Punta a martello: cause e trattamento

L' hammertoe è una deformità che si verifica in una delle dita dei piedi (la seconda, la terza o la quarta punta), in cui la punta o la sua estremità sono flesse e piegate verso il basso, quindi ha un aspetto simile a quello di un martello. Nelle fasi iniziali, il dito interessato è ancora flessibile e la deformità può essere corretta seguendo una serie di semplici linee guida, tuttavia, se il trattamento appropriato non viene ricevuto in anticipo, la lesione e i sintomi saranno aggravati e potrebbero persino peggiorare. una rigidità totale dell'articolazione e l'impossibilità di raddrizzare il dito; Quando ciò accade, sarà necessario un intervento chirurgico.

In questo articolo di ONsalus, approfondiamo questa condizione e mostriamo quali sono le cause e il trattamento della punta del martello.

Cause e fattori di rischio della punta del martello

Nella maggior parte dei casi, la punta del martello colpisce inizialmente la seconda punta, sebbene possa anche estendersi o influenzare le altre dita, ad eccezione del primo dito che è l'unico che non subisce tale deformazione perché invece di tre falangi, ne ha solo due. Questa deformità è causata dall'esistenza di uno squilibrio tra il muscolo e il tendine della punta, che finisce per causare quella flessione della punta e altri cambiamenti strutturali nel piede che possono apparire nel tempo.

Successivamente, descriviamo in dettaglio quali sono le cause più comuni di questa condizione, nonché i fattori di rischio che aumentano le possibilità di soffrirne:

  • Calzature inadatte: indossare regolarmente scarpe strette sulla punta, troppo strette o che non si adattano bene al piede, è uno dei principali fattori che possono portare a questa deformità. Se la punta non può occupare lo spazio corrispondente ad essa all'interno della scarpa ed è costretta ad essere in una posizione flessa, i suoi muscoli e tendini finiscono per tendere, diventano più corti e non possono essere allungati correttamente. Questo è molto comune nelle donne che indossano scarpe molto strette o tacchi alti.
  • Infortuni o lesioni precedenti: questa deformità può essere causata da un precedente infortunio o frattura delle dita dei piedi.
  • Fattori genetici: coloro che sono nati con ossa più lunghe nelle dita dei piedi hanno maggiori probabilità di sviluppare la punta del martello. Allo stesso modo, in altri casi può essere che questo squilibrio tra il muscolo e il tendine sia ereditario.
  • Altre condizioni podiatriche, come i borsiti: i borsiti sono sporgenze ossee che appaiono alla base esterna dell'alluce e sono causate da una deviazione dal primo metatarso, che fa inclinare il primo dito verso il secondo. Quando questa deviazione non viene trattata come richiesto e progredisce nel tempo, è possibile che eserciti una pressione eccessiva sulle altre dita e derivi in ​​punta di martello.

Sintomi associati alla punta del martello

Una persona che soffre di punta a martello presenta la parte finale della punta flessa, poiché l'articolazione del centro della punta è piegata e, sebbene inizialmente, possa manifestarsi leggermente, se non trattata, la deformità andrà progredendo progressivamente e può raggiungere il punto in cui non è possibile allungare e raddrizzare il dito interessato. I sintomi comuni che si manifestano comprendono:

  • Dolore e irritazione nella punta interessata, che si intensifica quando si indossano le calzature.
  • Formazione di callo nella parte superiore del dito e calli tra le dita o sulla parte laterale del piede.
  • Infiammazione, arrossamento e sensazione di calore o bruciore al dito.
  • Contrattura in punta di piedi.
  • Solo in quei casi molto gravi, possono verificarsi anche ulcerazioni aperte.

Trattamento con punta a martello

Quando il dito interessato può ancora allungarsi e tornare alla sua posizione normale, il medico può raccomandare le seguenti forme di trattamento tenendo conto dello stato della deformazione e dei sintomi che si verificano:

  • Cambia calzature: è essenziale indossare scarpe larghe nella parte anteriore, che consentano la mobilità totale delle dita e offrano comfort. Evita tutti quei modelli che sono stretti in punta, piccoli, corti o con i tacchi alti.
  • Stecche o bende: il dito del martello è storto o bendato per correggere la deformità, allineare il dito flesso ed evitare l'assoluta rigidità dell'articolazione.
  • Dispositivi ortopedici: un dispositivo ortopedico o una soletta speciale sono perfettamente adattati alla scarpa per alleviare la pressione sulla punta del martello.
  • Applicazione a freddo: posizionare un po 'di ghiaccio avvolto in uno straccio o una borsa congelata sull'area dolorosa può aiutare a ridurre l'infiammazione e alleviare il dolore.
  • Utilizzo degli elettrodi: si consiglia l'uso degli elettrodi per proteggere i calli presenti da possibili irritazioni ed evitare di provocare disagio con lo sfregamento delle calzature.

Oltre a quanto sopra, se necessario è possibile prescrivere l'assunzione di farmaci antinfiammatori, come l'ibuprofene, per ridurre il gonfiore e il disagio. Inoltre, in alcune occasioni possono anche essere consigliate iniezioni di corticosteroidi per combattere il dolore e sgonfiare il dito.

Per correggere la lesione, può anche essere utile eseguire alcuni esercizi specifici che consentono di allungare e rafforzare i muscoli delle dita dei piedi. Tra le migliori opzioni, puoi provare ad allungare delicatamente le dita ripetutamente, raccogliere un oggetto dal pavimento con le dita della pelle, come un asciugamano, e spostare delicatamente e allungare il dito interessato con le mani.

In quali casi è necessario un intervento chirurgico?

In quei casi in cui la deformazione è notevolmente progredita e la punta in questione ha perso completamente la sua flessibilità, è diventata molto rigida e dolorosa, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per raddrizzare l'articolazione e contribuire al benessere del paziente.

Lo specialista raccomanderà la procedura chirurgica più appropriata in ogni caso, poiché ciò può includere la rimozione della parte dell'osso che ha causato la deformazione, la fusione dell'articolazione per raddrizzare il dito o il taglio o il trapianto dei tendini delle ossa. dita dei piedi. Il caso di ciascun paziente sarà valutato attentamente e il traumatologo deciderà tra l'uno e l'altro a seconda della gravità della lesione e dello stato di salute della persona colpita.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Punta del martello: cause e trattamento, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di ossa, articolazioni e muscoli.

Raccomandato

I migliori neurologi per bambini a Madrid
2019
Cura i bambini con sindrome di Down
2019
5 ricette per combattere l'anemia
2019