, Chomsky si è rivelato un personaggio piuttosto controverso a causa delle sue inclinazioni politiche e della sua carriera come attivista di campagna socialista riconosciuto.

Tra molti articoli e libri pubblicati, Chomsky è noto nel mondo della psicologia per la sua famosa teoria dell'acquisizione del linguaggio. In questa teoria linguistica, afferma che siamo nati con un'innata capacità di parlare e che il nostro processo di acquisto si basa sull'apprendimento delle strutture linguistiche e grammaticali. Vuoi saperne di più su Noam Chomsky e la teoria del linguaggio ? Quindi ti consigliamo di continuare a leggere questo articolo.

Chi è Chomsky: biografia e ideologia

Avraham Noam Chomsky è nato nel 1928 a Filadelfia, negli Stati Uniti. Figlio di immigrati ucraini, Noam ha deciso di indirizzare la sua vita e la sua carriera allo studio della linguistica. Ha studiato filosofia, linguistica e matematica all'Università della Pennsilvania e, anni dopo, è stato nominato professore emerito al Massachusetts Institute of Technology (MIT).

Nel 1949, Noam sposò Carol Schatz, meglio conosciuta come Carol Chomsky, una nota linguista che sviluppò i suoi studi sull'acquisizione della lingua parallelamente a quelli di suo marito. Nel 1957, Noam Chomsky pubblicò il primo libro che rivoluzionò il modo in cui la comunità scientifica interpretava il linguaggio: le strutture sintattiche . Da quel momento, realizza pubblicazioni, studi e libri relativi allo stesso tema.

D'altra parte, Noam Chomsky ha anche una forte reputazione come attivista e critico del sistema capitalista, la sua ideologia è stata spesso criticata per simpatizzare con le idee del socialismo. Si è posizionato contro la guerra del Vietnam e, da allora, ha continuato a pubblicare opere politiche con aspre critiche al sistema attuale.

La teoria dello sviluppo del linguaggio di Noam Chomsky

La teoria di Chomsky è anche conosciuta come biolinguistica. In esso si afferma l'esistenza di alcune strutture nella nostra mente che permettono sia la produzione della lingua sia il fatto di comprendere un messaggio di qualunque lingua sia.

Come viene acquisita la lingua secondo Chomsky?

Nella sua prima pubblicazione: Syntactic Structures (1957) [1], Noam Chomsky propone una teoria rivoluzionaria. In esso, il famoso linguista afferma che esiste un elemento chiamato Language Acquisition Device o LAD ( dispositivo di acquisizione del linguaggio ) nella mente dell'essere umano che facilita, in modo innato, la conoscenza delle strutture di base della lingua madre.

Pertanto, la relativa somiglianza nell'apprendimento delle lingue tra culture diverse e la facilità di apprendimento della lingua madre durante l'infanzia, sono dovute alla capacità innata di comprendere strutture linguistiche comuni come SVO (Soggetto - Verbo - Oggetto).

Teoria linguistica di Chomsky

Pertanto, la teoria del linguaggio di Chomsky considera che un bambino non impara il linguaggio per esposizione e imitazione, ma impara a mettere in relazione la sua innata conoscenza delle strutture sintattiche del linguaggio, con l'insieme limitato di parole (noto anche come lessico) che contiene. La tua lingua madre Questa teoria, che segna l'inizio di una nuova concezione della linguistica, è stata rivista e modificata dallo stesso Chomsky fino a quando non raggiunge la teoria della grammatica universale (UG)

La teoria della grammatica universale

Secondo il linguista Noam Chomsky, esiste un insieme limitato di regole e caratteristiche comuni nella costruzione di tutte le lingue, noto come grammatica universale, innato agli esseri umani. In questo modo esiste "una certa struttura mentale formata da un sistema di regole e principi che genera e mette in relazione rappresentazioni mentali di vario tipo " [2]

Pertanto, l'acquisizione delle regole di base del linguaggio è inconscia e la grammatica universale stabilisce lo stato iniziale di un bambino nel suo processo di apprendimento psicologico. Quando il bambino riceve informazioni sulle parole contenute nella madrelingua, costruisce un lessico specifico al quale si applica l'insieme di caratteristiche della grammatica universale. Pertanto, dalla nascita, la grammatica universale consente a un bambino di sapere inconsciamente che ci sono parole che si comportano come verbi, altre come sostantivi e che esiste un numero limitato di possibilità per ordinare a queste categorie di formare una frase.

Modifiche della teoria: un approccio più aperto

Pochi anni dopo, Noam Chomsky disse che poteva essere offerto un approccio naturalistico alla sua teoria. Grazie a questo approccio è evidente che l'obiettivo della teoria innatista non è ridurre l'acquisizione a un fatto meramente biologico, ma unire i principi del pensiero cognitivo con lo studio anatomico e fisiologico. In linea generale, l'approccio naturalistico mira a scoprire fino a che punto l'essenza del linguaggio e la sua acquisizione dipendono da operazioni mentali innate.

Teoria linguistica di Chomsky: lingua e pensiero

In breve, secondo la teoria innatista di Chomsky, il linguaggio è una caratteristica che tutti gli esseri umani hanno ancora prima della nascita. Questa teoria è completamente contraria al comportamentismo di Skinner poiché la teoria comportamentale afferma che il linguaggio viene acquisito attraverso l'apprendimento e la ripetizione.

Secondo la teoria linguistica di Chomsky, l'acquisizione del linguaggio si basa su principi come i seguenti:

  • Solo la specie umana può imparare a comunicare attraverso l'apprendimento delle lingue
  • Imitare e ripetere non sono elementi che interferiscono con l'acquisizione del linguaggio
  • Quando un bambino inizia a emettere suoni, non lo fa ripetendo o imparando, ma attivando il suo dispositivo di acquisizione
  • Lo sviluppo del linguaggio è una proprietà che agisce indipendentemente dall'intelligenza

Critici della teoria di Chomsky: linguaggio e pensiero

  • Non spiega come viene prodotto o come viene percepito il linguaggio in un ambiente reale e quotidiano. I suoi studi si concentrano su scenari controllati e irreali.
  • Molti esperti sostengono che si tratta di una teoria semplice e riduzionista e che non tiene conto di fattori importanti come l'apprendimento e l'ambiente sociale.
  • Le prove empiriche che supportano questa teoria non sono sufficienti, le idee di Noam Chomsky e la sua teoria dell'acquisizione del linguaggio sono piuttosto astratte nel tono e, sebbene provino a spiegare processi così importanti come l'acquisizione del linguaggio, hanno bisogno di più studi per dimostrare la loro validità .

Noam Chomsky: libri

Possiamo differenziare due linee editoriali chiaramente distinte: i suoi saggi politici e i suoi studi sulla linguistica. Successivamente, metteremo in evidenza le sue opere più emblematiche, classificate per tema e seguendo un ordine cronologico.

Libri sulla teoria del linguaggio di Chomsky

  • 1955: struttura logica della teoria linguistica (non pubblicata fino al 1975).
  • 1957: strutture sintattiche .
  • 1965: Aspetti della teoria della sintassi .
  • 1965: linguistica cartesiana .
  • 1968: Linguaggio e mente .
  • 1968: Sound Pattern of English (con Morris Halle).
  • 1970: problemi attuali nella teoria linguistica.
  • 1972: studi in semantica in grammatica generativa .
  • 1975: riflessioni sul linguaggio .
  • 1977: Saggi di forma e interpretazione .
  • 1980: Regole e rappresentazioni .
  • 1981: lezioni su governo e rilegatura: lezioni di Pisa.
  • 1984: Approcci modulari allo studio della mente.
  • 1986: barriere .
  • 1986: Conoscenza della lingua: natura, origine e uso . (Conoscenza della lingua, della sua natura, origine e uso).
  • 1995: il programma minimalista .

Noam Chomsky: libri e saggi politici

  • 1996: Rollback ( Come viene distribuita la torta. Politiche USA alla fine del millennio )
  • 1997: The Global Village
  • 1997: Class Warfare .
  • 1997: Ordini mondiali, vecchi e nuovi .
  • 2002: Propaganda e la mente pubblica
  • 1983-1999: Triangolo fatidico: Stati Uniti, Israele e Palestinesi
  • 2003: lotta di classe
  • 2006: Natura umana: giustizia contro potere, dibattito con Michel Foucault
  • 2007: Stati falliti: l'abuso di potere e l'assalto alla democrazia . (Stati falliti. L'abuso di potere e l'attacco alla democrazia).
  • 2008: interventi
  • 2013: On Anarchism (Ragioni per l'anarchia)
  • 2016: Chi governa il mondo (Chi domina il mondo?)
  • 2017: Requiem for the American Dream (Requiem for the American Dream)

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Noam Chomsky e alla teoria del linguaggio, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di psicologia cognitiva.

riferimenti
  1. Chomsky, N. (1980). Regole e rappresentazioni. Oxford: Blackwell.
  2. White, L., & White, L. (2003). Acquisizione della seconda lingua e grammatica universale. Cambridge University Press.

Raccomandato

Capogiri dovuti all'ansia: come evitarli e trattamenti
2019
Winstrol: a cosa serve, risultati ed effetti collaterali
2019
Edema cerebrale: cause, sintomi e trattamento
2019