Vertigini: cause, tipi, sintomi e trattamento

Possiamo definire la vertigine come una sensazione di movimento che induce le persone a sentire che l'ambiente circostante gira. È una sensazione simile a quando facciamo diverse curve su noi stessi e, quando ci fermiamo, è difficile per noi alzarci senza vacillare. Questo disturbo provoca squilibrio, nausea, vertigini e svenimenti ed è correlato a un disturbo del sistema vestibolare, che si trova all'interno dell'orecchio interno e la cui funzione è quella di mantenere l'equilibrio. Questa alterazione può essere momentanea, durare per ore o addirittura giorni, a seconda del grado di disturbo.

Tieni presente che chiunque può avere vertigini, ma il loro sviluppo è diverso. Mentre nei bambini è di solito una vertigine spontanea o di breve durata, negli anziani di solito si sviluppa in modo più prolungato, portando a maggiori difficoltà e influenzando la qualità della vita del malato. Occasionalmente, il disturbo è accompagnato da nistagmo, uno spasmo involontario in un occhio o entrambi che possono essere verticali, orizzontali o rotanti.

In ONsalus ti diremo quali sono le cause, i tipi, i sintomi e i trattamenti esistenti di questo disturbo in modo da conoscerlo più da vicino.

Cause associate alla vertigine

Il senso di equilibrio dipende dal corretto funzionamento del sistema vestibolare, che collega l'orecchio interno al tronco cerebrale, accanto a quello visivo. Le vertigini sono una conseguenza di un'errata ricezione dei messaggi cerebrali . La causa di questo disturbo può essere correlata ad alterazioni nell'orecchio, nella connessione dei nervi con il cervello o nel cervello stesso. Successivamente, nomineremo alcune delle cause :

  • Trauma cranico Quando si verifica un trauma, alcune delle aree del cervello associate alla funzione di equilibrio possono essere danneggiate.
  • Infezioni virali o batteriche nell'orecchio. Un'infezione nell'orecchio non trattata correttamente può portare a vertigini, poiché, come abbiamo detto prima, l'orecchio svolge un ruolo fondamentale nell'equilibrio essendo collegato al tronco cerebrale attraverso il sistema vestibolare.
  • Stordimento. Persone sensibili a movimenti improvvisi o improvvisi.
  • Alcuni farmaci come antibiotici aminoglicosidici, diuretici o salicilati.
  • Morbo di Meniere È un disturbo dell'orecchio interno che di solito colpisce solo un orecchio. Di solito provoca vertigini, suoni nell'orecchio e perdita dell'udito, che appare e scompare così come la sensazione di pressione nell'orecchio.
  • Regolazione anormale della pressione sanguigna. Questa causa è comune nelle persone anziane che hanno bisogno di farmaci per malattie cardiache o ipertensione e sono a rischio di svenimento quando sono incorporati a causa della riduzione della pressione sanguigna.
  • Labirintite. Disturbo uditivo che comporta irritazione e infiammazione dell'orecchio interno. Porta a una difficoltà nel focalizzare gli occhi a causa di movimenti oculari involontari.
  • Disturbi neurologici Quelli come la sclerosi multipla, i tumori o l'ictus.

Tipi di vertigini

Il modo più comune per distinguere questo disturbo è prendere in considerazione l'area in cui si verifica la malattia che lo provoca. Detto questo, possiamo distinguere tra:

  • Vertigine periferica . È il più frequente e deriva dalla condizione dell'orecchio interno che controlla l'equilibrio e il nervo vestibolare. Di conseguenza, questo tipo di vertigine ha perdita dell'udito e pressione nelle orecchie.
  • Vertigine centrale È correlato a un problema diretto nel cervello, specialmente nel tronco encefalico o nella parte posteriore del cervello noto come cervelletto. Può essere accompagnato da visione doppia e forte mal di testa.

Sintomi di vertigine

Successivamente spiegheremo i sintomi di questo disturbo per conoscerlo più in profondità. Quando si tratta di vertigini periferiche :

  • Il sintomo principale della vertigine è la sensazione di voltarsi o che l'ambiente ruota attorno a noi, il che può causare vertigini e vomito.
  • Un altro sintomo comune è legato alla vista ed è la difficoltà di focalizzare gli occhi verso un punto specifico.
  • Perdita di equilibrio Stare in piedi può essere un compito difficile quando si soffre di vertigini, quindi è probabile che chiunque soffra abbia bisogno di un supporto aggiuntivo per non cadere.
  • Ronzio nelle orecchie. Quando l'area interessata è la parte interna dell'orecchio, cioè quando si verificano vertigini del tipo di profumiere, è comune riscontrare questo sintomo.
  • Perdita dell'udito Consiste nella perdita dell'udito in una o entrambe le orecchie. Questo sintomo può essere causato da diversi elementi, come l'accumulo di cera nell'orecchio esterno, il danno alle ossa situate appena dietro il timpano, il fluido nell'orecchio dopo un'infezione uditiva o un buco nel timpano, tra gli altri.

Quando la vertigine è centrale, affrontiamo problemi di natura diversa dalla precedente, oltre a quelli menzionati nel punto precedente:

  • Difficoltà a masticare il cibo, portandolo nella parte posteriore della bocca e abbassandolo nell'esofago, responsabile dello spostamento del cibo nello stomaco.
  • Doppia visione.
  • Problemi a spostare gli occhi.
  • Paralisi facciale causata da un danno al nervo facciale, responsabile del trasporto di segnali dal cervello ai muscoli del viso o di danni alla parte del cervello che invia segnali ai muscoli del viso.
  • Cattiva articolazione del linguaggio.
  • Debolezza degli arti.

Come possiamo vedere, mentre i sintomi correlati alla vertigine periferica sono una conseguenza di elementi che non sono direttamente collegati al cervello, i sintomi della vertigine centrale sono una conseguenza di un danno direttamente correlato al cervello, che ne compromette le funzioni.

Trattamenti esistenti relativi alle vertigini

Il trattamento delle vertigini dipenderà dalla causa che ha portato al suo sviluppo. I farmaci vengono utilizzati per ridurre l'attività vestibolare scompensata. Questi non eliminano la causa che provoca vertigini, ma riducono lo squilibrio causato dalla disfunzione vestibolare. Possono essere classificati in due gruppi:

  • Modificatori della trasmissione nervosa nella via vestibolare. Questo gruppo include farmaci con attività antistaminica o anticolinergica o entrambi.
  • Farmaci il cui focus d'azione agisce sulla causa delle vertigini, come vasodilatatori, diuretici per ridurre la pressione del fluido, antibatterici per combattere le infezioni alle orecchie, tra gli altri.

Una di queste opzioni deve essere accompagnata da una dieta a basso contenuto di sale, qualcosa di molto efficace. Quando nessuna delle opzioni sopra è efficace, è necessario un intervento chirurgico :

  • Neuroctomia vestibolare Il nervo dell'equilibrio viene tagliato in modo che il paziente continui a sentire.
  • Labytectomia, che comporta la perdita dell'udito eliminando tutti i recettori dell'equilibrio sensoriale.

D'altra parte, vi è una vertigine parossistica benigna posturale, che è una conseguenza dell'esistenza del calcare in alcuni dei condotti circolari dell'orecchio interno. In questo caso il trattamento consiste nell'estrarre il materiale per eliminare il disagio.

Inoltre, nel seguente articolo parliamo dei migliori rimedi casalinghi per le vertigini.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti medici o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a consultare un medico in caso di presentazione di qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Vertigo: cause, tipi, sintomi e trattamento, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di Orecchio, naso e gola.

Raccomandato

Rapporto tra atteggiamento e comportamento - Psicologia sociale
2019
Cos'è la distimia: definizione, sintomi e trattamento
2019
Rimedi domestici per russare nei bambini
2019