Quando ovuli dopo un aborto

Un aborto è definito come l'evento in cui la gravidanza viene interrotta quando il feto non è ancora sufficientemente sviluppato e non ha la capacità di vivere da solo fuori dall'utero, cioè si verifica prima di 20 settimane. Questa interruzione della gravidanza è classificata come spontanea e indotta e può essere dovuta a vari motivi e sono necessari studi per determinare la causa quando si verifica involontariamente.

Sia che tu voglia evitare una nuova gravidanza o abbia il desiderio di essere una madre dopo non aver raggiunto il normale termine di quella precedente, è importante considerare quando ovuli dopo un aborto e nel seguente articolo di ONsalus ti forniamo le informazioni per cancellare Questa e altre domande relative all'argomento.

Fertilità dopo un aborto

In generale, un aborto che non presenta complicazioni non diventa un problema nella fertilità delle donne; Tuttavia, a seconda del tipo di aborto e in quale settimana si verifica, ciò può comportare alcuni rischi che compromettono la capacità di concepire i bambini. Pertanto, è importante informarsi sempre e avere assistenza medica professionale prima e dopo la gravidanza.

Se si tratta di un aborto spontaneo o involontario, è più frequente che si verifichi prima di 12 settimane di gestazione e le conseguenze fisiche sono generalmente lievi come dolore addominale e sanguinamento, senza che sia comune che ci sia una compromissione della fertilità dovuta a questo evento . Mentre se si soffre di un aborto tra la dodicesima e la ventesima settimana, essendo in uno stato avanzato, in molti casi, è necessario effettuare un curettage, che è un intervento chirurgico in cui vengono raschiate le pareti dell'utero per rimuovere qualsiasi tessuto embrionale che non è stato distaccato e, se non eseguito da un team medico addestrato, potrebbero esserci complicazioni e influire sulla fertilità.

D'altra parte, per l' aborto indotto o l'interruzione volontaria della gravidanza puoi optare per l'aborto chimico, che è quello di prendere le pillole indicate dal medico e che sono efficaci nelle prime 8 settimane, o ricorrere all'aborto chirurgico e, a seconda della settimana in cui si trova la gravidanza, è possibile scegliere la procedura più appropriata, come aspirazione, dilatazione e curettage o dilatazione ed evacuazione.

Attualmente, le procedure chirurgiche per la rimozione dei resti di feto, placenta o tessuto embrionale sono considerate a basso rischio per la capacità riproduttiva e la salute generale delle donne se praticate in un centro medico e con professionisti formati; Tuttavia, ci sono alcuni rischi che dovrebbero essere presi in considerazione e chiarire eventuali dubbi con i medici, tra cui:

  • Sanguinamento vaginale
  • Lacerazione o perforazione nelle pareti dell'utero.
  • Danni alla cervice.
  • Infezione del tratto genitale.
  • Ascesso all'interno dell'addome.
  • Alterazioni negli organi vicini, come la vescica.

Quando ovuli dopo un aborto

Quando lo sviluppo del feto viene interrotto, è normale che sorga il dubbio su quando viene ovulato dopo un aborto e questo dipende da alcuni fattori, in particolare, dal tipo di aborto, in quale settimana si è verificato, quanto tempo impiega il corpo a regolare il livello di alcuni ormoni e la salute generale delle donne.

Durante la gravidanza, il tessuto embrionale stimola il rilascio di ormoni GCH, che aumentano il progesterone e inibiscono il normale decorso del ciclo mestruale, e quando si verifica l'aborto, con l'espulsione del feto e della placenta dal corpo, il livello di questi gli ormoni iniziano a diminuire immediatamente e gradualmente. Quando la concentrazione di progesterone ritorna al livello normale di una donna non incinta, il ciclo mestruale viene ripristinato e con esso l'ovulazione, purché non vi siano complicanze o problemi endocrini nella donna.

In termini generali, l'ovulazione dopo un aborto di solito riprende nelle prime 2-4 settimane dopo l'evento, anche se i casi in cui la donna ovula prima di 2 settimane non sono rari ed è ancora considerato normale iniziare l'ovulazione tra le settimane 5 o 6 dopo l'interruzione della gravidanza. Il tempo per tornare all'ovulato dopo l'aborto è strettamente correlato alla settimana in cui si verifica l'interruzione e se si sono verificate complicazioni.

Nella prima ovulazione dopo l'aborto, il corpo produce un ovulo vitale ed è possibile rimanere di nuovo incinta, essendo falso che per una gravidanza dopo un aborto è necessario che ci sia stato il primo sanguinamento mestruale. Pertanto, è necessario utilizzare immediatamente un metodo contraccettivo in caso di rapporti sessuali e, se si cerca una nuova gravidanza, è probabile che il medico consiglia di attendere 1 o 2 cicli mestruali per il recupero fisico ed emotivo nelle donne causa dell'aborto

Cura dopo un aborto

Sebbene l'aborto, spontaneo o indotto, non presenti grandi rischi se si va in un centro medico professionale, di solito è accompagnato da alcuni sintomi come sanguinamento pesante, vertigini, nausea, dolore addominale e stanchezza, che di solito scompaiono entro pochi giorni. Pertanto, per un rapido recupero e prevenire eventuali complicazioni, il medico può formulare una serie di raccomandazioni da seguire, tra cui:

  • Non fare sesso, compreso il sesso orale, per almeno 15 giorni dopo l'aborto, poiché l'area è esposta alle infezioni.
  • Non introdurre nulla attraverso la vagina, ad esempio tamponi e ovuli o creme vaginali.
  • Non fare sforzi fisici, come carichi pesanti o esercizio fisico pesante.
  • Non utilizzare farmaci che possono aumentare il sanguinamento, inclusa l'aspirina.
  • Non bere alcolici o fumare, almeno nelle prime 2 settimane dopo l'interruzione della gravidanza.
  • Se dopo 6 settimane il ciclo mestruale non riprende, è necessario consultare il ginecologo.

Nel seguente articolo, puoi vedere più attenzione dopo un aborto spontaneo che dovrebbe essere preso in considerazione.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Quando ovuli dopo un aborto, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria del sistema riproduttivo femminile.

Raccomandato

Come affrontare una gravidanza indesiderata
2019
Colecistite cronica: sintomi, cause e trattamento
2019
Bifida uvula: cause e conseguenze
2019