Violenza domestica: maltrattamenti di donne e bambini

Definiremo la violenza domestica come violenza che si verifica all'interno della famiglia, sia che l'aggressore condivida o abbia condiviso lo stesso indirizzo, e che includa, tra l'altro, lo stupro, l'abuso fisico, psicologico e sessuale. Comprendiamo che la violenza domestica è un modello di comportamenti appresi e coercitivi che comportano abusi fisici o minacce di abusi fisici. Può anche includere abusi psicologici ripetuti, violenza sessuale, isolamento sociale progressivo, punizione, intimidazione e / o coercizione economica.

Ci sono autori che sottolineano che questo tipo di aggressione è sostanzialmente dovuta a tre fattori; uno di questi è la mancanza di controllo degli impulsi, la mancanza di affetto e l'incapacità di risolvere correttamente i problemi; e anche in alcune persone possono apparire variabili di abuso di alcol e droghe. Se vuoi saperne di più sulla violenza domestica, i maltrattamenti di donne e bambini, ti consigliamo di leggere questo articolo.

Che cos'è la violenza domestica?

L'abuso all'interno della famiglia è definito come un insieme di atti che minacciano l'integrità fisica, psicologica, sociale e / o economica di un membro della famiglia. Normalmente, le vittime della violenza domestica sono generalmente bambini e donne.

Sappiamo tutti che è sempre triste e doloroso trascinare la vita quando non è stato ricevuto amore, soprattutto dai genitori durante l'infanzia. Chiunque abbia studiato un po 'l'essere umano, ti dirà che i primi cinque anni di vita lasciano un segno indelebile per tutta la vita, nel bene e nel male.

Pertanto, privare un figlio dell'amore è come privare un albero che inizia a crescere dal fertilizzante, ma colpirlo è come lanciargli del veleno, finirà per ucciderlo psicologicamente ed emotivamente, o meglio sarà ferito a morte. Ma ci sono colpi e colpi, alcuni colpi attirano sangue o lasciano viola, anche un brutto colpo può causare la morte, ma ci sono altri più sottili che non si vedono, ma che sono registrati a fuoco basso non solo nella mente ma nell'identità di quello Ragazzo o quella ragazza. Sono registrati nel loro "io", e i frutti di questi colpi emotivi saranno visti più avanti nelle loro relazioni con persone significative e nelle loro relazioni con il mondo.

Abusi domestici: il ragazzo e la ragazza sconfitti

È importante parlare un po 'più in dettaglio di quei colpi, che sono visti o ascoltati solo da coloro che li danno, anche se non pensano al futuro e alle terribili conseguenze che porteranno ai loro figli.

È chiaro che quando si ripetono i colpi fisici, ma soprattutto psicologici o emotivi, l'amore si sta esaurendo. Noi adulti sappiamo quanto fa male il silenzio, forse più delle parole offensive. Quel silenzio è la peggiore delle punizioni, ora immagina un bambino che non ha fatto nulla e non gli si parla, e non è abbracciato e accarezzato, come la sua identità sta modellando ..., pensiamo a quello.

Hai pensato al danno che fanno ai loro figli, forse molte volte senza accorgersene, quando invece di interagire con i loro bambini piccoli sono preoccupati per il lavoro, la pulizia, ecc., Ossessivamente e perfezionisti della casa? Sono colpi lenti che formano in modo difettoso la scultura di suo figlio.

Silenzio e assenza, quando il bambino viene rimproverato per piccoli errori ma chiudi il cuore e la bocca quando fa qualcosa di giusto. Ad esempio, quando il bambino ha iniziato l'asilo nido e ha realizzato un disegno, che potrebbe essere composto da quattro strisce incrociate, ma che per lui era un'opera d'arte, invece di abbracciarlo o lodarlo, sei rimasto in silenzio. Ciò si verifica nel bambino che impara a vedere solo gli errori, ma non il bene che sta nel suo popolo.

Conseguenze della violenza intrafamiliare nei bambini

Tutti questi colpi emotivi e psicologici fanno così tanti danni durante l'infanzia perché il ragazzo o la ragazza non sa come difendersi; la sua mente sta appena iniziando a sviluppare lentamente alcuni meccanismi di difesa per filtrare e analizzare ciò che vede e sente. La sua mente è come una spugna: riceve tutto. Non ha la capacità di dire che è vero o no, ciò che dicono è giusto o ingiusto. Questo è il motivo per cui i messaggi-colpi sono come onde gigantesche che raggiungono incontrollabilmente nelle profondità di quell'essere indifeso. Ma quanto è diversa l'infanzia e il futuro dei loro figli quando sentono l'amore tra il padre e la madre, quando vedono che la madre riceve un bacio, un abbraccio al padre che viene dal lavoro o quando il padre Viene con un mazzo di fiori per sua moglie o bacia sua moglie. Sono dettagli che sono registrati nell'anima dei bambini, che stanno modellando la loro personalità, che riempiono quel cuore di amore. Credimi, sarà la migliore eredità che puoi lasciare ai tuoi figli.

Codipendenza nella violenza di genere

In tutte le famiglie c'è qualche disfunzionalità in misura maggiore o minore. Spesso le persone codipendenti sono state sottoposte a qualche forma di abuso fisico o verbale o hanno subito l'abbandono di uno dei loro genitori o di entrambi, sia fisici che emotivi.

Le cause della codipendenza

Il codipendente cerca sollievo in qualche dipendenza per "anestetizzare" il suo dolore. A volte lo fa attraverso relazioni personali disfunzionali e spesso dannose; o attraverso dipendenze in denaro, sesso, rabbia, droghe, bevande, ecc. Il codipendente è legato a ciò che gli è successo nella sua famiglia di origine e si sente internamente torturato per questo, anche se il più delle volte non si rende conto di ciò che gli sta accadendo.

Ognuno di noi ha un innato bisogno di ricevere amore. Possiamo chiamare questa necessità "il serbatoio dell'amore". Quando nasce il bambino, quel serbatoio è vuoto. Se i genitori sono persone emotivamente sane i cui carri armati sono pieni, possono riempire il serbatoio dei loro figli e cresceranno e si svilupperanno psicologicamente sani. Tuttavia, se uno dei genitori o entrambi non avevano il proprio serbatoio pieno, è probabile che il bambino non ricevesse abbastanza amore perché suo padre o sua madre non lo avevano per darlo. Questa mancanza di amore lascia cicatrici nell'anima dei bambini che portano a determinati comportamenti disfunzionali in età adulta, come la codipendenza. Il codipendente non può dare ciò che non ha ricevuto, quindi la codipendenza diventa un circolo vizioso che continua di generazione in generazione se non si cerca aiuto psicologico.

I bambini di famiglie disfunzionali sono cresciuti senza aver sentito messaggi importanti dai loro genitori come; " Sei molto intelligente ", " stai facendo un buon lavoro " o " grazie amore mio, apprezzo molto il tuo aiuto ". Per questo motivo, quando crescono si sentono abbandonati, hanno poca autostima e cercano l'approvazione di altre persone per sentirsi meglio con se stesse. A volte la loro fame di amore e approvazione è così grande quando raggiungono l'adolescenza o l'età adulta, che sono disposti a sopportare qualsiasi cosa, purché ricevano solo "briciole" di amore e attenzione.

Il ciclo della violenza di genere

All'inizio della maggior parte delle relazioni è molto difficile che appaia la violenza di genere. Durante questo periodo viene mostrato un comportamento positivo. Ogni membro della coppia mostra il suo aspetto migliore. La possibilità che la coppia finisca è molto alta se si verifica un episodio di violenza. Successivamente, mostreremo l'approccio teorico di Leonor Walker al ciclo della violenza di genere.

Fase 1. Accumulo di tensione

Le dinamiche della violenza domestica esistono come un ciclo, che attraversa tre fasi:

  • Mentre la relazione continua, la domanda aumenta così come lo stress.
  • C'è un aumento del comportamento aggressivo, più di solito verso gli oggetti che verso la coppia. Ad esempio, sbattere le porte, lanciare oggetti, rompere cose.
  • Il comportamento violento è rafforzato dal sollievo della tensione dopo la violenza.
  • La violenza si sposta dalle cose alla coppia e potrebbe esserci un aumento degli abusi verbali e degli abusi fisici.
  • La coppia cerca di modificare il proprio comportamento per evitare la violenza. Ad esempio: mantenere la casa sempre più pulita, i bambini più tranquilli, ecc.
  • L'abuso fisico e verbale continua.
  • La donna inizia a sentirsi responsabile dell'abuso.
  • L'uomo violento diventa ossessivamente geloso e cerca di controllare tutto ciò che può: il tempo e il comportamento della donna (come si veste, dove va, con chi è, ecc.).
  • Il violento cerca di isolare la vittima dalla sua famiglia e dai suoi amici. Puoi dirgli, ad esempio, che se si amano non hanno bisogno di nessun altro, o che quelli fuori sono stick, o che si riempiono la testa, o che sono pazzi ecc.

Questa fase differisce a seconda dei casi. La durata può essere di settimane, giorni, mesi o anni. Si accorcia nel tempo.

Fase 2. Episodio acuto di violenza (esplosione)

  • Appare la necessità di scaricare le tensioni accumulate.
  • L'aggressore fa una scelta sulla sua violenza. Decidi il tempo e il luogo dell'episodio, fai una scelta consapevole su quale parte del corpo colpire e come lo farai.
  • Come risultato dell'episodio, la tensione e lo stress scompaiono nell'aggressore. Se c'è un intervento di polizia, è calmo e rilassato, mentre la donna appare confusa ed isterica a causa della violenza subita.

Fase 3. Fase di calma, rimpianto o luna di miele

  • È caratterizzato da un periodo di calma, non violenta e mostra amore e affetto.
  • In questa fase, può accadere che il maltrattatore si assuma una parte della responsabilità per l'episodio acuto, dando alla coppia la speranza di un cambiamento nella situazione futura. Si comportano come se nulla fosse successo, promettono di chiedere aiuto, promettono di non farlo di nuovo, ecc.
  • Se non vi è alcun intervento e la relazione continua, esiste una grande possibilità che la violenza aumenti e la sua gravità aumenti.
  • A meno che il calciatore non riceva aiuto per apprendere metodi adeguati per gestire il proprio stress, questa fase durerà solo per un po 'e il ciclo ricomincerà, il che si alimenterà da solo.

Dopo un po ', torna alla prima fase e tutto ricomincia.

L'aggressore non guarisce da solo, deve avere un trattamento. Se la moglie rimane con lui, il ciclo ricomincerà ancora e ancora, con crescente violenza.

Personalità di Abuser

Gli aggressori di solito provengono da case violente, tendono a soffrire di disturbi psicologici e molti di loro usano alcol e droghe, il che aumenta la loro aggressività. Hanno un certo profilo di immaturità, dipendenza emotiva, insicurezza, emotivamente instabile, impaziente e impulsivo.

Gli aggressori di solito trasferiscono l'aggressività che hanno accumulato in altre aree verso le loro donne.

Chi abusa, spesso una persona isolata, non ha amici intimi, geloso (celotipia), bassa autostima che causa frustrazione e che a causa di ciò si genera in atteggiamenti di violenza.

Un'indagine condotta da psicologi americani, il Dr. John Gottman e il Dr. Neil Jacobson. Sottolineano che gli uomini violenti rientrano in due categorie: pit bull e cobra, con le loro caratteristiche personali:

Pitbull:

  • È solo violento con le persone che ama
  • Geloso e impaurito dall'abbandono
  • Privare la coppia della loro indipendenza
  • Presto prega, osserva e attacca pubblicamente il tuo partner
  • Il tuo corpo reagisce violentemente durante una discussione
  • Ha un potenziale di riabilitazione
  • Non è stato accusato di alcun crimine
  • Forse aveva un padre violento.

Cobra:

  • Aggressivo con tutti
  • Incline a minacciare con un'arma bianca
  • Si calma internamente, poiché diventa aggressivo
  • Difficile da trattare in terapia psicologica
  • Uno dipende emotivamente da un'altra persona, ma insiste sul fatto che il suo partner faccia quello che vuole.
  • Forse è stato accusato di un crimine
  • Abuso di alcol e droghe.

Il pitbull spia la moglie, è un celiaco, gli piacciono tutte le persone tranne le sue fidanzate o mogli. Il cobra è un sociopatico, freddo, calcolatore, può essere caldo. L'abuso non si ferma da solo.

Dopo che la donna è stata maltrattata fisicamente e ha paura, a volte questo tipo di abuso cessa e lo sostituisce con un costante abuso psicologico, attraverso il quale fa sapere alla sua vittima che l'abuso fisico può continuare in qualsiasi momento.

A volte, la violenza dell'aggressore nasconde la paura o l'insicurezza, che sentiva da bambino di fronte a un padre violento che lo picchiava spesso, quando divenne adulto preferiva adottare la personalità del padre violento per sentirsi debole e spaventato. In altri casi, i comportamenti offensivi sono la conseguenza di un'infanzia eccessivamente permissiva durante la quale i genitori hanno soddisfatto il bambino in tutto. Questo porta il bambino a credersi superiore diventando adulto e pensando di essere al di sopra della legge. Cioè, puoi fare quello che vuoi e abusare di chiunque. Pensa di meritare un trattamento speciale, meglio di quello dato agli altri.

Come riconoscere la violenza domestica

La violenza domestica o gli abusi domestici non sono sempre facili da definire o riconoscere. In termini generali, potremmo designarlo come l'uso deliberato della forza per controllare o manipolare la coppia o l'ambiente più vicino.

È il solito abuso psicologico, sessuale o fisico . Succede tra persone affette da problemi emotivi, come marito e moglie o adulti contro minori che vivono nella stessa famiglia.

La violenza domestica non è solo abuso fisico, percosse o ferite. La violenza psicologica e sessuale è ancora più terribile a causa del trauma che provocano, rispetto alla violenza fisica che tutti possono vedere. C'è violenza quando viene attaccata l'integrità emotiva o spirituale di una persona.

La violenza psicologica viene rilevata con maggiore difficoltà. Chi ha subito violenza fisica ha tracce visibili e può ottenere aiuto più facilmente. Tuttavia, è più difficile per la vittima che porta cicatrici psicologiche da controllare. Ciò rende anche difficile, ad esempio, l'abilità manipolativa del marito che presenta la moglie come esagerata nelle loro lamentele o semplicemente pazza.

A volte la violenza fisica precede anni di violenza psicologica. La violenza psicologica è, disprezzare la donna, insultarla in modo tale che arriva un momento in cui quella donna che è psicologicamente maltrattata, crede già che quei colpi li meritino. E quanto è difficile convincere una donna a chiedere aiuto quando pensa di non averne bisogno.

Ci sono donne che si vergognano di ciò che accade loro e che credono persino di meritare un abuso. Questo è il motivo per cui preferiscono tenerli segreti e che la situazione possa durare anni. Coloro che maltrattano le loro vittime lo fanno secondo uno schema di abuso psicologico.

Come nel caso dell'alcolista, colui che colpisce una donna o l'abuso psicologico o sessuale, la prima cosa che farà è negarlo. La negazione è dire: "No, l'ho colpito giustamente." Non c'è motivo di colpire una donna o qualcuno. Ma lo negano. Dicono: "Non l'ho colpita, non le ho fatto niente, toccala e basta".

Un'altra forma di abuso psicologico è l' isolamento, in cui la donna viene svuotata, non le parlano, né la guardano e poi pensa di meritare quel trattamento.

Anche il bullismo è un abuso. "Se dici qualcosa ti ammazzo." Molte donne non osano parlare, a causa delle minacce che i loro mariti o i loro partner lanciano contro di loro. Sia il tossicodipendente che l'abusatore hanno sempre delle scuse e danno la colpa a qualcuno.

Anche in quell'abitudine di abuso psicologico c'è l'abuso economico. "Se dici qualcosa non ti darò il pagamento mensile." All'interno di questo abuso psicologico dei mariti che picchiano (ciò che viene chiamato triangolazione in psicologia), esiste un altro tipo di abuso: usare i figli per far sentire in colpa le mogli. In questo caso i bambini fungono da messaggeri: "Di 'a tua madre che ..." Le minacce attraverso i bambini, le minacce che porteranno via il bambino, tutte queste sono abusi psicologici che precedono l'abuso fisico.

Tutti questi abusi impediscono alle donne di uscire di casa, quella casa violenta. Quella violenza psicologica a cui sono sottoposte molte donne è più orribile dell'abuso fisico. Chiedi a qualsiasi donna a cui è stato abusato fisicamente ciò che fa più male; se parole offensive, disprezzo o colpi. I colpi sono passati, gli abusi psicologici, gli insulti, il disprezzo sono bloccati nel cuore.

Manifestazioni di violenza psicologica

Una delle forme più sottili e allo stesso tempo comuni di violenza intrafamiliare è la violenza o l'abuso psicologico, questo può apparire nei seguenti modi:

  • Abuso verbale: ridurre, insultare, ridicolizzare, umiliare, usare giochi mentali e ironia per confondere, ecc.
  • Intimidazione: spavento con sguardi, gesti o urla. Lancia oggetti o distruggi proprietà.
  • Minacce: ferire, uccidere, suicidarsi, prendere bambini.
  • Abuso economico: controllo abusivo di finanze, premi o punizioni monetarie, impedendogli di lavorare anche se necessario per il sostegno della famiglia, ecc.
  • Abuso sessuale: imposizione dell'uso di contraccettivi, pressioni da interrompere, disprezzo sessuale, imposizione di relazioni sessuali contro la propria volontà o contrarie alla natura.
  • Isolamento: controllo abusivo della vita dell'altro, monitorando le loro azioni e movimenti, ascoltando le loro conversazioni, impedendo la coltivazione di amicizie, ecc.
  • Disprezzo: considera l'altro come inferiore, prendi decisioni importanti senza consultare l'altro.

Perché la donna rimane in questa relazione violenta?

La persona maltrattata diventa codipendente da suo marito (l'aggressore), anche dopo essere stata picchiata. È comune sentire questa frase: "Lo amo così tanto". Le persone che sostengono i colpi da anni dicono: "Non mi separo perché lo voglio". È impossibile amare una persona che ti tratta come se fossi un animale, cioè dipendere da quella persona.

Un altro motivo per cui alcune donne non si separano da questo problema di codipendenza è che sono incoraggiate dalla famiglia e, sfortunatamente, dalla Chiesa, a rimanere con chi abusa. Soprattutto, la famiglia consiglia loro di mantenere questa relazione per "il bene dei tuoi figli". "Come hai intenzione di lasciare i tuoi figli senza un padre?" Gli viene detto.

Cosa c'è di meglio, avere un padre che colpisce sua madre e poi picchiare i suoi figli o non avere un padre? I bambini vengono feriti molto di più quando vedono il padre colpire la madre. Per i bambini piccoli, la madre è la base di tutta la sua vita, la base della sua affettività, la base della sua sicurezza. Se una madre viene picchiata, i suoi figli collassano emotivamente. È molto meglio separare.

A volte le donne non si separano e soffrono in silenzio per paura di perdere la propria sicurezza economica e quella dei propri figli. Questo succede soprattutto nelle donne che non hanno istruzione.

Altre volte non si separano a causa di minacce di maggiore violenza o morte, se provano a separarsi. "Se dici qualcosa alla polizia, ti ammazzo."

Quando ad alcune donne viene chiesto perché hanno subito abusi per anni, la risposta più comune è questa: "Per i miei figli; non volevo che fossero cresciuti senza un padre". Sembra una risposta valida, ma se analizziamo in profondità scopriamo la sua incoerenza. Succede che in una situazione di violenza anche i bambini soffrano. La crescita in un'atmosfera di paura, tensione e terrore influenzerà negativamente il loro sviluppo emotivo e in seguito si manifesterà nell'abbandono scolastico, nell'uso di droghe, nei disturbi psicologici e nella violenza e criminalità.

In molti casi il fattore economico influenza. Resistono a tanta umiliazione purché non perdano la sicurezza economica per se stessi e i loro figli. Queste sono generalmente donne con scarsa preparazione accademica, consapevoli che senza il marito non potrebbero vivere comodamente.

Violenza domestica e violenza di genere

La cosa peggiore è che la donna abusata ripetutamente viene distrutta psicologicamente. Il tuo io, la tua identità individuale. Ciò la rende incapace di prendere le giuste decisioni. Cade in un'ambivalenza efficace ("Quanto è bravo quando non mi colpisce!"); la sua autostima rimane sul pavimento finché non crede di meritare tali insulti e colpi.

Quando una persona scende a quel livello, la sua capacità decisionale viene praticamente annullata, perché il principio vitale viene ferito a morte. Se una persona così schiacciata è minacciata da un "Se mi riferisci, ti uccido", si sentirà paralizzato. Forse in un ultimo tentativo di sopravvivenza reagisce, ma usando le stesse armi che l'hanno distrutta. L'amore non dovrebbe ferire. L'amore implica fiducia, protezione, rispetto reciproco dei gusti, comunicazione, carezze, sostegno alla crescita emotiva e spirituale. Consiste nel condividere la vita con gioia, discutere le differenze e le preferenze e rispettare l'integrità fisica, morale e spirituale della persona amata.

Le donne che subiscono una relazione violenta finiscono indefinitamente per perdere la salute fisica e la zecca, si ammalano, l'intera famiglia finisce per ammalarsi. Le donne in situazioni di abuso perdono la loro autostima. Non sanno come proteggersi, né si rendono conto del pericolo che devono affrontare.

Cause della violenza domestica di genere

Innanzitutto c'è una radice culturale storica (legata al sistema patriarcale). Per molto tempo la nostra società è stata molto macho, l'uomo ha creduto di avere il diritto primario di controllare, disciplinare severamente, persino abusare della vita di donne e bambini. Ciò è avvenuto sotto le spoglie del ruolo economico dell'uomo, fornitore di cibo. Questo ruolo è stato mantenuto nella nostra società, motivo per cui, oggi, le donne continuano a essere vittime di abusi, stupri, accusano meno, subiscono molestie sul lavoro ...

Un'altra causa è la cultura attuale. Le persone si tirano i capelli. Perché sta succedendo questo? L'attuale modello della nostra società sta rafforzando l'uso della forza per risolvere i problemi. Ecco perché l'aggressore usa la forza fisica, per mantenere il potere e il controllo sulle donne, perché ha imparato che la violenza è efficace per ottenere quel fine del controllo e poiché non ne hanno subito le conseguenze, le donne sono state in silenzio.

La violenza domestica si verifica a tutti i livelli della società, non solo nelle famiglie povere. Nelle famiglie ricche succede la stessa cosa. Quello che succede è che una donna che è stata picchiata, se ha soldi, va tranquillamente in una clinica privata e qui non è successo niente. Chi è povero deve andare in ospedale e i dottori dicono: "Questa donna è stata picchiata" e la polizia se ne prende cura.

Tra bianchi, neri, gialli, cattolici, ebrei, protestanti ed evangelici; Tra tutti, c'è la violenza domestica. Ma non perché sono protestanti o cattolici, ma perché non sono come dovrebbero essere.

Un'altra causa di questo problema è il supporto. In televisione la violenza è glorificata, gli stereotipi che ci presentano sono di violenza sessuale. Quando un marito fa sesso forzatamente con sua moglie, si parla di violenza sessuale, perché anche la donna ha il diritto di dire di no. Se una donna, come sento ogni giorno, viene insultata, irritata, raccontata barbara, non parlata e solo una volta faceva sesso con lei; Come vorresti stare con tuo marito? Hai il diritto di dire di no, tutto bene nel mondo.

In molti casi, anche la violenza domestica è strettamente legata all'alcol e alle droghe. Cosa succede quando una persona consuma droghe o si ubriaca? In questa parte del cervello abbiamo i centri vitali, comuni agli animali e c'è il centro dell'aggressività o dell'istinto aggressivo. Tutti gli uomini e le donne ce l'hanno. Ma nella persona normale, questi centri comunicano con la parte cosciente dell'uomo, che differenzia l'uomo dall'animale.

Quando si beve alcool o si usa qualsiasi droga, questi centri vengono lasciati come una nave senza timone. E cosa succede a una nave senza timone? Bene, si schianta contro le rocce. Soprattutto l'aggressività, l'istinto sessuale, sono lasciati senza controllo. Poi arriva il pestaggio di donne e bambini sotto l'influenza dell'alcol e l'abuso delle donne sessualmente. Il 50% dei casi (conosciuti) di abusi sessuali tra bambini, è tra persone alcoliche o dipendenti, perché l'animale che esiste dentro di noi, in Spagna.

Ricordi, valori, consigli, quando usi o abusi di alcol o droghe, non funzionano e arriva la violenza domestica.

Nonostante la cosiddetta "liberazione femminile" (che ha portato molte donne a una schiavitù maggiore), ci sono ancora uomini che considerano la moglie e i figli come oggetti di proprietà. Ecco perché credono di avere il diritto di scaricare la loro frustrazione o il cattivo umore nei loro confronti maltrattandoli a piacimento.

Poiché i bambini imitano i genitori, spesso coloro che durante l'infanzia hanno assistito ad abusi fisici tra i genitori, ripetono lo stesso comportamento quando raggiungono lo stato di adulto. Hanno imparato che problemi e conflitti sono affrontati con forza bruta.

Quell'apprendimento negativo attacca così tanto che spesso passa di generazione in generazione. Se a questo aggiungiamo la "glorificazione" della violenza nei media, possiamo capire perché molti esseri umani ricorrono alla violenza, a volte con una freddezza che spaventa più dell'atto violento stesso.

L'esperienza dimostra che molti dei maltrattatori familiari sembrano "zanzare morte"; attraversano persone educate e gentili, ma in fondo sono persone gelose con una cattiva immagine di sé e che vivono in un mondo irreale. Se queste persone danno loro delle bevande extra, che è frequente, l'esplosione violenta sarà molto maggiore.

E le vittime della violenza domestica?

Molti continuano a soffrire fino a quando non vengono completamente distrutti fisicamente, psicologicamente e moralmente. Altri accusano i loro aggressori di fronte alla polizia, che spesso non prende le lettere appropriate in materia. E succede anche ciò che non vogliamo che accada: anche la vittima diventa violenta.

Comprendiamo che le persone che soffrono di fame endemica si ribellano e addirittura si alzano in braccio. Perché non capiamo che una donna calpestata, derisa, degradata nella parte più intima del suo essere può esplodere e diventare violenta? Ciò, sebbene non giustificato, è spiegato.

Se ritieni che qualcuno nel tuo ambiente possa soffrire di violenza domestica (o te stesso), è di vitale importanza andare ai servizi sociali e cercare supporto nella tua cerchia più vicina al di fuori degli abusi. Se hai bisogno di ulteriori consigli, puoi consultare il seguente articolo sulle relazioni distruttive: sintomi e suggerimenti per uscirne.

Questo articolo è puramente informativo, in quanto non abbiamo il potere di fare una diagnosi o raccomandare un trattamento. Ti invitiamo ad andare da uno psicologo per discutere del tuo caso particolare.

Se vuoi leggere altri articoli simili alla violenza domestica: maltrattamenti su donne e bambini, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Conflitti familiari.

Raccomandato

Perché il mio bambino mi tira i capelli
2019
Meningioma: sintomi, trattamento e sequele
2019
Metodi contraccettivi per gli uomini
2019