Quando andare dal neurologo

La neurologia è la branca della medicina responsabile dello studio, della diagnosi, del controllo e del trattamento di tutte quelle condizioni che si verificano nel sistema nervoso centrale e periferico o che possono influenzarle. Le malattie vascolari del cervello sono la ragione più comune per visitare un neurologo, tuttavia, ci sono molte condizioni alle quali uno specialista in neurologia può accontentarsi e possono essere semplici come un mal di testa o complesse come un tumore al cervello.

Attualmente, 1 persona su 6 è considerata affetta da un disturbo neurologico, che rappresenta circa il 15% della popolazione. La maggior parte delle persone che si rivolgono al neurologo vengono indirizzate dal medico curante, poiché non è frequente rivolgersi a questo specialista come può essere dal cardiologo o dal traumatologo. In ogni caso, se vuoi sapere quando andare dal neurologo, in questo articolo di ONsalus ti offriamo una guida di tutte le malattie che questo specialista frequenta.

Quando andare dal neurologo

Il sistema nervoso centrale, il periferico e l'autonomo sono responsabili di importanti processi nel corpo come il controllo di tutte le funzioni del corpo, per questo motivo è importante rivolgersi al neurologo nel momento in cui viene identificata una complicazione neurologica, poiché questi Le patologie possono essere trattate e controllate quando la diagnosi viene esercitata in tempo. Al contrario, quando vai dal neurologo in ritardo potrebbe anche essere troppo tardi per risolvere problemi che possono compromettere la salute e persino la capacità motoria del corpo. Le malattie o le condizioni trattate dal neurologo sono vitali per il corretto funzionamento del corpo, riconoscerle e identificare quando andare dal neurologo:

mal di testa

Quando il mal di testa è costante, ripetitivo, non si calma con antidolorifici e compromette la qualità della vita della persona, è necessario andare da un neurologo. Questo specialista è responsabile del trattamento di tutti i mal di testa, dalle emicranie alle emicranie e, soprattutto, per trovare una causa che giustifichi l'esistenza di questo sintomo.

nevralgia

La nevralgia è un disturbo sensoriale, un dolore che appare come una risposta o un sintomo di una lesione che si è verificata in un nervo o in diversi nervi. È necessario andare da un neurologo per determinare qual è la radice di tale disagio e diagnosticare se c'è compressione, distorsione o irritazione del nervo e cosa lo causa, poiché la maggior parte della nevralgia è secondaria, cioè appare come conseguenza di altre patologie .

Malattie cerebrovascolari

Trombosi, aneurismi, emorragie ed embolie possono comparire o verificarsi nel cervello e compromettere considerevolmente la salute e il funzionamento del corpo di una persona. I neurologi sono addestrati per identificare queste patologie nel tempo, prevenirle, trattarle e, in molti casi, operare per ridurre il rischio di ictus (ACV), una lesione che viene anche trattata da un neurologo.

epilessia

È un disturbo cerebrale che causa episodi o crisi in cui una persona sperimenta un'attività anormale o incontrollata dei neuroni che influenza l'attenzione e il comportamento. L'epilessia è trattata e controllata da un neurologo.

convulsioni

Il neurologo è lo specialista responsabile dell'identificazione della causa delle convulsioni, che possono verificarsi a causa di una crisi di epilessia, medicinali, febbre alta, lesioni cerebrali e altre malattie. Le convulsioni si verificano a causa di un'attività elettrica anormale nel cervello.

Alzheimer

È una forma di demenza che colpisce la memoria e il comportamento ed è trattata da un neurologo. Questa malattia è molto degenerativa e il trattamento neurologico è essenziale per prevenire il progredire della malattia e la demenza è incontrollabile.

Morbo di Parkinson

Un altro disturbo neurologico che influenza il movimento e si verifica perché i neuroni non producono abbastanza dell'ormone dopamina. Il neurologo ha la responsabilità di migliorare la qualità della vita della persona con malattia di Parkinson e alleviare i sintomi e i tremori involontari che questa patologia produce.

Sclerosi multipla

È una condizione autoimmune che colpisce l'intero sistema nervoso centrale a causa di danni allo strato protettivo che copre i neuroni, che provoca l'arresto o la riduzione degli impulsi nervosi. Questa condizione dovrebbe essere trattata da un neurologo e il lavoro dello specialista sarà quello di ridurre il più possibile la gamma di sintomi della sclerosi multipla, poiché questa condizione è degenerativa e non ha cura.

Problemi di colonna

Le malattie della colonna vertebrale, contrariamente a quanto si pensa, dovrebbero essere trattate da un neurologo, poiché la colonna vertebrale contiene un gran numero di nervi ed è responsabile del motore delle estremità del corpo. Dal disagio cervicale alla lombalgia vengono trattati da un neurologo al punto che ci sono specialisti in neurologia che si dedicano solo al trattamento delle condizioni della colonna vertebrale.

Disturbi del sonno

Insonnia, sonnambulismo, narcolessia o qualsiasi altro disturbo che influenza direttamente il sonno sono curati da un neurologo, che fornirà il trattamento appropriato per aumentare la capacità di addormentarsi.

Disturbi del movimento

Si consiglia di andare dal neurologo quando ci sono sintomi correlati al movimento come tremori, movimenti involontari, tic e spasmi, debolezza muscolare, paralisi, formicolio e riduzione della sensibilità.

Disturbi della deambulazione

Camminare in modo disorientato, non tenere il passo, non coordinare i piedi, vertigini, instabilità e vertigini sono sintomi che dovrebbero essere controllati da un neurologo in quanto possono causare una lesione nel sistema nervoso centrale.

Disturbi dell'apprendimento

Quando i bambini hanno difficoltà a parlare, hanno problemi di memoria o non riescono a concentrarsi o a partecipare, è consigliabile rivolgersi a un neurologo infantile.

Come è la prima consultazione con un neurologo

Nella prima consultazione con un neurologo lo specialista condurrà un questionario per sapere quali sono i sintomi che colpiscono la persona, chiedendo anche informazioni su malattie precedenti, interventi chirurgici eseguiti, patologie esistenti in famiglia e una storia di malattie neurologiche. In questo momento sarà meglio dettagliare al neurologo i sintomi che si verificano in modo da poter avere una diagnosi sospetta prima di eseguire l'esame fisico.

Una volta terminata la consultazione dei sintomi, lo specialista procederà a un esame fisico per verificare il funzionamento neurologico del corpo, quindi chiederà alla persona di fare movimenti con la lingua, gli occhi, le braccia, le gambe, le ginocchia e studierà anche gli impulsi e riflessioni. È comune per i neurologi controllare la respirazione, i battiti e la pressione sanguigna.

Dopo aver eseguito l'esame fisico, il medico avrà già alcuni sospetti più specifici, ma richiederà sicuramente esami o studi avanzati che gli consentano di confermare la diagnosi, quindi è abbastanza comune per questi specialisti richiedere scansioni TC con o senza contrasto cerebrale, della colonna vertebrale o cervicale o chiedere una risonanza magnetica. Quando la causa della consultazione è dovuta a convulsioni, epilessia, perdita di memoria, tra gli altri sintomi, il neurologo può richiedere un elettroencefalogramma per misurare l'attività elettrica del cervello.

In una seconda consultazione con il neurologo, i risultati degli esami devono essere consegnati per ottenere una diagnosi e lo specialista invierà un trattamento per controllare i sintomi e la malattia o la condizione identificata.

Quante volte devi andare dal neurologo

A seconda della diagnosi, sarà determinato quando andare nuovamente dal neurologo, poiché ci sono condizioni come l'emicrania che non richiedono un controllo costante, tuttavia, lo specialista dovrebbe essere visitato in caso di forti crisi di emicrania. in cui la visione o la mobilità delle mani sono compromesse.

Tuttavia, una volta che a una persona viene diagnosticata una malattia neurologica, molto probabilmente visiteranno il neurologo almeno una volta all'anno per verificare che la malattia sia controllata, che il trattamento continui ad avere effetto o che ci sia un farmaco più avanzato e migliore. risultato. Sarà inoltre necessario continuare a visitare il neurologo nel caso in cui i sintomi peggiorino o si manifestino nuovi segni di malattia neurologica.

Le persone con malattie come l'Alzheimer, il Parkinson, la sclerosi multipla, l'epilessia, gli aneurismi o che hanno sofferto di una malattia cerebrovascolare devono essere costantemente controllate con il neurologo, visitandolo almeno una volta all'anno per monitorare le sue condizioni.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Quando andare dal neurologo, ti consigliamo di accedere alla nostra categoria Benessere.

Raccomandato

Cibo per concentrazione e memoria
2019
Litiasi biliare: sintomi, trattamento e cause
2019
Cellule epiteliali ad alta urina: cosa significa?
2019